Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #6 - Km 1533 - Ioannina

Non ricordo se già l'ho scritto, ma poche settimane fa MaLa ha gettato il suo telefono in acqua. È rimasto lì per un poco, apparentemente a portata di mano... se solo fossi stato rapido a tuffarmi nello stretto spazio tra le due barche. 
Ma ho pensato: 
- Ormai è andato.
E subito dopo, quando era ancora lì: 
- Ce l'avrei sicuramente fatta, poco fa, ma ormai, adesso, è andato di certo.
E poi, quando ancora acceso scendeva piano, controvoglia: 
- Forse avrei potuto salvarlo, un attimo fa, ma ormai è troppo tardi.
E così via, fino a quando, a un paio di metri dalla superficie, si è spento ed è sparito alla nostra vista sgomenta. 
Io avevo perso tempo a calcolare come meglio entrare in acqua evitando di sbattere la testa sugli scafi - che un telefono non vale una vita, soprattutto la mia, l'unica personale occupazione a tempo pieno cui mi dedico da anni - ma anche  a elencare mentalmente quello che avrei dovuto togliermi prima del tuffo. Il mio, di telefono, e gli occhiali.
I miei occhiali, del resto, si sono spezzati all'altezza della lente sinistra mentre li pulivo, qualche giorno dopo. Eravamo nel pieno di una delle tante cene di commiato, Duna era piena come un uovo di amici, e io ho passato la serata a rispondere genericamente a generiche persone, perché senza occhiali sono poco più di una talpa. Miracolosamente, il giorno dopo ne ho trovato un altro paio, vecchi, che tenevo di scorta nel tavolo da carteggio in previsione di simili avvenimenti.
Una volta partiti è stata la volta della dogana turca. Ne avete forse letto, su questo blog. E una volta liberi dalla burocrazia ecco la macchina, la "Fedele C3 che di strada ne ha già fatta 60 volte tanta" (cito a memoria dalla quarta di copertina del libro sul nostro viaggio di andata, in pubblicazione tra pochi giorni) ha cominciato a fare un rumore di ferraglia. Come una forchetta arrotolata chiusa una scatoletta di pelati vuota e agitata da un rinoceronte, nervoso, in rapido movimento.
Due giorni fermi a Krinides - il guaio era capitato di sabato, ovvio - ci hanno permesso di cambiare la frizione. Il cuscinetto reggispinta si era aperto, assumendo la forma di una forchetta arrotolata. Del rinoceronte nessuna traccia.
Stamattina quindi, finalmente, siamo partiti. Poco prima di portare le valigie fuori sono andato in bagno e, per sciacquarmi la faccia, ho appoggiato sul mobile alla mia destra gli occhiali. Il mobile era alla mia sinistra, e gli occhiali sono precipitati a terra.
Più tardi, indossate le lenti a contatto, ho guidato fino a Ioannina dove avevamo in programma un pranzo con Renevi, una cara amica di MaLa che frequenta la facoltà di Belle Arti della locale università. Avremmo avuto poco tempo da passare con lei, perché il nostro traghetto sarebbe partito da Igoumenitsa in serata e noi dovevamo ancora fare il biglietto.
Senonché, arrivati al dolce, per guadagnare qualche minunto abbiamo provato a prenotare online. E il nostro traghetto era sparito. Dopo il telefono, gli occhiali, la dogana, la frizione, ancora gli occhiali, non ho potuto che allargare le braccia e mettermi a ridere.
Abbiamo allora approfittato del pomeriggio per curiosare per l'università, piena di gente simpatica, fuori di testa come si addice a una facoltà d'arte, immersa in un ambiente talmente degradato da assomigliare a un'occupazione di punkabbestia poco prima del prevedibile incendio durante il rissone catartico finale.
Ospiti improvvisi ma ipercoccolati nel piccolo e grazioso appartamento di Renevi, abbiamo telefonato alla Anek Lines per scoprire l'arcano che spiegava almeno l'ultima delle sfighe degli ultimi giorni: burrasca nello stretto di Otranto, prevista onda media di 8 metri, il che significa che là fuori c'erano mostri alti anche il doppio. Ecco perché tutti i collegamenti marittimi erano soppressi.
Forse stavolta era stata la fortuna a ritardare il nostro viaggio.


Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q