Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #5 - Mi mancherà, la Grecia

Sostieni i danni da usura del cuscinetto reggispinta: prenota la tua copia del mio nuovo libro su https://www.produzionidalbasso.com/project/adamo-eva-un-diario-di-viaggio/
 
Mi rendo conto solo ora che non so nemmeno come si chiama.
Il padrone di casa, il padre di Yannis.
Stamattina mi ha accompagnato, con la mia sferragliante C3, fino da Yavvas, il meccanico, figlio di un suo amico di infanzia. Arrivati lì, mi ha fatto compagnia per un'ora buona, prima in attesa dell'arrivo del titolare, poi in attesa che io, Yavvas e tutti gli altri ci mettessimo d'accordo sul guasto alla macchina e su come e quando ripararlo. Perché qui in Grecia è così: un problema lo si risolve tutti insieme. E nel frattempo ci si chiede "Come stai?", e "Di dove sei?" e del tuo lavoro, dei tuoi progetti. E nel frattempo tra loro, li capisco un poco, parlano di amici comuni che si sono sposati da poco con la moglie del cugino di qualcuno che non è tra i presenti ma che qui tutti conoscono.
Trovato un accordo, peraltro ottimo, per sostituire la mia frizione entro il pomeriggio, il padrone di casa ha chiesto a uno dei presenti di riaccompagnarci fino in paese. E, arrivati lì, mi ha proposto di andare a bere un caffè insieme.
"Nè," gli ho risposto io. "Allà egò ta pliròso". Che ci mancava solo che offrisse lui.
Il meccanico mi ha contattato nel pomeriggio, su messenger, mandandomi le foto dei vari stadi della lavorazione. La C3 sul ponte, la frizione smontata, il cuscinetto aperto in due - ci credo che faceva rumore! - i pezzi di ricambio pronti.
"Se lìgo ètimo ìne," ha aggiunto: "Tra poco è pronta."
Nel frattempo io e MaLa scendiamo a piedi fino al paese per un caffè, e poi per una pita giro chirinò: una panino al kebab di maiale, animale il cui sapore tanto ci è mancato in questi mesi passati in Turchia. Lì infatti è raro trovarne in macelleria, anche se i nostri amici più stretti, quelli del raki, lo mangiano con estremo piacere.
Tornati a casa il padre di Yannis ci offre un altro caffè, e lui e la moglie ci intrattengono pazientemente, in quel poco di greco che abbiamo in comune, fino a che non arriva il messaggio che stiamo aspettando.
Al che, sempre lui, ci chiama un taxi e, prima di poter dire "Ah", sale davanti insieme a noi e ci accompagna di nuovo dal meccanico.
Arrivati lì, infine, riesco a farmi capire: la C3 è stracarica, non c'è posto per tre, pagherò il taxi per lui, fino a casa.
Ma lui, invece di tornare indietro, chiede al tassista di aspettare, entra nell'officina e si accerta che tutto sia a posto, il lavoro fatto e la macchina funzionante.
"To dròmo xèris?" mi chiede infine, preoccupandosi che io conosca la strada per tornare indietro. E solo dopo la mia risposta affermativa ci saluta con un sorriso, rimonta in macchina e si allontana.
E io, di quest'uomo meraviglioso, di questo pensionato che ha lavorato come camionista in Germania per trent'anni e conosce tutte le strade italiane dal Brennero a Brindisi senza parlare una parola della mia lingua, neanche so il nome.
Mi mancherà, la Grecia.

Commenti

Prenota il nuovo libro!

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…