Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Caunos



A settembre, di ritorno dalla nostra avventura agostana su Orpheas, abbiamo conavigato insieme a Filippo ed Eli lungo la costa turca, scendendo da Marmaris fino a Fethiye. A un giorno di vela dal porto di partenza c'è un golfo grazioso, quello di Ekincik, dove - almeno fuori stagione - è possibile incontrare persone speciali. La nostra guida ci ha avvicinato sul suo grosso gozzo turistico, ricoperta di tappeti, per proporci la classica gita a Caunos. Eravamo all'ancora, cime a terra, all'esatta ora in cui, capelli ancora umidi dall'ultimo bagno (chi li ha) e bicchiere pieno di birra in mano, il languore del tramonto mal si adattava a contrattazioni in stentato inglese a proposito di gite su fiumi evidentemente paludosi a vedere le ennesime rovine e le ennesime tombe rupestri licie. Che a contare quante ne hanno lasciate parrebbe che morire fosse la loro principale occupazione.
Ma Hidayet era simpatico e così, tra un brindisi e il successivo, ci aveva convinto a prenotare la gita per il mattino successivo.
Qui sotto le impressioni, scritte in quei giorni.

Caunos
Il teatro si affacciava sul porto. Dalle gradinate più alte gli spettatori potevano scrutare il bacino circolare protetto dai due alti promontori, e il mare subito fuori, interrotto a poche centinaia di metri dalla penisola montagnosa - ai piedi della quale risorgono sorgenti sulfuree - che lo difendeva dalle onde di maestrale.
Ora i terremoti hanno squassato le sedute di marmo, e tre olivi occupano il posto riservato ai cittadini di Caunos.
Siamo arrivati per primi, e abbiamo goduto di una fortunata solitudine prima dell'arrivo delle orde di turisti tirati su a mucchi con il trattore dalla vallata sottostante.
Siamo arrivati dal mare, noi, e poi dal fiume e infine dalla palude che ora circonda questo posto negandogli l'accesso più importante, quello per cui era sorta qui, questa città, a cavallo tra due golfi protetti, a ridosso dell'alta montagna.
Siamo arrivati delicatamente, pur accompagnati dal rombo del motore, seguendo i meandri sinuosi bordati dai canneti in cui si nascondono i granchi blu che, essendo - pare - afrodisiaci, la madre della nostra guida vietò al di lui padre dopo aver partorito il quinto figlio.
Anno dopo anno, metro dopo metro, la pianura è avanzata nel grande golfo sul quale Caunos si affacciava. Stagione dopo stagione, i canneti hanno preso il posto delle rive rocciose, e la sabbia ha insidiato i due porti della città.
Chi sa se era argomento di conversazione, qua su, in attesa dello spettacolo. Qualcuno forse ricordava che, quando era piccolo, non c'era quella lingua di terra sulla sinistra, appena al di là delle mura. Forse qualcuno ha inizialmente sostenuto che non era poi un male: così il porto era maggiormente protetto dai venti da sud, che certo prima portavano risacca fino ai moli interni.
E poi, un anno, le navi più grandi hanno cessato di arrivare, bloccate dalla barra del fiume. E forse, di lì a poco, la malaria si è diffusa, a ondate. La gente ha cominciato ad andar via. Prima i marinai, poi i mercanti. Le taverne hanno chiuso, e così gli ostelli. E i pescatori, coi loro barchini, sono rimasti i soli a frequentare il porto.
E poi nemmeno loro, perché non era rimasto più nessuno a cui vendere il pesce faticosamente pescato laggiù, lontano, in mare aperto.
Solo capre, e rari nomadi, e asini. Fino alle orde di turisti tirati su col trattore.
Perché grazie a loro, in fondo, Caunos vive ancora.
----------
Tra l'altro, visto il riscaldamento globale e gli oceani che salgono di livello, Tra qualche anno potrebbe essere conveniente comprare un posto barca qui.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q