Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #1 - Km 560

La Partenza

Dovevamo partire alle dieci. A mezzogiorno abbiamo salutato tutti e siamo partiti in macchina verso nord. A mezzogiorno e dieci eravamo di nuovo parcheggiati davanti al cancello. Lulù, il cane, era probabilmente convinta che fosse per farle altre coccole, in realtà eravamo tornati per recuperare i mie occhiali da sole dalla tasca della giacca nera, frettolosamente riposta nell'armadio insieme a tutto quello che, lasciato in vista, avrebbe potuto dare l'idea di disordine. Dobbiamo stare fuori almeno sei mesi, e ci dispiace lasciare dietro di noi l'idea di disordine.
A mezzogiorno e venti siamo di nuovo salpati, verso nord... anzi no: c'è da salutare Roberto che lavora al centro di Pomezia e scende a prendere un caffè con noi. Tre caffè, di cui uno lungo e uno al vetro. Io per fare lo snob l'ho preso normale.
All'una siamo partiti davvero, abbiamo imboccato la Pontina e siamo saliti di lì fino al raccordo, all'A12, per poi uscire a sorpresa a Civitavecchia: dovevamo fare la scorta di pizza di Pasqua da regalare ai nostri amici lungo la via. Per loro abbiamo anche una collezione di marmellate fatte in casa da MaLa durante l'inverno, una cassa di medie dimensioni che, una volta svuotata, libererà abbastanza spazio per alloggiare nel bagagliaio un genoa medio. Abbiamo molti amici da incontrare, i prossimi giorni.
Il viaggio è proseguito senza sorprese e senza colpi di scena, a parte una divergenza musicale a proposito del ritornello di "Chitarra romana".
"Tanto per cantà, perché me sento un friccico ner core" e fin qui il coro funziona
"Tanto per sognà, perché ner petto me ce nasca un fiore!"
"Naschi" interrompe MaLa
"Come scusa?"
"Naschi, la canzone dice Naschi, tu hai detto Nasca"
E nel frattempo che io mi giustifico sostenendo che Nasca è più italiano e per questo mi viene naturale e lei mi rimprovera che la canzone è in romanesco e in romanesco va cantata, il ritornello finisce, parte la nuova strofa che nessuno di noi due canta perché è l'ultima e chi se la ricorda. Al successivo ritornello mi prendo la rivincita.
"Fiore de lillà, che m'ariporti verso 'r primo amore" in coro, e qui drizzo le orecchie.
"Che sospirava a le canzoni mie, e m'arintontoniva de bucie" canta MaLa
"E no! Non se po' sentire, mica fa così la canzone!"
"Ma sì, è che conosco la versione educata"
"Rincojoniva!" insisto io. "E m'arincojoniva de bucie!" canto, in romanesco. E arriviamo a Genova.
Ce ne accorgiamo dal traffico. Una fila continua parte dal casello, attraversa tutta la città e intasa le vie fino a Sestri Ponente, dove alla Lega Navale ci aspettano Riccardo e sua moglie Manuela. Parcheggiamo la nostra macchina e saliamo sulla loro. Il discorso precipita immancabilmente sul traffico. Ma nonostante il caos prodotto dal crollo del ponte, secondo Riccardo i genovesi si distinguono per la correttezza nel seguire le regole: parcheggiano sì in terza fila, ma solo dove consentito dalle striscie. Mica come a Roma. E mentre dice questo sterza improvvisamente per fare un'inversione a U in curva, tagliando quattro corsie e imboccando uno svincolo in senso opposto. Dietro di noi una macchina suona, nervosa, e il nostro amico fa uno svogliato cenno di scuse, dal finestrino. Erano i carabinieri, che non ci inseguono solo per non mettere in pericolo altre vite imitando la nostra manovra.
Una serata piacevole in una pizzeria qui vicino, tanti racconti e la promessa di incontrarci anche quest'anno in Grecia, magari ad Astipalea, magari replicando la regata Serenity che tanto successo ha avuto lo scorso anno (noi eravamo orgogliosamente arrivati terzi), magari recuperando anche una quarta concorrente. E infine a letto, qui nella barca dei nostri amici, confusa e accogliente come ci aspettiamo di trovare la nostra Duna.
Una bella partenza, una bella giornata. Domani è un altro giorno.
 
PS: Oggi MaLa ha perso il telefono solo una volta, e l'ha ritrovato a fine serata nel suo zaino.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo e Manuela. E Archimede.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q