Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #2 - 800Km - Ai confini dell'Asia




L'albergo ha la vasca termale in camera. L'acqua esce dal rubinetto a 60°C ed è quella chiamata "red thermal water", dove per "red" si intende il colore marrone del fango rimestato. A parte questo, la stanza è piccola, il letto pure, così come le lenzuola e le coperte: la notte si rivela un lento e angosciante dormiveglia - facilitato dalla luce dei lampioni che entra indisturbata dalla finestra priva di tende - passato a tirarci l'un l'altra le misere stoffe che dovrebbero difenderci dal freddo montano.
La sveglia ci trova gonfi di sonno arretrato, e irritabili. Montati in macchina ci dirigiamo verso la rotonda che porta all'uscita del paese. È un montarozzo di travertino alto tre metri, con un diametro di forse dieci, dal cui cucuzzolo scende acqua termale calda. Molto suggestivo.
Peccato che sbagliamo strada, e torniamo a girarci intorno. E poi la sbagliamo di nuovo, e di nuovo. E ogni volta ci ritroviamo a orbitare attorno alla sorgente del paese, sempre più nervosi, fino al prevedibile scazzo finale.
Passiamo imbronciati davanti a Pammukkale, il cui nome pare significhi "Castello di cotone", e poi lungo tutta la valle, coltivata, guarda caso, a cotone. Bianchi batuffoli di bambagia sparsi ovunque: nei campi sterminati, ai bordi delle strade o nell'aria, strappati dal vento ai trattori stracarichi, movimentati in enormi magazzini da ruspe immense. La curiosità ci distrae, e nostro malgrado ritroviamo il sorriso.
Intanto continuiamo a guidare. Passiamo dai campi punteggiati di bianco a vigneti infiniti, che se sostituissimo le moschee con le torri merlate saremmo nella val d'Orcia. E poi uliveti. Decine di chilometri di ulivi. E infine, scesi dall'altipiano, i meloni.
Arrivati al mare scopriamo di essere all'altezza di Lesbo. È lei quell'isola in mezzo al mare, sulla nostra sinistra, così a portata di mano. Ma noi continuiamo verso nord, oltrepassando anche Troia, senza fermarci per paura di essere sopraffatti dal sonno. E infine arriviamo a
Çanakkale.

L'albergo è decente, la città è viva, piacevole, amichevole. Ci facciamo una birra in un pub che potrebbe essere gemellato col Pigneto, mangiamo sardine e calamari fritti in una bettola della città vecchia sorseggiando la bibita locale, ovvero succo di sottaceti. Passeggiamo tra pasticcerie, sale da tè, caffetterie piene di uomini e donne che giocano a carte e a mahjong, pescatori con le lunghe canne puntate nel buio pieno di correnti dei Dardanelli, improbabili cavali di Troia pargheggiati in attesa di un ritardatario Ulisse sul lungomare cittadino.
Domani, se tutto va bene, attraverseremo in traghetto quel poco di mare che rimane a separarci dall'Europa.
Ma anche qui non si sta poi così male.

Commenti

Prenota il nuovo libro!

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…