Passa ai contenuti principali

I diari di Adamo ed Eva


Duna lo scorso Dicembre è rimasta a Kās, in una calda Marina nel Sud della Costa Turca. Noi siamo tornati per passare il Natale tra amici e parenti, abbiamo mangiato, bevuto, dormito, e poi siamo di nuovo partiti in aereo alla volta di Martinica per lavorare quasi un mese sul catamarano del nostro amico Alessandro. Siamo tornati, abbiamo dormito (e mangiato) un altro po' e poi è arrivata la primavera, all'improvviso.
Duna è ancora lì che ci aspetta. E noi decidiamo di dedicarci ai preparati vi, tra cui il confezionamento di circa 3 kg di marmellata di frutti misti e la pre-costruzione delle nuove panche per il pozzetto.
Ed ecco che a questo punto del racconto realizziamo che tanto ben di dio non potrà essere caricato nelle valige della Ryanair e neanche della compagnia nazionale. Cosa fare se non decidere di caricare il meno possibile (ovvero più del possibile*) la fedele C3 di Carlo e armarla per la partenza. Quale giro fare? Il più lungo, ovvio.
Ed è così che la strada per arrivare dalla nostra amata delfina diventa la scusa per passare a dare un saluto a vecchi e nuovi amici che non vediamo da tanto o poco tempo. E così, neanche la Grecia si fosse spostata accanto a Ventimiglia, ci ritroviamo a percorrere il versante occidentale italiano per uscire dal suol natio.
Ma non ci basta.
La sfida va oltre.
Stabiliamo che ognuno di noi due dovrà dedicare quotidianamente un'ora a scrivere un diario della giornata appena trascorsa e, non paghi, che debba pubblicarlo sul proprio blog. Per complicarci ancora di più la vita, decidiamo di pubblicizzare all'unisono i rispettivi post su Facebook.
Perché? Per condividere, coinvolgere, travolgere e contaminare chi vuole e chi, pur contro la sua volontà, non riesca ad evitare di rimanerne coinvolto.
Perché ci piace quello che facciamo e a Carlo piace scrivere, a me piace l'idea di farlo.
E così, ispirandoci a "I diari di Adamo ed Eva" di Mark Twain (un riferimento letterario alza l'asticella dell'impresa e delle aspettative, oltre a dilatare le proporzioni di un eventuale fallimento), abbiamo deciso di allietare le vostre serate, pubblicando ogni giorno alle 18 due nuovi racconti, uno scritto dal Capitan Carlo e l'altro da MaLa Cambusiera.
L'ennesima e più difficile sfida ... quella di rispettare l'orario di pubblicazione.
Buona lettura,
E che il viaggio e la sconsideratezza siano sempre con voi, e con noi.
MaLa&Carlo

* Le partivi in corsivo sono i commenti di Carlo

Giorno#1 Adamo&Eva

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…