Passa ai contenuti principali

Giorno 9 - Km 2350 - Pame sto spiti


Ci svegliamo nella campagna Croata, a pochi chilometri da Karlovac. Arrivando qui ieri avevamo avuto una vaga impressione di quanto fosse isolato, ma al buio, a mezzanotte e dopo una giornata di viaggio non ce n'eravamo resi pienamente conto. Stamattina, invece, ci aspettano chilometri e chilometri di prati e boschi, con case restaurate o ricostruite da poco con tamponature in mattoni rossi mal cementati e lasciati a vista. Quelle non restaurate hanno buchi sull'intonaco. Credo siano stati fatti dalle mitragliatrici.
Karlovac è piena di gente che passeggia al sole lungo i fossati che circondano il centro storico, trasformati da tempo in giardini. All'interno, l'antica fortezza si indovina dalle forme a stella dei palazzi disabitati e cadenti che ricalcano le mura costruite secoli fa per fermare l'avanzata dei Turchi. C'è un qualcosa di simbolico, forse, nel passare proprio di qui per andare verso la Turchia.

In tarda mattinata partiamo per l'Ungheria, diretti al lago Balaton. Mano mano che ci avviciniamo al confine la condizione delle abitazioni migliora. Alla vista della prima cicogna, dritta sulle zampe con il lungo becco a grattarsi sotto le ali incurante delle macchine, dei passeggiatori, degli avventori del pub lì a due passi, ci fermiamo e con mal represse urla di gioia scendiamo dalla macchina e, correndo in punta di piedi, ci avviciniamo a fotografarla. Il nido è costruito su una piattaforma circolare preparata appositamente in cima a un palo della luce. Tutti i pali della luce del villaggio hanno la stessa piattaforma, e su ogni piattaforma c'è un nido dentro il quale una o due cicogne si grattano o covano o danno da mangiare ai loro marmocchi. Vista una viste tutte, e così sfrecciamo avanti senza più fermarci. Quello che ci stupisce, però, è che passato il confine ungherese il corrispondente, identico paesino non ne ospiti nemmeno una. Che se le mangino, di qua?

Al Balaton ci arriviamo di sera: abbiamo deciso di evitare le autostrade per andare piano e passare per le campagne. Arriviamo alle sue sponde per constatare che neanche morti ci bagneremmo nelle sue acque e ci lasciamo dietro le spalle l'infinita distesa liquida al tramonto per interessarci al primo pasto ungherese. Nel menù c'è la trippa, e me ne scofano con soddisfazione un piatto abbondante. Il risultato finale dell'abbuffata è che per la seconda giornata consecutiva ci troviamo a viaggiare di notte. La cosa ci innervosisce, le strade sono strette e poco segnalate e noi stanchi. 
Ce l'eravamo anche detto: "Non viaggeremo col buio" e ripetuto: "Non viaggeremo più col buio", e per ribadire il concetto cominciamo ad accusarci l'un l'altra di aver perso tempo o di aver preso la decisione sbagliata o di non aver obiettato alla decisione sbagliata o di aver grattato la marcia ingranando la prima all'ultimo incrocio. Di buono c'è che ci teniamo svegli e in forma, e che i sereni e costruttivi scambi di opinione fanno passare in fretta il tempo. Mentre gesticoliamo nel buio, una voce improvvisamente ci avverte: "Se diacosa metra mine aristerà!". 
Rimaniamo muti, guardandoci allibiti. 
"Mine aristerà!" ci ammonisce, di nuovo. 
Riconosciamo Yorgos, la voce-guida greca di Waze, cambiata per quella inglese sei mesi fa: tanto erano costruttivi i nostri scambi di opinione che si è sentito in dovere di risorgere dalla memoria del mio telefono e di intervenire a ricordarci che il viaggio per arrivare a casa sua è ancora lungo. Pochi minuti e, non senza aver prima grattato coppa dell'olio, marmitta e quant'altro sul dosso del cancello di accesso, parcheggiamo nel garage della nostra meta notturna, la più economica della regione e forse del mondo. 
Ci infiliamo a letto scontrosi e rimaniamo tali per quasi cinque minuti.


MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna, Francesco e Brina; Caio e Daniela; Francesco. Milena. Yuhai Shi.

I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva
Giorno#7 Adamo&Eva
Giorno#8 Adamo&Eva 


Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…