Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #6 - Km 1550: L'anarchico in bicicletta


Siamo in Veneto. La campagna scivola accanto a noi mentre viaggiamo alti sugli argini. Casali in diversi e progressivi stadi di abbandono passano in basso, succedendosi a capannoni industriali, a ville moderne, a condomini. I vigneti pian piano spariscono. I castelli, le tenute nobiliari si rarefanno o vengono nascosti dai silos. Non c'è una vera città, non c'è una vera campagna. Un'eterna periferia prende piede man mano che procediamo verso nord diretti a Castelfranco.

Sfioriamo Este, dove appena lo scorso anno frequentavo il corso da pizzaiolo, deviamo verso Cittadella e i piccoli paesi che la precedono. I nonni di MaLa sono nati qui, e nei loro racconti tornavano spesso i nomi di questi luoghi. La accompagno lungo le strade un tempo sterrate che loro percorrevano in bicicletta. Ora le macchine corrono veloci incuranti delle vecchie chiese affogate dalle costruzioni recenti. Tra i paesi non c'è soluzione di continuità, ma cerco di immaginarmi come doveva essere il paesaggio allora, non dissimile dall'Egeo infinito costellato da isole da navigare a vista. Il verde invece che il blu, e meno onde e schiuma strappata dal vento. E campanili all'orizzonte verso cui pedalare per raggiungere il prossimo porto sicuro, e poi un altro, e un altro.

Mentre MaLa è assorta nel suo viaggio interiore io penso a Luigi Masetti, l'anarchico delle due ruote come lo definì l'allora Direttore del Corriere della Sera, che qui vicino era nato nel 1864. Con questa pianura negli occhi, aveva viaggiato lentamente, con la sua bicicletta "Eolo", fino a Costantinopoli, il Cairo, perfino Chicago descrivendo persone e luoghi con poesia e trasporto. Ho saputo di lui ieri, da un libro propostoci da Rachele che ci ha subito incuriosito. Quando qualcuno chiedeva la sua età, Masetti rispondeva togliendo dal calcolo i sette anni, dagli 11 ai 17, passati chinato su questi campi a coltivare la terra. Forse anche io dovrei togliere qualche anno dal conto, e cominciare a considerarli da quando ho preso per la prima volta il mare e issato per la prima volta la vela.

Arriviamo a Castelfranco in tempo per l'aperitivo. Ospiti a casa di Stefano, troviamo ad aspettarci Fra, il proprietario del genoa che stiamo portando in Turchia; il nostro vicino di barca; il nostro prezioso, sorprendente amico. Lo troviamo con un bicchiere in mano, in strada, pronto a offrirci il primo prosecco della serata. E insieme a lui Stefano stesso, ai fornelli, e i loro amici.

Un'altra serata calda e accogliente come un vino rosso ben invecchiato. I racconti e le risate, i propositi e le promesse. Persone appena conosciute che prendono a poco a poco forma e sostanza, come se l'amicizia fosse un liquido tiepido e profumato che trabocca dai cuori e macchia e inonda tutti quelli che hanno viaggiato fin qui per accoglierla.

PS: Cittadella, ci venivo malvolentieri e male accolto per le partite di hockey in line, in una delle mie vite precedenti. Un'intera giornata di viaggio per un'ora scarsa di adrenalina, un'ora e mezza compresa la rissa finale. E ora mi accompagno a una di loro: la vita è piena di sorprese.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna e i due Franceschi.

I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q