Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #2 - Km 600

Genova per noi.


Ci svegliamo con la luce del giorno che entra trionfante dagli oblò di Archimede. Non mi ero accorto, ieri, che ne avesse così tanti: è luminosissima. Esco fuori e subito faccio amicizia con il francese che sta lavorando sulla barca accanto. Comprata all'asta da un ricco medico, è da rifare da cima a fondo. Ora è disalberata, senza timone, piena di stucco, garze e buchi freschi. Il francese prevede almeno tre mesi di lavoro, per lui. E poi per tutti gli altri che dovranno metterci mano. La barca è del 1975, di un cantiere italiano che, pare, ne ha costruite solo sette.
"Alla fine dei giochi un buon usato sarebbe costato assai meno: conviene davvero metterla a posto?"
"A me sì: mi pagano" risponde sornione, finisce la sigaretta, la butta in acqua e torna a bordo, non senza aver dato un'ultima occhiata alla nostra tana di una notte, di cui è evidentemente innamorato.
Noi oggi abbiamo in programma una gita per Genova. Prima tappa gelato da Guarino, che pare sia un must. Abbiamo avuto consigli e indicazioni ieri da Manuela e Riccardo, e così troviamo un parcheggio economico - continuamo ad avere la macchina stracarica di bagagli, e come se non bastasse ieri abbiamo caricato anche il genoa di un amico che ha la barca nel nostro stesso marina - e cerchiamo di raggiungerlo.
Waze ci aiuta, ma rimane vago negli snodi cruciali del percorso, per cui i dieci minuti necessari diventano venti e poi, all'ennesimo errore, trenta. Ci inerpichiamo per una salita strettissima, la prima di una lunga serie, e ci imbuchiamo in un garage.
"Dove la metto?"
"Mi lasci le chiavi nel quadro, ci penso io"
Così facciamo, e solo dopo un centinaio di metri la mia mente costruisce e proietta in visione privata la scena del garage a serranda chiusa dietro il quale la macchina verrà spogliata e poi smembrata per farne pezzi di ricambio: al nostro ritorno avremmo trovato una panetteria e nessuno si sarebbe ricordato di noi. La mia parte razionale viene risvegliata da uno squillo. Antonella ci chiede di raggiungerla alla sartoria alle 13:30. Abbiamo poco tempo, bisogna sbrigarci. Cosa aveva detto Manuela? Ci aveva consigliato di non farcela a piedi ma di prendere... di prendere cosa? Un ascensore, forse. Ma ti pare, un ascensore? Mica dobbiamo salire sulla terrazza di un condominio.
"Funivia" ricorda MaLa. E chiediamo all'edicola.
La funicolare è proprio dietro l'angolo, e pare sia una delle attrazione di Genova. Facciamo il biglietto e, dopo una breve attesa, saliamo sulla vettura. Si tratta di due vagoni fatti a scalini, che salgono a 45° verso le colline sovrastanti la città a 6 metri al secondo. Il viaggio dura 15 minuti, dato che entrambi ricordiamo di dover scendere all'ultima fermata, e comunque se anche non ce lo ricordassimo ci sembrerebbe plausibile. Scendiamo, arranchiamo per una cinquantina di gradini fino all'ultima terrazza su in cima e ci godiamo il panorama. Un pezzo di porto di Genova, ostruito verso sinistra da un palazzo costruito senz'altro con l'unico scopo di ostruire il panorama a chi, come noi due, viene fin quassù a Righi con la vana speranza di prendere un gelato da Guarino.
Perché Guarino, quassù, non c'è. Ci impieghiamo un po' a scoprirlo, il tempo di passeggiare fino al parco, in salita, e poi tornare giù.
"Ascensore, avevo detto ascensore!" ribadisce Riccardo su whatsup, ridendo alle lacrime.
Dovevamo andare sulla terrazza di un condomino, e quel condominio è Genova.
Per farlo dobbiamo prima tornare giù, e poi risalire dall'altra parte. Ancora diffidente nei confronti dell'elevatore meccanico, che da qui del resto non vedo, chiedo il percorso pedonale a Google Map e cominciamo a seguirlo. Svoltiamo a sinistra, poi a destra, poi a sinistra, su una piccola salita. Poi nuovamente a sinistra, ma la strada che dovremmo seguire non c'è, sembra un vicolo cieco. Torniamo indietro pochi passi e, dietro un cancello accostato, vedo la targa con il nome della via. Possibile che sia una strada privata? Ma è aperta: entriamo, e cominciamo a salire.
56 metri di dislivello, mi indica il navigatore. Ora so che sono tanti. Carrugi sempre più stretti, gradinati e non, si inerpicano sulla collina che si trasforma in montagna da scalare. Il sole è a picco, e il mio ginocchio destro, quello fracico, decide che è un buon momento per gonfiarsi cominciare a pulsare.
"A scendere lo prendiamo, 'sto ascensore" faccio a MaLa
"M'anfatti. Non lo potevamo prendere anche a salire?" mi risponde lei, fermandosi a prendere fiato.
Dopo dieci minuti buoni di arrampicata arriviamo a un altro cancello, dietro cui un altro carruggio, visibilmente pubblico, visibilmente anche lui in salita, minaccia di portarci a destinazione. Il cancello è chiuso, a doppia mandata.
Tornare indietro? Troppa strada. Di fronte all'imponderabile subentra la disperazione, e ognuno agisce secondo la propria natura. MaLa contorce il braccio attorno alle sbarre per arrivare con la mano ai citofoni, e comincia a pigiare alla cieca tutti i pulsanti. Io studio il telaio del cancello, e poi sollevo la sbarra che tiene chiusa l'anta di destra: la serratura cede, il chiavistello si sfila dalla sua fessura e il cancello si apre. Passiamo, lo richiudo fingendo la noia dell'abitudine e ci allontaniamo fischiettando per quanto il fiato ce lo permette.
Il gelato su in cima è davvero buono, e l'ascensore a scendere davvero utile. Soprattutto perché abbiamo fatto tardi e dobbiamo correre da Antonella e Renzo che hanno la loro ditta, la CEAM, dall'altra parte della città.
Ci accolgono a braccia aperte, ci fanno visitare tutto lo stabilimento. Antonella e MaLa parlano di lavoro mentre Renzo mi propone progetti per il pomeriggio: andare in macchina al centro - dopo averla scaricata di tutto vela compresa - e passeggiare per Genova.
Così facciamo, dopo aver imbucato la mia fedele C3 da amici di Antonella, e passiamo l'intera giornata prima per le banchine e poi per le viuzze di questa soprendente città.
Canottiere stese all'ultimo piano di palazzi affrescati, chiese dalle facciate imponenti; carruggi talmente stretti che se i palazzi cedessero rimarrebbero lì, appoggiati l'uno all'altro, con le gambe delle prostitute che escono dai portoni in cui sono sedute. E lì accanto gioiellerie, e poi negosi asiatici, e poi artigianato di lusso. E gente, tanta. Mi pare, a un angolo, di essere a Napoli, al successivo al quartiere Galata di Istanbul, oppure, dove è più quieto, sopra il porto di Cagliari. Ma è Genova, ed è inutile paragonarla a mille altre città.
E quando neanche Renzo riconosce più la strada per arrivare a Piazza Lavagna, dove siamo diretti per l'aperitivo, ottiene le indicazioni chiedendo al garzone di un negozio, egiziano.

PS: MaLa non perde il telefono neanche una volta, ma alle 16 le si spegne perché è scarico.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio.


Commenti

Prenota il nuovo libro!

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…