Passa ai contenuti principali

Giorno #13 - Km 3850 - La Grecia si avvicina


Abbiamo dormito bene stanotte: in giro non c'era anima viva, e il rumore come di uno zombie sfiatato che starnutisce dietro la porta a intervalli regolari si è rivelato, ad una ispezione diurna, originato dal pozzetto di raccolta del bagno. Probabilmente lo zombie cercava di entrare da lì.
La stanza ha spazio solo per un letto, una sedia e un'anta di armadio. Il soffitto segue l'andamento inclinato del tetto, e per accedere al citato armadio, all'angolo sulla parete di fondo, sbatto la testa. Lo cedo a MaLa e appoggio le mie cose sulla sedia, ai piedi del letto tra la porta e la finestra. Il pavimento è fatto da assi di legno sconnesse, ricoperte da una vecchia moquette color nulla. Scricchiola, ondeggiando pericolosamente, ad ogni nostro movimento. È stato meglio essere arrivati troppo stanchi per fare l'amore, ieri sera, o avremmo rischiato di non trovarci qui, stamattina. Ci saremmo trovati forse qui di fronte, fuori dalla finestra dall'altra parte della strada: al cimitero.
La gita mattutina a Costanza è la ciliegina sulla torta di questo nostro coast-to-coast romeno. Il porto a sud, enorme, dove capitiamo per caso grazie all'usanza locale di appendere le indicazioni dopo l'incrocio invece che prima, è per gran parte abbandonato. L'intera area è color ruggine, come i relitti adagiati a mezz'acqua, con lucenti macchie di plastica e vetro dove qualcuno dei capannoni diroccati ha ancora finestre intatte. La città stessa è composta per metà di edifici cadenti e per l'altra metà di edifici caduti. Il famoso casinò, quello che si vede in tutte le foto del luogo, fa parte di questi ultimi.
Visitiamo il museo, pieno di oggetti anche preziosi rinvenuti nelle tante necropoli che hanno necessariamente accompagnato questa città vecchia di millenni, ricavandone la soddisfazione estetica di un collezionista in cerca dell'affare nella bottega dell'antiquario. Il pezzo che mi ha colpito di più è stato un pentolino di bronzo del terzo secolo dopo Cristo, proveniente da una bottega artigiana posta dalle parti del Flaminio. Chi sa se ha fatto la nostra stessa strada per arrivare qui, attraversando a piedi la Pannonia e la Dacia, o se un mercante l'ha portato via mare.
Pranziamo in uno dei ristoranti di tendenza sulla passeggiata del marina, due buone ciorbe, un hummus e bevande varie venticinque euro. Stephan, il nostro host di Sibiu, ci aveva avvertito: "Waiters here don't know how to behave." Il che non significa che siano stati scortesi: la frase va presa in senso letterale.
Nel pomeriggio viaggiamo verso sud, nervosi, stanchi, scontrosi. Arriviamo alla frontiera e un tipo, dalla guardiola, ci dice burbero che siamo avanzati troppo, dobbiamo tornare indietro. Ingrano la retromarcia e mi piazzo al di qua dello stop, fino a che una mano esce dalla finestrella e mi fa cenno di avanzare di nuovo. Gli tendo i passaporti e il libretto della macchina. Sopra la finestrella c'è scritto "Romania". I documenti entrano lì ma escono fuori dalla finestrella successiva, a circa un metro dalla prima. Sopra c'è scritto "Bulgaria". All'interno lo stesso ufficio. La vecchia dogana bulgara, quella dopo la terra di nessuno, è - come scopriamo a breve - completamente abbandonata.
Entrati in Bulgaria la campagna si fa verde e tornano i boschi. MaLa si mette il rossetto e comincia a canticchiare, allegra. La strada attraversa campi coltivati, paesini (che a noi sembrano) ridenti. Sulla sinistra, tra gli alberi, si intravede il mare. Ci sentiamo stanchi ma improvvisamente rinati. Non so quanto durerà questa sensazione, né se sia solo una sensazione. Ma quando arriviamo a Nesebar l'albergatrice scende fino al porto per permetterci di entrare con la macchina e parcheggiare sotto la stanza, e ci racconta del suo viaggio di due giorni a Roma e a Venezia. E a cena la ristoratrice brinda con noi.

PS: arrivati nell'unico ristorantino aperto fuori stagione a Nesebar ci rendiamo conto che la musica dello stereo è greca. In menù c'è la koriatiki e un altro paio di piatti greci, e la proprietaria, quando ordiniamo, si fa scappare un paio di "Nè": "Sì" in greco. MaLa, emozionata, raffazzona una frase in questa lingua che suona più o meno "Sei greca?" e la tipa non capisce. La frase, onestamente, non era proprio un esempio di correttezza grammaticale, per cui ci sta che un greco non l'abbia capita. Gliela ripetiamo in inglese e la ristoratrice risponde "Nè". Il che, come scopriamo improvvisamente, in bulgaro significa "No". Pensa che casini alla frontiera.
 

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna, Francesco e Brina; Caio e Daniela; Francesco. Milena. Yuhai Shi. Vasy. Stefan. Lumi&Bela Lugosi. La signora del ristorante di Nesebar.

I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva
Giorno#7 Adamo&Eva
Giorno#8 Adamo&Eva 
Giorno#9 Adamo&Eva
Giorno#10 Adamo&Eva 
Giorno#11 Adamo&Eva  
Giorno#12 Adamo&Eva   


Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…