Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #11 - Km 3030 - Vorrei vedere qualcosa di bello, ora


Vorrei avere almeno un amico rumeno. Non un semplice conoscente, come ne ho incontrati: gente simpatica, modesta, onesta e gran lavoratrice, ma proprio un amico. Uno con cui sono stato almeno una volta in confidenza. Uno grazie al quale poter costruire la frase "Non ho niente contro i Rumeni, tanto che un mio caro, carissimo amico è rumeno, ma..."
Ma non ne ho, e quindi anche se non ho niente contro nessuno dovrò descrivere le facce tristi di un popolo triste di un paese radicalmente triste rischiando di passare per un razzista, o un campanilista, o fate voi. Il che mi dispiace, perché non lo sono.

Qualcuno mi ha detto, prima che arrivassi qui, che la Romania è un posto interessante da visitare. Sarei davvero curioso di sapere quali posti ha visitato. La capitale, forse, o il centro di qualcuna delle città più grandi. Uno o due famosi castelli della Transilvania.
Io la sto attraversando tutta, dalla frontiera con l'Ungheria sopra Timisoara a Costanza, passando da Sibiu. Quello che vedo sono case sventrate, fabbriche arrugginite, palazzine popolari costruite in mezzo al nulla, dove gente triste abita in mezzo a macerie mai rimosse. Nessuno mostra curiosità per noi, per il nostro viaggio o anche semplicemente per la nostra presenza. Navighiamo per questi immensi paesaggi desolati con la precisa sensazione di essere trasparenti fintantoché rimaniamo al nostro posto. E che il nostro posto consista nell''attraversare il paese con la minima interazione possibile. Neanche i nostri soldi, sono bene accetti. Li prendono per dovere, o abitudine, senza guardarci davvero in faccia.

Timisoara è una bella città, al centro. Grandi piazze pedonali, bambini che giocano e ragazze che si fanno i selfie in mezzo ai fiori. Il palazzo del tribunale è rimesso a nuovo, e il bar all'angolo è di gran lusso come la maggior parte dei locali nei dintorni. Avvocati, notai, clienti affollano la piccola piazzetta, non dissimili dai nostri: face stressate, impaurite, avide. Capelli scarmigliati su vestiti pretenziosi dai colori male assortiti, tacchi alti indossati goffamente tra i sanpietrini della via. Appena due vie fuori e le finestre sono bocche sdentate, i vetri infranti e l'intonaco cadente. La stessa gente, le stesse facce stressate, impaurite, indossa fagotti di lana vecchia tornando verso l'ex palazzo signorile diroccato dove abita.

Sibiu è molto bella, al centro. Sembra Praga, per gli spazi e l'ordine. Appena fuori dalle mura gli edifici sono grigi. Appena fuori dagli edifici grigi c'è la periferia: un cumulo di cubi di nuova costruzione in mezzo a cantieri ancora aperti dove vengono costruiti altri cubi. La gente sciama, vestita di tute da ginnastica a fantasie floreali un tempo sgargianti, tra i sacchi di cemento abbandonato e le auto lasciate a marcire.

Milioni di persone si muovono in auto su strade strette, piene di buche, intervallate da rotonde protette da cordoli e da passaggi a livello incustoditi, i binari del treno che si perdono a destra e a sinistra tenuti insieme da traversine sbilenche. Ai lati, campi spelacchiati arati da vecchi trattori o da stanchi buoi, gommisti, autofficine o file di casette a un piano pendenti da un lato, da dove vecchiette ancora più sbilenche delle traversine delle ferrovie escono pericolosamente per percorrere orgogliosamente i due giorni di cammino che le separano dalla vicina di casa.

"Vorrei vedere qualcosa di bello, ora" sussurra MaLa, angosciata, al secondo giorno di viaggio. "Ne ho bisogno."
Continua a guidare mentre il paesaggio grigio del giorno perde luce e si trasforma nel paesaggio grigio del crepuscolo. Le strade, ai lati, sono piene di grappoli di croci e lumini accesi a imperituro ricordo di prevedibili stragi. I minuti passano insieme ai chilometri, le macchine, i tir, gli occhi incollati alla strada per prevenire la prossima follia del prossimo conducente al prossimo incrocio.
"O almeno scolarmi una bottiglia di vino," conclude, con un sospiro.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna, Francesco e Brina; Caio e Daniela; Francesco. Milena. Yuhai Shi. Vasy. Stefan.

I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva
Giorno#7 Adamo&Eva
Giorno#8 Adamo&Eva 
Giorno#9 Adamo&Eva
Giorno#10 Adamo&Eva 


Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare quando -…