Passa ai contenuti principali

Giorno #1 - Km 560

La Partenza

Dovevamo partire alle dieci. A mezzogiorno abbiamo salutato tutti e siamo partiti in macchina verso nord. A mezzogiorno e dieci eravamo di nuovo parcheggiati davanti al cancello. Lulù, il cane, era probabilmente convinta che fosse per farle altre coccole, in realtà eravamo tornati per recuperare i mie occhiali da sole dalla tasca della giacca nera, frettolosamente riposta nell'armadio insieme a tutto quello che, lasciato in vista, avrebbe potuto dare l'idea di disordine. Dobbiamo stare fuori almeno sei mesi, e ci dispiace lasciare dietro di noi l'idea di disordine.
A mezzogiorno e venti siamo di nuovo salpati, verso nord... anzi no: c'è da salutare Roberto che lavora al centro di Pomezia e scende a prendere un caffè con noi. Tre caffè, di cui uno lungo e uno al vetro. Io per fare lo snob l'ho preso normale.
All'una siamo partiti davvero, abbiamo imboccato la Pontina e siamo saliti di lì fino al raccordo, all'A12, per poi uscire a sorpresa a Civitavecchia: dovevamo fare la scorta di pizza di Pasqua da regalare ai nostri amici lungo la via. Per loro abbiamo anche una collezione di marmellate fatte in casa da MaLa durante l'inverno, una cassa di medie dimensioni che, una volta svuotata, libererà abbastanza spazio per alloggiare nel bagagliaio un genoa medio. Abbiamo molti amici da incontrare, i prossimi giorni.
Il viaggio è proseguito senza sorprese e senza colpi di scena, a parte una divergenza musicale a proposito del ritornello di "Chitarra romana".
"Tanto per cantà, perché me sento un friccico ner core" e fin qui il coro funziona
"Tanto per sognà, perché ner petto me ce nasca un fiore!"
"Naschi" interrompe MaLa
"Come scusa?"
"Naschi, la canzone dice Naschi, tu hai detto Nasca"
E nel frattempo che io mi giustifico sostenendo che Nasca è più italiano e per questo mi viene naturale e lei mi rimprovera che la canzone è in romanesco e in romanesco va cantata, il ritornello finisce, parte la nuova strofa che nessuno di noi due canta perché è l'ultima e chi se la ricorda. Al successivo ritornello mi prendo la rivincita.
"Fiore de lillà, che m'ariporti verso 'r primo amore" in coro, e qui drizzo le orecchie.
"Che sospirava a le canzoni mie, e m'arintontoniva de bucie" canta MaLa
"E no! Non se po' sentire, mica fa così la canzone!"
"Ma sì, è che conosco la versione educata"
"Rincojoniva!" insisto io. "E m'arincojoniva de bucie!" canto, in romanesco. E arriviamo a Genova.
Ce ne accorgiamo dal traffico. Una fila continua parte dal casello, attraversa tutta la città e intasa le vie fino a Sestri Ponente, dove alla Lega Navale ci aspettano Riccardo e sua moglie Manuela. Parcheggiamo la nostra macchina e saliamo sulla loro. Il discorso precipita immancabilmente sul traffico. Ma nonostante il caos prodotto dal crollo del ponte, secondo Riccardo i genovesi si distinguono per la correttezza nel seguire le regole: parcheggiano sì in terza fila, ma solo dove consentito dalle striscie. Mica come a Roma. E mentre dice questo sterza improvvisamente per fare un'inversione a U in curva, tagliando quattro corsie e imboccando uno svincolo in senso opposto. Dietro di noi una macchina suona, nervosa, e il nostro amico fa uno svogliato cenno di scuse, dal finestrino. Erano i carabinieri, che non ci inseguono solo per non mettere in pericolo altre vite imitando la nostra manovra.
Una serata piacevole in una pizzeria qui vicino, tanti racconti e la promessa di incontrarci anche quest'anno in Grecia, magari ad Astipalea, magari replicando la regata Serenity che tanto successo ha avuto lo scorso anno (noi eravamo orgogliosamente arrivati terzi), magari recuperando anche una quarta concorrente. E infine a letto, qui nella barca dei nostri amici, confusa e accogliente come ci aspettiamo di trovare la nostra Duna.
Una bella partenza, una bella giornata. Domani è un altro giorno.
 
PS: Oggi MaLa ha perso il telefono solo una volta, e l'ha ritrovato a fine serata nel suo zaino.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo e Manuela. E Archimede.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…