Passa ai contenuti principali

Il provinciale





Mi sveglia lo sciabordio dell'acqua sulle murate della barca. Sto dormendo vestito sul divano di sinistra, come sempre durante la navigazione,  la luce accesa. Solo non riesco proprio a ricordare dove sto andando. Dove "stiamo" andando, in realtà, finalmente: sento il respiro profondo e regolare di Manuela provenire dalla cuccetta di prua. La barca è stabile, deve essere una bolina larga, con poco vento. Ma verso dove? E quando siamo partiti? Pian piano la nebbia del sonno si dirada, e il pensiero fa meno fatica ad accedere ai ricordi, a ricostruire la situazione. Una spiaggia, di notte, persone, bambini che sguazzano nell'acqua. Acqua talmente trasparente da far sembrare i bambini sospesi a mezz'aria. Barbara che si avvita su se stessa e finisce in mare, vestita, e da inglese qual è invece di farne tragedia comincia a nuotare. Il marito che la raggiunge dalla spiaggia tuffandosi, e i due settantenni che si abbracciano sotto la luna. "You look like Marilyn" le fa Manuela con un sorriso commosso. "They are used to swim in the Channel" mi informa Sebastien, al mio fianco, vedendomi divertito ma anche preoccupato per l'età - e per la quantità di alcool ingerita - della splendida coppia.

Sì,  certo, ora è tutto chiaro. Per tenere alto l'orgoglio nazionale non mi sono fatto mancare niente,  fino al bicchiere di rum finale, ridendo follemente alle gag tra Inglesi e Francesi ("do you remember Trafalgar, you sneaky sniper?"), raccontando, ascoltando,  scambiandomi termini nautici e riflessioni sul nuovo papa o sulla responsabilità del colonialismo occidentale sui fenomeni di pirateria in Corno d'Africa. Ritrovandomi come nella barzelletta, quella che recita "ci sono un italiano, un francese, un tedesco...". Ecco il tedesco mancava, pare abbiano paura di venire in Grecia dopo il comportamento del loro governo all'inizio della crisi: sarebbe stato interessante ascoltare anche la sua opinione, dato che quella dei presenti, affatto tenera nei suoi riguardi, era abbastanza convincente.

Tutte persone conosciute sul molo di Argostoli nel momento in cui il vento al traverso ha spedato la  mia ancora - e loro in banchina a spingere lontana la poppa della Duna mentre mi affrettavo a salpare - e reincontrate, come per magia, qui ad Ay Nikolas. Tutte persone che fanno parte di questo ambiente splendido: il mare viola che gioca a rendere ancora più vividi i colori accesi delle terre che vi si specchiano, Dimitri che ti accoglie convinto che se si  fa in quattro per te senza chiederti nulla sarai tu a trovare il modo per sdebitarti, sia pure solo parlando bene di lui (ecco, l'ho appena fatto), il Moana 60, quello di Malingri e Bianchetti, che galleggia pigramente poco più in là della Duna, mal celando i potenti muscoli.

E, da provinciale quale sono, sentirmi parte anche solo per un giorno di questa comunità internazionale itinerante, in continua trasformazione e rimescolamento, che ad ogni porto si riconosce e si modifica e si saluta, ed esiste anche quando non c'è nessuno a rappresentarla, continua ogni volta a commuovermi. Una sensazione nuova, per me cinico misantropo, quella di vedere cuccioli di uomo e - avendo conosciuto i genitori - provare improvvisa fiducia  nel futuro del genere umano. 
E mi sembra di scrivere della mia recente scoperta dell'acqua calda come fossi Newton con la sua mela. Provinciale, con i miei preconcetti,  le mie barzellette sugli Inglesi i Francesi e i Tedeschi, il mio orgoglio libico da popolo di santi, poeti e navigatori, il retaggio della società feudale in cui sono cresciuto. Provinciale anche nel rendermi conto di esserlo, nel vantarmi di averlo scoperto.

Tra l'estasi e la malinconia mi stiro pigramente, apro il tambuccio, esco in pozzetto. Il sole è alto,  l'acqua una gemma trasparente. Dimitri è già al lavoro, scorrazzando instancabile turisti polacchi alle grotte, o alla spiaggia del relitto. Mi accoccolo in pozzetto, lasciando che l'aria ancora fresca del mattino entri nei miei polmoni, il Qi universale che viene a rigenerarmi.
Osservo passare uomini e donne. Cenni di saluto, sorrisi, proposte e inviti per il pranzo, o la cena. Chiacchiericcio sommesso, senza impegno, scambiato per il puro piacere di trovarsi insieme.
Anche questo nuovo  giorno sarà un buon giorno, lo sento.
E con un sorriso avvicino la poppa alla banchina. Salto.

Gli vado incontro. 





Commenti

  1. Agyos Nikolas mi manca, chissà, forse quest' anno....................

    RispondiElimina
  2. La vita del marinaio, quante soddisfazioni, quanta umanità, quanto pensare "di quello giusto" B.V. :-)

    RispondiElimina
  3. ma é sempre bellissimoooooo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q