Passa ai contenuti principali

Follow by Email

La partenza

“Se ce l'avevo io, quer fisico, 'e donne le rovinavo”, mi prende in giro passando lento l'operaio del cantiere, con quell'accento cantilenante che caratterizza i pochi civitavecchiesi veraci rimasti qui in darsena vecchia.
Sono ormeggiato all'inglese alla antica banchina in pietra, più o meno dove deve aver accostato Goran Schildt subito dopo la guerra - magari Luciano è un discendente diretto di uno di quelli che gli passarono le cime alle bitte – e in effetti non mi sento particolarmente aggraziato mentre mi muovo qua e là per la coperta, a torso nudo, sistemandola nella concitazione dell'ultimo momento: sto per partire!
Il vento ha finalmente girato a maestrale, è una settimana che aspetto, ed è un mese che racconto a tutti del mio progetto di viaggio. Probabilmente sono diventato uno dei personaggi che classicamente non mancano mai in un pontile, lo skipper che vanta di continuo partenze che non arrivano mai. Un problema al verricello, uno alla luce in testa d'albero, poi il meteo avverso, poi manca un pezzo importante che deve arrivare, un amico da salutare... e per noi accorati paranoici il sorriso di chi passa, che si fa sempre più aperto, ormai non è solo di simpatia ma anche di scherno.
E poi sono un Peris, la tigna “ce l'avemo ner sangue”, per cui sì, il vento è rinforzato, ma è dalla direzione giusta, e poi ormai ho salutato tutti: s'ha da andare.
Così m'ingegno per lasciare la banchina con le raffiche che cercano di spingermi verso lo scalo di alaggio a farmi fare la fine dei vecchi rimorchiatori, tirati su col grosso argano che a guardar bene è ancora lì tra le lamiere di scarto e i secchi di vernice. Mollo a prua, tengo a doppino la poppa. Marcia avanti, timone scontrato, marcia indietro e mi scosto verso il centro del bacino. Raffica, e la barca torna dov'era prima, solo un po' più vicino al pericolo. Motore deciso: indietro, avanti, indietro... Piano piano la poppa prende la direzione voluta, la cima si allunga e alla fine devo mollarla, finisce in acqua. Un'ultima smotorata all'indietro per mantenerla a galla con l'abbrivio, poi lascio il timone e la tiro su a larghe bracciate come mi consigliava Francesco per la scotta del genoa, in virata. Solo che le sue braccia son tronchi muscolosi, mentre le mie rovinano le donne solo per scherzo, e la scena vista da fuori potrebbe forse sembrare la versione nautica di una gag di Laurel and Hardy. Tra la comica e il gesto tecnico il confine è sottile, ma ben definito: la cima è a bordo, la poppa è in rotta, ho ancora abbrivio e sono di nuovo al timone. Un successo. Mi permetto anche una telefonata, nel caso qualcuno possa ancora avere il (legittimo) dubbio si sia trattato soltanto di culo.
La telefonata ha effetto, e all'uscita dalla darsena ho il piacere di salutare agitando il cappello il parentame che sventola scialli dalla terrazza a picco sul porto. Ed è voltando le spalle a questa scena d'altri tempi che do gas, mi lascio i ruderi del Lazzaretto sulla dritta e accosto la prua al vento. Solo.

Il vento... un maestrale deciso che solleva onda corta in porto. Contro cui il motore al minimo non basta. Vado avanti, sfilando accanto a enormi navi da crociera. Maggiordomi e pensionati mi guardano dall'alto, qualcuno mi indica, mi sento parte del folklore, ho un ruolo, devo rispettarlo: vado avanti.
Il mare monta. Arrivato all'altezza della banchina 26, quella dove costruiscono i cassoni di cemento che poi rimorchiano e affondano a prolungare il porto, quella i cui fondali ho rilevato e cartografato svariate volte in una mia vita precedente, il nuovo antemurale è a fior d'acqua – qualcuno si è accorto che c'è del marcio a Civitavecchia e ha messo i sigilli al cantiere – e il vento entra pieno. Un metro buono d'onda mi accoglie, confusa dai riflessi sulle banchine interne. Decido che non è il caso di alzare la randa in porto come previsto, troppo folle lasciare il timone ed andare all'albero senza spazio di manovra, ed esco in mare aperto di forza, smotorando tra gli spruzzi, non senza essermi peritato di  guadagnare -
faticosamente - al vento rispetto alla testa semisommersa del molo di soprafflutto.
Sono fuori, accosto a sinistra, ora le onde sono al lasco e non spazzano più la coperta. Certo, la barca tenta di partire in straorza anche a secco di vele, ma lo sapevo che le condizioni erano queste. Lo sapevo? Boh, sì... In ogni caso ora lo so, e in un attimo prendo una decisione geniale: solo fiocco. Cazzo il paterazzo, cazzo l'amantiglio, la scotta di randa, controllo che l'autopilota faccia il suo lavoro lasciandolo governare attraverso un treno di onde particolarmente cattivo, e vado a prua a sganciare la vela dalle draglie. La tiro su dal pozzetto e lei si gonfia, si tende, Duna balza in avanti e io posso spegnere il motore, un'ora esatta dopo averlo acceso in banchina.


Finalmente in mare.




Commenti

  1. fair winds, myfriend!! e, tra un acazzata e una lascata, ...... non smettere di scrivere cosa combini: ci fai sognare!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Carlo, il Moitessieur de no' antri! mitico

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q