Passa ai contenuti principali

ma che davéro-davéro?


Stiamo qui, mollemente ormeggiati in banchina ad Epidauro. Musica di sottofondo, cool jazz, viene dalla piazzetta qui dietro. È sabato, e il paese sfila in abiti serali, più o meno eleganti. Le bancarelle qui sul molo sono in legno lucido, pulite ed ordinate come sono nel mio immaginario le bancarelle in Svizzera. Vendono miele, marmellate. Enormi forme di formaggio cretese offerte da un patriarca barbuto e dai suoi degni figli e nipoti.
La ragazza qui di fronte sistema meglio le sue merci, esponendo a più riprese dai pantaloni a vita bassa le sue mutandine di pizzo.
Una bella serata, insomma. La degna conclusione di una giornata cominciata all'alba, uscendo col fiocco a riva da Kiato, incontro a un mare che rispetto a ieri, quando c'eravamo rifugiati qui dopo aver terzarolato il terzarolabile, non è calato per nulla.
Proseguita poi giù, verso il canale di Corinto, surfando sulle onde, cercando di indovinare i frangiflutti che ne proteggono l'entrata nel paesaggio centrifugato restituito dai binocoli. Arrivati, contattata la torre di controllo, un'ora alla cappa secca, con onde di due metri di un celeste sparato, inverosimile, taglienti come lame, a minacciare impotenti la nostra resa vittoriosa.
E poi questo passaggio tra due mondi, profondo e materno come un utero, e la rinascita nella luce abbagliante e nei colori nitidi dell'Egeo.



Una distesa infinita di blu profondo, disseminata di isole, striata dai bianchi capelli di Poseidone in persona, ci aspettava da questa parte del mondo. E noi, incuranti o forse incoscienti, ignavi, a solcarlo col vecchio fiocco inglese a riva, quello piccolo, e due mani alla randa - ché ormai non ci corre dietro nessuno, siamo dove volevamo essere, siamo qui.
Da lontano vediamo sfilare Salamina, e mi sembra di sentire echeggiare i peana, e il battito dei remi sul mare profondo, il cozzare delle navi, la Storia. Mio dio, siamo davvero qui? Io, Manuela, Duna, Arthur? (Arthur è il nostro autopilota, il mio fido secondo, compagno per le prime 750 miglia). Siamo davvero in Egeo, siamo dove quasi per scherzo mesi fa abbiamo puntato il dito sulla carta accompagnando il gesto con un timido "mi piacerebbe"?
Nonostante la mia fondata incredulità, tutto attorno a me lascia intendere che sì, siamo in Egeo. Siamo dove il canto delle cicale sovrasta il borbottio del motore entrando alfine nell'agognato riparo. Siamo dove il vento è Vento, il mare è Mare e noi, chissà, forse, potremmo sentirci Noi.

E ora scusate, è stata una lunga lunga rotta fino a qui, ho giusto una bottiglia di vino che mi aspetta per festeggiare. Kalispera.

 





 













Commenti

  1. bravi, l'azzurro mi intriga tanto...tanto

    ...un giorno ci arrivo anch'io

    RispondiElimina
  2. Una lunga rotta tanto agognata, desiderata ed altrettanto meritata. Adesso godetevala tutta. B.V.

    RispondiElimina
  3. E qui comincia l' avventura .........................

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. ma se é così bello sentire persone entusiaste di quello che stanno facendo, di quello che stanno vivendo, emozioni giá da noi vissute, ma non ancora, fortunatamente, esaurite, quasi quasi vi chiedo l'amicizia su fb, che dici, lo faccio????

      Elimina
  5. Non so se ve l'hanno detto, ma quando l'Egeo prende così, non ti molla più. Fate i conti col piccolo problemino di dover restare qui per i prossimi trent'anni ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà dura, ma sono sicuro che ci adatteremo :)

      Elimina
    2. Ci manchereste, ma se così fosse, voi apparecchiate che prima o poi ci presentiamo per cena!

      Elimina
    3. Per voi la tavola è sempre apparecchiata, vi aspettiamo <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…