Passa ai contenuti principali

La pace in Terra



Tre ancoraggi di seguito in porto non li avevo ancora mai fatti. Il primo, cime in banchina e passerella pure, quando sono andato a mettere in tiro la catena l’ancora è venuta su come fosse stata calata non nella sabbia ma nel burro fuso.
Il porto è quello di Skinousa. Siamo arrivati qui dopo tre ore di viaggio da Paros, spinti a otto nodi al giardinetto col solo fiocco terzarolato dal meltemi ancora gagliardo, e incredibilmente c’è posto al molo principale. C’è però, pare, anche la fregatura: le leggende dicono che qui di fronte ci sia “una buca” piena di posidonia. O forse capiamo male il vicino danese, e il problema è che nella buca - lei una costante che rimane in tutte le versioni del mito - la sabbia è solo un sottile strato sopra una roccia liscia come un biliardino appena comprato. Quindi bisogna calare l’ancora “più in là”. Dove, più in là?
“Vicino al pescatore, come ho fatto io”.
Il pescatore è quasi in spiaggia, dall’altra parte del piccolo golfo.
“Ma quanta catena hai dato, così per curiosità?”
“Ottanta metri,” mi risponde il vichingo.
Otttanta metri ce li ho pure io, ma non voglio rischiare di fermarmi a metà strada senza arrivare in banchina, per cui decido che è meglio lasciar perdere il pescatore, troppo ambizioso, e calare la mia delta una ventina di metri dopo, all’altezza della barca blu.
La barca blu è la seconda. Poi, venendo verso il molo, ce n’è una terza, e anche una quarta. Tutte con le cime a terra sul lato est del golfo e le catene ortogonali a noi in banchina: m
esse così è automatico che si intreccino. Il che è un po’ assurdo, a pensarci, visto che questa è appunto una banchina, anzi "la" banchina, e quella roccia nuda.
Prese le informazioni e fatta una media tra quelle fornite dal vicino sottovento, danese, e quello sopravento, romano nato, cresciuto e invecchiato a Corso Trieste, esco fuori con numeri da circo per non raschiare tra le raffiche (ci sono sempre le raffiche, in questi casi, e durano giusto il tempo dell’emergenza per poi calare improvvisamente e improvvidamente a lasciarti boccheggiante ad addugliare le cime) le murate dei vicini. Vado a prendere accordi col tipo della barca blu perché ci dia lui l’ok per essere franchi dal suo calumo, e caliamo l’ancora per la seconda volta. Le facciamo fare presa come da manuale, ci giriamo e andiamo in banchina... e la catena finisce quando mancano appena tre metri. Ma come, mi dico, gli ottanta metri del danese arrivano fino al pescatore, e miei non bastano per arrivare in banchina partendo venti metri più in qua?
La terza volta il tipo della barca blu fa gesti ampi con le braccia dalla prua, come a dire che abbiamo rotto le palle con questo andirivieni. Teme per la sua fottuta ancora, come se calandola di traverso al molo non fosse lui stesso ad averla messa a rischio. Cerca complicità con il vicino, anche lui a prua ma meno espressivo. Scocciato, chiamo in causa l’ironia rimastami e mi avvicino di nuovo, stavolta per annunciargli che più tardi, finito lo spettacolo, passeremo con il cappello. Preparasse gli spicci. Non ride, ma almeno smette di dimenarsi come un tricheco in amore. Scegliamo bene il posto: che sia sabbia, che sia oltre la posidonia, che sia oltre la prua della barca del tricheco perché da lì già abbiamo visto che ottanta metri non ci bastano. MaLa cala la nostra delta, e ovviamente quando l’ancora fa testa il tipo dell’HR cime a terra di traverso ci urla che abbiamo preso la sua ancora. MaLa ha finito la pazienza e bestemmia. Io, prosaico, gli chiedo, urlando attraverso il porto e l’eco dell’imprecazione che ancora ora rimbalza tra una parete e l’altra della rada, cosa vuole che io faccia: preferisce che ritiri su tutto, probabilmente spedandolo, o che finisca la manovra. Sceglie la seconda. Fine problema ormeggio.
Cristina e Paolo scendono a baciare la terra. Io e MaLa ci tuffiamo e nuotiamo fino al centro, dove scopriamo che almeno cinque barche avranno problemi, domani. Scopriamo inoltre che il danese è un cazzaro: la sua ancora NON è vicino al pescatore ma accanto alla nostra. E anche che abbiamo davvero agganciato la catena dell’HR.
Pinne e maschera, mi allungo fino da lui e gliene parlo. Lui, Adonis, è persona civilissima e
- cretese - ovviamente avvezza ai mari greci. Se fosse capitato con il tricheco in amore sarebbe finita a schiaffi, e con l’olandese di Poros probabilmente a coltellate. Invece qui ci mettiamo d’accordo per salpare la mia delta, domani, con una cima passata nel diamante, in maniera da non arrecare danno al suo ancoraggio. Cosa che poi ho fatto.
A dimostrazione che la pace in Terra è possibile, ma solo tra uomini di buona volontà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q