Passa ai contenuti principali

E se Ulisse e Diomede...?

Luciano ci ha segnalato un bel ridosso, isolato, solitario, sull'isolotto Sarakino, qui davanti. Io mi studio i portolani, le carte, le immagini satellitari (cercando di indovinare dalle rughe delle onde la rotazione dei venti e la direzione delle raffiche), le previsioni meteo confrontate sui due tre siti di cui più mi fido da queste parti. E alla fine stabilisco che daremo àncora altrove. A un paio di miglia, ridossati dal SE, e in modo che l'eventuale mare lungo, entrando dopo la strettoia  e rimbalzando sulle scogliere, si perda nelle diramazioni di questo golfo. Dove, non ve lo dico, è troppo bello, è uno di quei posti che o ci si arriva per volontà divina - o per Caso, a seconda delle preferenze - o è meglio (per l'equilibrio generale dell'Universo, intendo) non disturbare affatto con la propria presenza.
Gli indizi, però, ci sono. In condizioni normali, questo sarebbe un posto da evitare. "Fierce gusts", commenta Heikell, "Se passi da queste parti accendi un cero" riporta la dinastia Elias nella Sea Guide. Ma noi siamo partiti da Ormos Karistou approfittando di una finestra meteo concessaci da un Fato benevolo, che ci ha permesso di smotorare curiosi su per lo stretto di Kafireas, di avvicinarci a Skyros senza subire le temute raffiche. E mentre scrivo, in pozzetto alla luce della luna, una calma surreale circonda Duna e la sua àncora che morde la sabbia del fondale e le sue cime di poppa avvolte due volte alle rocce. Sento le pecore belare sul pendio qui dietro, appena oltre l'olivo che ci ha donato la sua ombra per la merenda pomeridiana. Sento lo sciacquettio della risacca sugli scogli, là dove abbiamo raccolto ricci da accompagnare col vino rosso. Sento i grilli, il cui canto mi arriva dalle piante odorose di queste colline che danno loro asilo. Timo, origano, rosmarino e salvia, questo è l'odore intenso che ci droga da quando siamo arrivati qui, in pieno meriggio.
Siamo scesi a terra carichi dei nostri averi e siamo andati fin sotto l'olivo, l'unico dell'intero golfo. Lì abbiamo affettato il prosciutto di Parma rimastoci nella dispensa, e l'abbiamo gustato nel fresco dell'ombra insieme a pane carasau e a vino di Cefalonia.
Attorno a noi le lucertole ci guardavano curiose, e poi passavano oltre. Le pecore pascolavano sulla spiaggia di ciottoli bianchi, accanto al tender, leccando sale dalle rocce corrose dalle onde. Nessun altro segno di vita.
E allora ci siamo chiesti, in questa ebbrezza di odori e luce e colori e vino: ma se Ulisse e Diomede, venuti qui, in questo stesso luogo che certo non è cambiato poi molto da allora, a recuperare con l'inganno Achille, avessero portato, oltre alla cesta di armi e a quella di gioielli, anche del pane carasau, del prosciutto di Parma e del vino rosso di Cefalonia… Avrebbero mai distrutto le mura di Ilio, i tre Achei, o sarebbero rimasti qui, all'ombra di questo ulivo, a mangiare, a bere e, chissà, a giocare a dadi?

Commenti

  1. Carlo scusa la franchezza.,ma non sono certo che quell'ulivo ci fosse già. Quindi è colpa dell'ulivo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O di chi l'ha piantato troppo tardi :)

      Elimina
  2. Secondo me due su tre sarebbero rimasti, ma Ulisse comunque li avrebbe convinti...quello era tremendo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Estate 2016: Conavigazione in Egeo

Ormai a poche settimane dalla mia partenza, il programma per questa estate è a grandi linee definito. La navigazione avrà inizio il 18 maggio da Egina. Con base in questa isola, passerò maggio e giugno esplorando la costa e le isole del Peloponneso da Epidauro a Ermione. Tra la fine di giugno e i primi di luglio mi raggiungerà Manuela e insieme migreremo lentamente verso sud, avvicinandoci alle Cicladi, scegliendo rotte e ancoraggi a seconda del meteo. Nella terza decade di luglio attraverseremo fino a Creta dove rimarremo, spostandoci via via verso ovest tra musei e scavi archeologici, fino ai primi di agosto. I tempi della navigazione successiva, verso il Dodecaneso, dipenderanno molto dalle condizioni meteo. In ogni caso l'obiettivo è riuscire a essere a Leros per Ferragosto. Durante le settimane successive navigheremo tra Leros e le isole vicine: Lipsi, Patmos, Arki, Agathonisi, forse Samos. Questi i programmi fatti a oggi. In settembre più o meno inoltrato, rimasto di nuovo solo a …