Passa ai contenuti principali

Le onde bagnano, il vento asciuga. Le onde ribagnano.



Oggi pare ci sia un F6, fuori.
“Pare”, scrivo, perché a Despotikò, dove abbiamo passato la notte, arriva vento, parecchio anche, ma le condizioni non sembrano poi così brutte.
Domani il vento aumenterà. F7, dicono. Sempre rafficato, prevedono. E quindi ci sarà poco da risalire. Ma se oggi allungassimo anche solo di poco la scia, in prospettiva di avvicinarci alle Piccole Cicladi e una volta lì aspettare il momento giusto per saltare in Dodecaneso, non sarebbe poi male.


Quindi, da Capitano, propongo una piccola tappa di dieci-quindici miglia, con l’idea di risalire fino a Paros e mettermi in condizioni di scendere al giardinetto verso Skinousa anche con il meltemi arrabbiato dei prossimi giorni.
“E comunque” aggiungo “se una volta usciti quel che troviamo non ci piace possiamo sempre tornare qui e calare l’ancora esattamente dove è ora”.
MaLa ha qualche dubbio, ma si dichiara d’accordo. Paolo e Cristina (ancora) si fidano del mio giudizio. Quindi è andata.
Arrotoliamo alla meno peggio il fiocco Bianchi&Migliori che ieri abbiamo rischiato di scoppiare nelle raffiche di catabatico, e al suo posto ingarrocciamo quello pesante, prendendo già la mano di terzaroli. La randa ne ha tre, e la teniamo così. Partiamo.
Il vento ci spinge fuori, verso Ios. Fino alla punta.
Poi dobbiamo accostare a sinistra, e lì il vento continua a spingerci verso Ios. Considerato che noi puntiamo invece verso Paros, e ci sono circa 60 gradi di differenza, il risultato è una bolina assai bagnata in un mare che ribolle di raffiche e treni d’onda confusi.


Benvenuti nelle Cicladi in estate. Continuo a ripetere gli stessi errori, anno dopo anno. E meno male che ho declinato l’offerta di Ale e non ci tornerò in agosto, come skipper di un quindici metri.
Un paio d’ore di onde che ci bagnano fino alle ossa, e vento che fino alle ossa ci asciuga, e ancora onde. Fino al momento, ormai a a ridosso di Paros, in cui sono pronto a accostare a destra e mettermi il vento al traverso. Peccato che, anche qui non imparo mai, il meltemi gira attorno alle isole: appena cambio rotta anche lui cambia direzione, accompagnando la mia accostata e accelerando sotto costa. Ancora onde, ancora vento, ancora bolina.


Dopo un’altra ora, come una terra promessa, eccoci a Ormos Tria. Qui il vento tira e spinge, strappa l’acqua dalle creste e la sabbia dalla spiaggia, fa schizzare i windsurf che fanno avanti e indietro provando traverso dopo traverso come una colonna di formiche indaffarate a spolpare l’estate. Ma vicino alla costa - ancoriamo al limite delle boe dei bagnanti - si sta bene.
Mi sciacquo dal sale, mi cambio, mi faccio una birra, copro le vele e poi, mentre sto sistemando la ritenuta dell’ancora, questo tipo col suo windsurf azzurro mi punta e, quando sta quasi per prendermi, incazzatissimo, mi chiede acqua.


A me, che sono ancorato. Se non vedi un Serenity all’ancora cosa ne fai della vecchietta che fa il bagno con la cuffia a fiori?


Prima di scendere a dormire ho issato il pallone nero di fonda: non tanto perchè credo lui sappia cosa significhi, quanto per avere la scusa legale, se sento un botto, per uscire e finirlo con l’arbalete.

Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q