Passa ai contenuti principali

Esperimenti linguistici

Qui a Poros parlano tutti un ottimo Inglese, alcuni addirittura Italiano. Quando entro dentro la rivendita sul porto, però, lo faccio deciso a usare il mio Greco.
Me la sono preparata un po', lo ammetto. Ho un progetto.
Devo chiedere una cassa d'acqua, il che più o meno dovrebbe corrispondere a "Felo ena boh nerò", dove "boh" sta per un gesto a forma di cassa, o un indice opportunamente puntato verso il prodotto richiesto, perché come si dice "cassa" proprio non lo so. Lui allora mi domanderà "Quale acqua?", visto che ne ha più marche, e io sceglierò la Zagori, non perché sia più buona ma perché è, di solito, la più economica.
Lui me la darà e io chiederò "Poso cani?", "quanto fa". Pagherò e andrò via ringraziando.
Mi sento pronto e quindi, come scrivevo, entro.
Mi accoglie una penombra vasta, di legno scuro e bottiglie ordinate in scaffali alti fino al soffitto. C'è un registratore di cassa e una scrivania, entrambe sulla sinistra, occupate rispettivamente da quello che sembra essere un cassiere e da un giovane simile a un segretario. Quest'ultimo è chino su un portatile, e non alza lo sguardo nemmeno per rispondere al mio saluto. Il cassiere, che a giudicare dalla costituzione florida forse è il proprietario stesso del negozio, è chino anche lui, ma su un cellulare. Nemmeno lui alza o sguardo per rispondere al mio saluto.
Io, imbarazzato, mi schiarisco la voce per attirare l'attenzione di uno dei due. Il cassiere/proprietario cede e mi mette a fuoco. Parte il mio piano.
Gli chiedo una cassa d'acqua, indicando a gesti il mucchio al centro del negozio. "Enagnonda" dice lui rapido, con un tono che non lascia indovinare se sia una domanda, una risponta o  un'esclamazione su quanto appena letto sul suo profilo Facebook. Spiazzato, decido di fingere di aver capito e proseguo con la mia scaletta, specificando che voglio una cassa di Zagori.
"Otifèlete*". Questa è sicuramente rivolta a me, anche se la direzione dello sguardo, fisso sul cellulare, non aiuta. La frase sarebbe facile da capire in qualsiasi altro contesto, soprattutto perché accompagnata dall'universale gesto del "Fai un po' come ti pare", ma qui io scorro gli occhi sul mucchio al centro cercando una etichetta che corrisponda a quanto appena sentito. Non la trovo, ma fingo di nuovo di aver capito e proseguo con l'ultima frase preparata:
"Poso cani?" chiedo quindi, fingendo baldanza.
E lui, questa volta guardandomi: "Ena ogdonda". Uno e ottanta.
Rido solo io, pago ed esco in strada con la mia cassa d'acqua.
------------------
*"O,ti fèlete" = "Tutto quel che volete".

Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q