Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Non succede nulla



Non succede nulla, o almeno: nulla di strano. Il sole sorge di mattina presto a scacciare l'umido notturno, il vento aspetta che la terra si scaldi per cominciare gentile a soffiarle fresca aria di mare, il mare stesso, Lui, pian piano si increspa, e bianche rughe solcano, lievi, la sua pelle antica. Poi il tramonto, il crepuscolo, tutto scema, e infine la notte. Siamo subito entrati nel ciclo degli elementi: col sole ci svegliamo, con il vento viaggiamo verso sud, col tramonto cerchiamo il ridosso e il riposo. Durante il giorno la nuova vela ci tira gagliarda e la Duna, fresca di carenaggio, cavalca le onde come forse solo in gioventù faceva. Di notte l'àncora morde la sabbia nelle rare raffiche, e la catena si adagia molle sul fondo nella quiete delle profondità marine. 
Non succede nulla, nulla di strano. Pesci abboccano alla nostra lenza, poi si liberano e tornano a casa. Finanzieri ci illuminano di sorpresa, poi ci ripensano, spengono il faro con cui ci hanno appena abbagliato e scompaiono nella notte stellata. Ponza è piena di barche, ma all'Arco Naturale c'è ancora spazio e neanche un ubriaco amante del karaoke ha tenuto artificialmente alto il morale dei convenuti. L'indomani abbiamo deviato verso est, tornando verso terra a cercare il vento, e poi giù, verso le Eolie e lo Stretto. Non abbiamo fatto in tempo a salutare Sergio e Cecca a Napoli, peccato, ma so già che capiranno la nostra fretta di animali migratori. 
Non succede nulla, l'ho premesso. I gabbiani volano alti tra il cielo e le scogliere, scendendo improvvisamente in picchiata alla ricerca di charteristi in aperitivo. I colori del tramonto si fondono imbrattando la tavolozza delle nuvole. La Duna dondola nel mare lungo della sera. 
Niente di nuovo. I tonni abboccano al crepuscolo, i coltelli scivolano in acqua a impreziosire il substrato sedimentario delle future catene montuose, gli amici ci aspettano in rada all'ora dell'aperitivo. Il motore ha un guasto, e un meccanico amico di amici di amici mi fa trovare in banchina il pezzo di ricambio. Siamo per mare da pochi giorni e già è come non fossimo mai scesi dalla Duna a rinchiuderci in un appartamento per tre lunghe stagioni. 
Non succede nulla, lo ripeto, nulla che valga la pena di raccontare. Siamo solo animali in testardo movimento, le narici aperte a fiutare il vento, assuefatti al ritmo delle onde, diretti sempre un po' più in là dell'orizzonte.

Che poi, si sa, l'importante non è mica arrivare.

Commenti

  1. Adesso capisco qual'è il mio problema: succedono tutte a me ;) :)
    E' un piacere leggervi, continuate così. Buon Vento

    RispondiElimina
  2. Finalmente di nuovo le nostre letture estive preferite!
    Buon viaggio amici

    RispondiElimina
  3. Buon vento a voi, buona circumnavigazione!

    RispondiElimina
  4. Mi raggiungete fra le isole dello Jonio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo già a Messolongi, diretti a Galaxidi... era una settimana che covavo questo post :)

      Elimina
  5. complimenti Carlo! ti seguo da un pò e devo dirti che i tuoi racconti, l'ironia e il tuo modo di scrivere mi piacciono molto!
    magari ci si vede nell'egeo..
    pietro / pielosc adv

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari! Noi faremo Corinto entro una settimana: se sei di là da qualche parte ci vedremo

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q