Passa ai contenuti principali

Sapiens Vs Neanderthalensis

Arrivo al porto sul tardi, e invece di filare subito in barca allungo il percorso fino all'officina per vedere se trovo il Meccanico. Lo incontro mentre fruga in un aiuola. Cerca il caprifoglio per i pappagalli - dice - ma quei bastardi hanno tagliato tutto. Immaginando si riferisca ai giardinieri mi limito ad annuire con aria complice. "Il carrello te lo riporto ora o domani?"

Ora è meglio, pare, così corro in barca, torno ad indossare i panni intrisi del gasolio di ieri, sbarco il carrellino che aveva passato la notte attaccato alle draglie e me lo trascino dietro per restituirlo al suo proprietario. Appena in tempo per aiutare a sistemare l'officina, liberandola dai cartoni, dalla segatura, da taniche di liquidi innominabili ottenuti dal miscelamento di gasolio, benzina, acqua morchia ed olio: tutti residui delle mie lavorazioni sul mio motore.
"Come va, l'hai sistemato?" mi fa il Meccanico col suo accento genovese. 
Io ripenso a ieri: reimbarcato il motore con l'aiuto di un amico d'infanzia che non frequento da anni, sistemato sui supporti con l'aiuto di un amico, un altro, che lavora qui in porto, ero poi rimasto solo e avevo deciso di ricollegare il parastrappi - la mia linea d'asse non è rigida - al mancione dell'elica. Inutile dire che dopo un'intera giornata passata a tonneggiarmi avanti e indietro dalla banchina, valutare distanze, carichi e rischi, tirare e spingere,
infilarmi nel vano motore passando dalla cabina di prua e rimanere sdraiato sui gomiti e le ginocchia per alcune ore non era un'occupazione particolarmente gradita. Il rifiuto dei bulloni di avvitarsi al loro posto, pertanto, mi aveva alquanto contrariato. Il parastrappi infatti è (ora lo so) leggermente più largo del giunto triangolare che dovrebbe collegarlo all'asse, cosicché il primo bullone entra facilmente, ma gli altri due finiscono per sbattere sul metallo, o per avvitarsi di sbieco consumando la preziosa filettatura in ottone del mancione. Lì per lì, stanco mentalmente forse più ancora che fisicamente, e deluso perché avevo creduto di aver ormai superato la fase critica, avevo attaccato il problema in maniera fisica, violenta nei modi e nelle parole. Con una mano avevo premuto per deformare l'anello in gomma rinforzata, con l'altra avevo cercato di avvitare ora un bullone, ora l'altro. I perni comprati nuovi in ferramenta erano risultati troppo lunghi di alcuni millimetri, ma solo dopo essere riuscito per un'unica volta a montarli. Ero entrato in un circolo vizioso in cui premevo, giravo, strizzavo, bestemmiavo, ruotavo tutto l'accrocco di 120 gradi, ricominciavo da capo. Ero andato a letto stremato, sconfitto, mi ero addormentato a fatica, mi ero risvegliato con gli occhi gonfi e i muscoli doloranti per l'acido lattico. Andando in ufficio, dopo il primo caffè della giornata, l'illuminazione: impossibile continuare a mano, come ieri, avrei dovuto deformare artificialmente il giunto. Con una chiave inglese o una tavoletta legata a un cimino, o, ancora meglio, con uno di quei grossi ganci regolabili  da falegname... come si chiamavano?
Il Meccanico dunque mi chiede come è andata, e io gli racconto sinteticamente che il motore è a posto, i supporti anteriori ok, quelli posteriori da regolare, e ho difficoltà a collegare l'asse perché mi serve qualcosa per stringere la gomma del giunto fino a far coincidere i buchi. Mentre comincio a descrivergli cosa ho in mente lui mi indica uno sportello sotto il banco da lavoro "prendi un sergente, stanno lì sotto, scegliti quello della misura giusta". Apro ed eccolo lì, il grosso gancio regolabile da falegname, o meglio il sergente.
Ne scelgo due, non sono sicuro della misura, offro un caffè al Meccanico qui al bar del porto, lo saluto e torno alla barca.
Apro la cabina di poppa, mi infilo col busto nel vano motore, poggio le ginocchia sulle bottiglie di plastica vuote che ho sistemato sul pavimento della sentina nella speranza di salvare i menischi, stringo il sergente sul parastrappi all'altezza del primo bullone da avvitare, lo avvito, passo al successivo...
In dieci minuti di orologio l'homo sapiens che a volte è in me risolve quello che il neanderthalensis aveva affrontato ieri, con coraggio e ostinazione, per un intero pomeriggio, finendo ottusamente sconfitto. E tutto grazie ad un ozioso ragionamento sviluppato guidando lentamente la macchina da Riva di Traiano a Civitavecchia centro, un paio di chilometri al massimo.
A volte dà soddisfazione essere Sapiens.


Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q