Passa ai contenuti principali

Follow by Email

"Prima gli Itagliani!"

Scappati appena possibile dalla più inospitale delle isole egee, alle nove siamo già nella baia sud di Rhinia. Zigzagando tra la barche alla fonda passiamo oltre quelli che hanno ancorato in prima fila e ora sorseggiano il caffè in pozzetto gustandosi il panorama bucolico. Vado verso la spiaggia fino a che l'ecoscandaglio non segna 2.8 e lì calo la mia delta con dieci metri di catena. Questo almeno è quanto avrei voluto, ma Patti è di polso largo stamattina e lascia andare quattro cinque metri in più. Il che più in là avrà forse importanza.
Spengo il motore. Tra lo stupore di tutti, mio equipaggio compreso, siamo soli al centro di una piscina di acqua trasparente e sabbia bianca. Tuffi, nuotate, caffè e biscotti, ancora tuffi. Poi il vento gira leggermente e la barca con lui, avvicinandosi ancora di più alla linea di costa. È decisamente il momento di avviarsi verso Naxos, dove Nico, del porto, mi ha promesso che nonostante ci sia il pienone riuscirà a sistemarmi in qualche modo, magari all'inglese su un'altra barca. Ed è fingendo assoluta nonchalanche che faccio perno sulla chiglia, nel frattempo finita ad appoggiarsi sul fondo - ecco perché dieci metri di catena erano giusti ma quindici troppi - e mi allontano alzando una nuvola di sabbia.
Il viaggio dura tre ore piene. Il vento, già lo so, ci accompagnerà solo per poche miglia, per poi lasciare un mare antipatico fatto di creste appuntite dalla corrente e distorte dalle scie dei motoscafi appena allontanatici da Mykonos
Stanchi e accaldati arriviamo in porto insieme a due catamarani da charter selvaggio. Dove per selvaggio intendo l'usanza di non rispettare niente e nessuno giustificandosi con "Sto lavorando", il che andrebbe anche bene, se solo io, nel lavorare, usassi andare a rompere loro le palle. In realtà non è così, non mi conoscono, non ci siamo mai visti e mai ho fatto loro un torto, in qualunque ora della mia giornata, o giorno della mia settimana, o periodo della mia vita: la loro sete di vendetta è assolutamente ingiustificata. Del resto anche l'altra scusa frequente, "Sono in vacanza", non ha molto senso, dato che qui siamo in tanti nellla stessa situazione, e conviviamo in pace e letizia. 
In ogni caso i due catamarani da charter selvaggio, schiavi delle consuetudini, ci passano avanti prepotenti e occupano l'avamporto con i loro ingombranti scafi pieni di valigie e tacchi a spillo.
"Non è giusto," osserva Patti, infastidita da tanta arroganza che lei subisce per la prima volta, "Prima gli Italiani" conclude, con surreale piglio leghista, una volta compreso che riderci sopra è il trucco vincente per non rovinarsi il fegato.
"Prima gli Itagliani!" urliamo tutti insieme, pigiando l'ugola sulla laterale palatale. E sbavando un po' come si addice al personaggio entriamo anche noi, spavaldi.
Nico non conosce il gioco (che comunque qui prevederebbe un qualcosa del tipo "Próta oi Éllines", che oltre a non assomigliare come suono cozza anche come dichiarazione di intenti) e non scatta sull'attenti al semplice sentire la parola d'ordine. Ci lascia invece a fare avanti e indietro per una buona mezz'ora negli scarsi cinquanta metri di mare che separano le prue delle barche ormeggiate dagli scogli sottovento. 
Sistemati tutti gli altri arriva da noi e ci indica dove ancorare per poi venire indietro fino alla testa del molo e finire affiancati a un massiccio panzer tedesco in teak i cui proprietari, due pensionati di Berlino, nonostante l'iniziale diffidenza ci lasciano usare la loro passerella per scendere a visitare l'isola. Solo l'indomani, dopo aver cambiato posto con una manovra silenziosa come di rado se ne vedono, conclusa in maniera millimetrica tra l'approvazione dei nuovi vicini nonostante il vento violento che sta salendo da nord, il Tedesco mi verrà vicino con fare cameratesco.
"Ti ho visto fare manovra: dai ancora andando in avanti invece che di poppa. Anche io!" Sorride compiaciuto, emozionato quasi. Io sorrido a mia volta, soddisfatto non tanto dall'aver scoperto un'affinità con l'arzillo pensionato, quanto di aver sistemato la barca dove potremo stare al sicuro per le prossime ventiquattro ore di prevista buriana.
"Siamo solo in due in tutto l'Egeo" conclude.
Non è vero, lo so bene e probabilmente lo sa anche lui, ma gongolo comunque di piacere nel vedere riconosciuto il valore della mia manovra alla viareggina, come la definirebbe, con un finto disprezzo tutto toscano, Domenico detto il T. 
Prima gli Itagliani, penso, divertito.
Ma, non volendo essere preso sul serio, lo tengo per me.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta. Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancula

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q