Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Madre Natura

Abbiamo appuntamento alle 10.30 con Maria, la nostra agente a Kastellorizo. Noi ci presentiamo alle 10.40, lei ci fa aspettare altri dieci minuti, e alla fine torniamo all'orario delle 11, esattamente il primo che ci aveva proposto ieri e che noi, con molte miglia davanti e desiderosi di partire, avevamo rifiutato.
Non solo: scopriamo che la capitaneria deve ancora timbrare le nostre carte - e 'ora c'è il traghetto, sono tutti occupati' - e che quindi, dopo il riconoscimento facciale alla polizia di frontiera, dovremo aspettare ancora un'ora prima di avere il visto di ingresso e di poter, infine, circolare per la Grecia con i documenti in regola.
Il bello è che in realtà in questo paese siamo già entrati da due giorni, e da due giorni camminiamo per strada e salutiamo tutti, guardia costiera e polizia di frontiera compresa. Qui di fronte, a Kas, lo scorso anno, il controllo passaporti l'abbiamo dovuto fare tendendo i documenti dalla plancetta di Duna, dopo che il doganiere turco mi aveva ripreso perchè avevo appoggiato un piede in banchina per aiutarlo a sistemare le mie stesse cime di ormeggio.
Concluse le pratiche riusciamo a lasciare l'isola, partendo da Mandraki. Ma solo alle 14, dopo aver razziato la foresta di capperi lungo il sentiero che dal porto comunale si inerpica fino alla tomba licia e da lì, a picco sul mare azzurro, gira attorno il promontorio per scendere al vecchio approdo dei pescatori al centro del quale Duna ha aspettato, placida sulla sua ancora, il nostro ritorno.
Ma, soprattutto, partiamo solo dopo aver aiutato l'economia ellenica con 181 preziosissimi euro, equivalenti alle 1200 lire turche con le quali saremmo potuti sopravvivere dignitosamente un mese ad appena quattro miglia da qui.

Poche miglia a motore ed è già il momento di ammainare la bandiera greca, a così caro prezzo conquistata, per battere di nuovo quella turca. Di straforo, infatti, passeremo la notte poco oltre Calcan. Rodi è troppo lontana stasera, 80 miglia controvento in mare aperto, e ripassare dalla dogana sarebbe un'inutile e grottesca perdita di tempo, oltre che di denaro.
Arrivati quassù, scegliamo una rada fuori dal golfo. Sabbia bianca su sei metri di fondo, perfetta per l'ancora. Sappiamo già che si ballerà, stanotte, un po' perché è aperta, un po' perché le isole qui di fronte rifletteranno verso di noi le onde perennemente provenienti da NW. Ma domattina ci sveglieremo già avanti, e senza le cime a terra necessarie in ogni altro ancoraggio qui intorno. Risparmieremo almeno un'ora, scusate se è poco.
Questa rada, dicevo, è un incanto. Ci sono cinque o sei caicchi, di quelli piccoli però, e oltretutto giornalieri: al tramonto se ne vanno uno a uno fino a lasciarci soli. 
Anche le cicale, una a una, smettono di frinire, e l'unico rumore che rimane è quello del mare.
MaLa con i suoi capperi, io a scrivere questo diario. Il rollio è sopportabile, almeno per noi. Beviamo vino - lei -  e ayran - io - e ci godiamo la prima rada solitaria dell'anno. 

Madre Natura, incontaminata, ricompensa chi è disposto a viaggiare lento e consapevole. Questo è quello che ci diciamo, persi nella comunione olistica tra noi e il Mondo, commossi dalla perfezione dell'Attimo ma ancor più dalle nostre stesse parole. 
E nel mezzo dell'Attimo veniamo assaliti da un'intera nidiata di vespe, che si infilano tra i capperi di MaLa, nel mio ayran, tra le dita che battono sulla tastiera, tra i nostri vestiti e i nostri corpi. Frugano ovunque in maniera assolutamente gratuita, senza ricavarne alcunché di utile, solo per controllare meticolosamente chi noi siamo, cosa portiamo con noi e cosa stiamo facendo. E noi, goffamente immobili, attenti a non urtare la loro suscettibilità, a non fare gesti che possano essere fraintesi, a facilitarle nel loro compito senza senso convinti - a torto - che prima si accorgeranno che non abbiamo nulla di interessante prima ci lasceranno in pace.
Un po' come la dogana che oggi c'eravamo risparmiati, insomma. E, come con i doganieri, per quanto tu sia gentile e accomodante loro trovano la scusa per pizzicarti.
E infatti così è andata. Madre Natura un cazzo.

Commenti

Prenota il nuovo libro!

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…