Passa ai contenuti principali

La macchinetta del caffè

Sto facendo il caffè, in un primo pomeriggio afoso. Qui alla banchina di Poros, dove siamo condannati a fare cozze in carena in attesa di un pacco dall'Italia, nulla si muove.
I vicini di dritta sono una simpatica coppia di Tedeschi amanti dell'Italia - Sighi e Brigitte - che a detta loro è "Insuperabile per cucina e cultura, ma troppo costosa per navigare". Contro ogni previsione dettata dai nostri preconcetti da figli dalla patria della pizza, degli spaghetti e del mandolino, ci hanno consigliato un ottimo ristorante, in fondo al porto sulla sinistra.
A sinistra avevamo un Greco in là con gli anni, autoritario sia con la moglie all'ancora che con il figlio, e anche con noi vicini. Ottimo marinaio, a giudicare dalla manovra con cui era entrato senza finire con l'elica nella trappa del corpo morto, ma un vero stronzo in quanto a rapporti sociali. Neanche un ciao, andandosene, peraltro con una certa eleganza nonostante il vento al traverso.
Il caffè, scrivevo, è sul fuoco. La macchinetta piccola, da single, giusto per riprenderci dal caldo e trovare l'entusiasmo per finire i lavoretti che ancora mancano. Cime da impiombare, fettucce da cucire. Piccoli frammenti di cambusa da spostare qua e là in cerca della minima energia potenziale dove possano riposare durante la prossima bolina.
Quando sento il mio simpatico vicino tedesco urlare, esco a dargli una mano. E lo vedo, in effetti, occupato a difendersi da un grosso charter, saranno 14 metri, messo quasi di traverso sulle nostre catene. Nonostante ogni evidenza lo sconsiglierebbe, invece di andarsene e rifare la manovra il tipo al timone, seduto, con un sorriso serafico che lascia intendere grande esperienza, anche se non si sa bene riguardo quale argomento, insiste a marcia indietro con lo spigolo di dritta puntato alla murata di una barchetta a motore greca - strano, il proprietario non sembra apprezzare - e il traverso di sinistra a raschiare il mascone del Tedesco.
A bordo solo un altra persona, un uomo tutto d'un pezzo assolutamente impermeabile ad ogni insulto. Sta all'ancora, imperturbabile, e ha occhi e orecchi solamente per lo skipper.
Il Tedesco e lo skipper parlano la stessa lingua, ma non sembrano apprezzare la reciproca compagnia. Soprattutto il primo credo si senta offeso dai ripetuti tentativi dell'altro di bucargli la murata. Quest'ultimo però pare in buona fede, e nemmeno risponde mentre chirurgico ingrana marcia avanti e marcia indietro per meglio ricamare la sua firma sul gelcoat del mio vicino.
Alla fine, però, deve prendere atto che lo spazio libero è, per lui, troppo poco. Soprattutto considerata la sua ostinazione a voler entrare di fianco. Con una smotorata decisa esce, accompagnato dalle urla in antico sassone di Sighi, che con una cattiveria tutta nordica li accompagna via spingendo con entrambe le mani sulla stoffa del tendalino. Cattiveria assolutamente sprecata, dato che del tendalino di un charter a nessuno frega nulla.
"Vai di là!" Urlano all'unisono il Tedesco e il Greco, dimostrando che una comunioni di intenti tra i due popoli è possibile, a patto di poter scaricare il problema a un Italiano.
E il charter viene di qua.
Dà fondo sulla mia catena, ma non subito: dopo averci danzato un po' sopra, con l'ancora a mezz'acqua, come con quell'antico gioco a gettoni, da fiera, in cui con una gru dovevi cercare di pescare il tuo premio. Lo insulto un po' anche io, sono mica da meno dei miei vicini, mentre si avvicina alla mia prua con la stessa arroganza e strafottenza con cui prima aveva attentato al mascone di Sighi e Brigitte.
A manovra finita lascia il motore in retro, con la poppa che sbatte in banchina, per esser più comodo a tirare le cime, e la catena in bando, con la prua che abbatte, spinta dal vento e dalla corrente, sulla barchetta in legno alla sua sinistra. Poi spegne il motore e si rilassa.
"Sono di Vienna, Austriaco" si presenta. "Siamo diversi dai Tedeschi." Cerca complicità contro Sighi, ma non la trova. Tuttavia resisto alla tentazione di chiedergli notizie geografiche sulle coste e sui porti del suo paese.
"Scusami, ma sarebbe il caso tu tirassi la tua catena, così non serve a nulla." Gli dico invece, gentile.
Lui mi guarda come se il discorso non lo riguardasse. "Dici?" mi risponde.
Va a prua e la tira di un paio di metri. La mia è quasi orizzontale, la sua pare la bava di un ubriaco addormentato sul divanetto del pub.
"La catena continua a essere lasca" insisto, e poi, didascalico "sai, da queste parti può essere molto ventoso, e se mi venissi addosso la mia ancora non terrebbe tutti e due"
"Se hai paura che la tua ancora non tenga puoi ormeggiarti a me" mi risponde. Vedo rosso.
"La mia ancora tiene da una settimana, e prima ha tenuto per mesi, per anni, qui e altrove. Se tu mi vieni addosso, però, ti buco la barca appena sotto il galleggiamento."
Mi giro sprezzante, e con un agile piroetta da incallito lupo di mare scendo in pozzetto e poi in dinette.
Dove la macchinetta del caffè è ancora sul fuoco.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…