Passa ai contenuti principali

Follow by Email

L'elica di prua

Esco fuori come faccio ogni volta che sento il rumore di un elica di prua che urla vendetta. 
Il sole è ancora alto, e le mie vele appena lavate penzolano inerti nell'aria immobile di questo autunno greco. In mezzo al canale c'è una barca, francese di fabbricazione e di bandiera, sulla quale un solitario, dopo aver spostato il tender a prua, tenta la manovra di ancoraggio nell'ultimo spazio disponibile, due posti alla mia destra. 
Calando l'ancora alla mia sinistra.
Tempo fa mi sarei innervosito per una scorrettezza del genere. E non avrei avuto tutti i torti: son qua da ieri con l'intenzione di passare i prossimi giorni a sistemare la Duna per l'inverno, e ritrovarmi prigioniero o peggio con l'ancora spedata, per di più in maniera francamente idiota, non è esattamente ciò che prevedevano i miei programmi per l'immediato futuro.
Ma con il vento, le miglia, il sale o meglio semplicemente con l'età che si annida infida nelle giunture, il grande insegnamento di Bruce Lee, "Be like water", mi è diventato più familiare. Seguire la via più breve, evitare inutili e dispendiose resistenze alla corrente della vita. Il tipo ha deciso di incastrare due barche con una sola stupida manovra? Qualunque sia il motivo che l'ha spinto, o costretto, ormai è fatta, aiutiamolo a fare in fretta. 
Luminoso e  serafico come il più realizzato dei bodhisattva, scendo a terra e mi metto a braccia conserte a osservare la manovra. In realtà il mio zen interiore fa, in questo, acqua da tutte le parti, perché il mio atteggiamento tradisce fin troppo bene il giramento di palle. Son lì e sembro dire, con tutto il mio corpo, "Sbrigati almeno a finire la tua manovra del piffero, idiota". Della qual cosa son molto pentito, sia chiaro. 
Il Francese viene indietro a velocità di lumaca, dando però catena come se lo pagassero per calarne il più possibile. Ogni tanto si ferma e usa l'elica di prua per correggere la rotta. Solo che forse c'è una leggerissima  corrente, sicuramente ha piazzato l'ancora dalla parte sbagliata... insomma, il bow thruster non fa che tenere piantata la prua costringendo la poppa a scadere proprio dove lui non vuole: sopra la barca a fianco della Duna.
Si avvicina un tipo, si mette anche lui a braccia conserte a osservare la manovra in attesa di dare una mano per le cime. Dopo un po' lo apostrofo, in Inglese: "Odio le eliche di prua" intendendo in realtà che odio il loro abuso in sostituzione del motore. "Sono buone solo con vento forte, e oggi non c'è" sentenzia lui "e poi fanno sembrare tutto troppo facile". 
"Sono buone se sai usare il motore, non se le usi al suo posto" concludo io. E aspettiamo l'arrivo in banchina del 42 piedi francese. 
Lui continua a dare catena e, ogni volta che sembra aver imboccato la direzione giusta, invece di insistere col motore per venire dentro mette a folle e usa l'elica di prua per incasinarsi il più possibile. Ormai è sopra la barca dei miei vicini spagnoli e se ne tiene discosto a forza di braccia, traversato alla corrente. I proprietari sono assenti. Noi lo guardiamo torvi.
Riesce a uscire dall'incastro, si allontana, riprova a entrare. Sembra farcela stavolta ma no, di nuovo elica di prua e di nuovo traversato, stavolta rischia di toccare anche la Duna. Motore avanti, esce e, continuando a calare catena, ritenta la manovra. 
Approfittandone, decido che è meglio avere il ponte libero in caso di problemi di abbordaggio e torno in barca a calare le vele e a piegarle ordinatamente lungo le draglie. Per quando ho finito il Francese è di nuovo al punto di prima, con il mio temporaneo compagno a dirgli, calmo ma convinto, "Lascia perdere l'elica di prua, dai motore e vieni dentro deciso". Ma niente, evidentemente se ce l'hai non puoi farne a meno neanche quando è controproducente. Il tipo alla fine entra, ma solo dopo aver rifatto tutta la fiancata agli Spagnoli. 
Noi, che abbiamo passato gli ultimi dieci minuti a commentare con espressioni gutturali di disapprovazione l'intera manovra, ci guardiamo con un improvvisa, colpevole e ironica consapevolezza e concludiamo all'unisono "Certo è semplice fare i marinai qui dalla banchina, mentre lui è lì da solo". Indossiamo il nostro migliore sorriso di benvenuto e raccogliamo pronti la cima che il tipo ci lancia, riusciamo a bloccarla sotto un anello e poi, in due, tiriamo e tiriamo fino a noi la barca che, altrimenti, sarebbe ritornata al centro del canale. Poi, ansimanti, ci guardiamo soddisfatti, sentendo forte il piacere di essere stati utili, di aver tramandato nel nostro piccolo la cultura marinara dell'aiutare il prossimo. Ho persino dimenticato che il calumo dell'ultimo arrivato è poggiato di traverso sul mio a poco più di dieci metri dalla mia prua.
Ed è qui, sul più bello,  che il Francese torna di corsa a poppa e ci fa: "Ridatemi la cima, devo uscire e rifare la manovra". 
"Ho calato l'ancora dentro il mio tender".



Il libro di While Slowly Going Nowhere è in vendita: 30 curatissimi racconti e un imperdibile glossario. Le informazioni su come averlo sono qui

Commenti

  1. Forte ! Una situazione analoga la vidi a Portoferraio negli anni 90: due tipi, un veneto ed un bresciano vennero in banchina ma il loro tender era sconvolto dal grosso peso: avevano un 45 piedi e ancora e calumo adeguato tutto sul tender....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q