Passa ai contenuti principali

RADDRIZZALA!

Ovvero: una pedissequa cronaca degli ultimi giorni di vela.

Oggi mi son tuffato da uno scoglio su un fondale pieno di ricci ("ma qui non ci arrivano i pugliesi col camioncino e le bombole, quelli che ogni tanto vengono fermati sull'A12 e multati di cinquecento euro per aver razziato diecimila echinodermi", ricordo di aver pensato). Ovviamente, anche se non ce ne era bisogno, l'acqua diventava subito profonda, ho aperto gli occhi per essere sicuro di non mettere inavvertitamente una mano o un piede su uno degli animali in questione - "potrebbe finire in tragedia" mi aveva minacciato Manu - e ovviamente avevo le lenti a contatto. 
È strano, perché senza lenti non avrei avuto ragione di aprire gli occhi: non avrei visto nulla, nemmeno il mio piede o la mia mano, ma, con le lenti, non ho visto comunque nulla, perché una delle due, la sinistra per i più pignoli, mi si è accartocciata tra il bulbo oculare e la palpebra. Tragedia. 
Chissà quante volte capita, qui a Galaxidi, di vedere uno straniero nuotare fino al centro del canale, con un braccio solo, con l'altro ben fuori dall'acqua a stringere un qualcosa di invisibile (come si dirà "fottuta lente a contatto" in greco?), per poi iniziare a infilarsi ripetutamente un dito nell'occhio, più e più volte, agitando nel contempo freneticamente i piedi per tenersi a galla. Ecco che finalmente viene utile la breve parentesi pallanuotistica giovanile: come dice sempre mia nonna, "impara l'arte e mettila da parte". 
Ma non è questo l'argomento del post, ho sconfitto i ricci malvagi e ho riconquistato la costa incolume. Mi son pure fatto la doccia, qui in Grecia - lo so per noi suona strano - gli stabilimenti sono pubblici e così sono le docce. Almeno fino a quando privatizzeranno tutto e vivranno finalmente meglio.

L'argomento, il titolo, prende spunto dal nostro arrivo a Trizonia, un paio di giorni fa. Eravamo partiti da Messolongi all'alba delle nostre palpebre con un leggero sud-est. Bolina, lenta, poi il vento era sparito, tira giù le vele. Poi era risalito, da sud-ovest, su il genoa si va al lasco. Poi era ruotato a ovest, e noi a farfalla. Poi, appena dopo aver contattato Rio Traffic a cinque miglia (a proposito, Luciano: loro ci hanno copiato, fossi in te darei un'occhiata al tuo VHF), abbiamo cominciato a sentire il rombo dei tuoni sulla sponda nord del Golfo di Corinto. 
Per andare sul sicuro, al primo lampo lontano ho dato ordine alla ciurma di tirare giù tutto, e ho proseguito a motore. Peccato rovinarsi la media, quest'anno siamo arrivati fin qui con la metà esatta delle ore motore dello scorso anno, ma quando, dopo il ponte, il vento ha ruotato di 180 gradi rinforzando al di sotto delle propaggini dei cumulonembi, ho smesso i preoccuparmi di questi dettagli ringraziando per una volta i traumi infantili grazie ai quali sono cresciuto così timido e timoroso. 
Rotta su Navpaktos, allora, a tagliare il golfo, a prendere (perdere) tempo, a cercare un ridosso in caso si metta al peggio - il fondo non è buon tenitore: è biadesivo! Il consiglio che mi arriva in tempo reale da Riccardo - e soprattutto ad ammirare da vicino il porticciolo fortificato davanti al quale probabilmente alcuni dei miei avi rischiarono la vita per difendere gli interessi economici della cristianità a discapito degli interessi economici degli infedeli.
Passata la tempesta ci rimettiamo in rotta, ora di bolina, per poi tirar giù di nuovo le vele in assenza di vento e infine, dopo poche miglia, ritrovarci gagliardi a farfalla diretti alla punta meridionale di Trizonia. Per entrare nel porto venendo da sud bisogna passare larghi sulla punta, e infilarsi tra Trizonia stessa e l'isoletta di Agios Joannis: in pratica, con questo vento, arrivati lì di poppa piena si accosta al traverso per poi risalire di bolina larga le ultime miglia. 
"Cambiamo mura al genoa e poi cazziamolo per il traverso" ordino all'equipaggio. La prima parte viene eseguita alla perfezione. La seconda ha un imprevisto: nel canale tra le due isole il vento accelera a palla di cannone, e ci ritroviamo con la Duna in bilico sul suo bottazzo di dritta, con una costa sottovento decisamente troppo vicina per i miei gusti, il genoa mezzo sventato e l'equipaggio che invece di collaborare si spalma sul pagliolato del pozzetto gemendo "raddrizzala, oddio oddio oddio RADDRIZZALA!". Ad onor del vero, devo anche citare Alberto il mio istruttore della patente nautica che mi diceva qualcosa del tipo "se vai di poppa a sei nodi, pensaci un attimo prima di accostare di bolina". 
Da intellettuali quali a volte millantiamo di essere, approfittiamo dell'occasione per intavolare una discussione filosofica sulla necessità e/o l'opportunità di raddrizzare la barca, dal momento che per farlo dovrei o sventare anche la randa, fermandoci e schiantandoci sugli scogli, o cambiare rotta e tornare quantomeno al lasco, schiantandoci quindi sugli scogli. 
Durante l'acceso dibattito, l'equipaggio partecipa agitando trasversalmente o longitudinalmente la mano non occupata a piantare le unghie sulle panche - piuttosto verticali - del pozzetto, l'isola sottovento pian piano sparisce dietro la poppa, e senza bisogno di dirimere la questione posso permettermi di mollare la scotta della randa, poggiare un pochino, disporre per l'ammainata (parecchio) acrobatica del genoa, accendere il motore. 
Al marina di Trizonia il vento è al traverso, diamo àncora con precisione chirurgica, e arriviamo in banchina tra i sorrisi di benvenuto dei vicini svizzeri. La cima di poppa di sinistra è troppo corta e fa fare figure barbine quando lanciandola al volenteroso di turno rimane per un attimo in tragico fermo immagine prima di ricadere in acqua pronta a finire nell'elica, prendere nota. 
Spento il motore comicia a piovere e la ciurma ne approfitta per farsi una doccia nature. Poi arriva il finimondo, quello che da Navpaktos ci minacciava da dietro le montagne fingendo noncuranza, ci strapazza per un'ora buona, e ci lascia con un'ultima raffica che finalmente speda l'àncora dei vicini, i quali, nonostante sia notte fonda, sono costretti a scappare in rada. 

Tutto questo casino, preparato fin dalla mattina, per scacciare degli Svizzeri da una banchina: a saperlo si faceva noi, e non mi macchiavo le lenzuola dallo scolo dell'oblò lasciato incautamente aperto.

Commenti

  1. Ahahahahh!
    Per le lenti ti capisco, visto che in mare le uso pure io, per il resto, nonostante l'otite, ho nelle orecchie quel "raddrizzala" che mi ha risolto un triste lunedì lavorativo di metà luglio. Mitici! Buon Vento :)

    RispondiElimina
  2. Ci siamo sfiorati, io sono a Sivota Bay.
    Quei posti li ho fatti nel 2012, bei ricordi.
    Prima o poi ci torno.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo racconto si impara tanto solo a leggere. E poi si ride. (Che non guasta). Le lenti a contatto sono pure il mio tormentone in acqua. Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Persi le mie prime lenti a contatto in acqua che avevo 16 anni, e allora non c'erano le "giornaliere"... potrai comprendere come il trauma si rinnovi ad ogni tuffo sconsiderato :-D
      Grazie dei complimenti, baci!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…