Passa ai contenuti principali

Follow by Email

La risacca


Stamattina, nel vedere un anziano navigatore arrivare in spiaggia con il suo tender, prepararsi con meticolosa cura all'atterraggio e poi finire in acqua con il motore in panne e il gommone rovesciato, non ho certo riso. E neanche mi sono sentito migliore di lui.
Ieri sera, infatti, Alessandro avrebbe voluto tirare a sorte per stabilire a chi toccasse tornare in spiaggia a prendere gli ospiti. Io però avevo la sensazione che toccasse a me, che lui si fosse sacrificato altre volte in questi giorni, e così mi sono offerto volontario.
"Vado io, così poi te lo faccio pesare per i prossimi tre anni" e sono montato sul tender, dopo aver messo in tasca la torcia. Mi sono allontanato nel buio e ho puntato la spiaggia. Mi sentivo molto skipper.
"Ricordati della risacca!" Alessandro che mi ha urlato sottovoce per non svegliare le innumerevoli barche che abbiamo dietro, qui a Salt Whistle Bay, Piccole Antille.
Eravamo arrivati ieri mattina, io, lui, MaLa e sei ospiti paganti, su un Lagoon 42'. Avevamo passato una giornata di relax, tra bagni, passeggiate, vino bianco freddo e spuntini continui. Avevo trovato tempo di lavorare a dei dati che mi erano arrivati dall'Italia via internet - Dio benedica il telelavoro - e persino un po' al mio romanzo. A cena, infine, avevo accompagnato gli ospiti a terra, li avevo sbarcati in spiaggia aiutato dal tipo del "ristorante" e li avevo lasciati andare alla loro festa a base di pesce sulla brace. Poi ero tornato in barca a chiacchierare coi miei compagni di viaggio davanti a un piatto di fusilli al sugo di barracuda.
Fino a quando ci siamo sentiti chiamare. Perché, in realtà, siamo così vicini alla spiaggia che un colpetto di motore sarebbe stato sufficiente ad andarli a prendere direttamente col catamarano, gli ospiti.
Con il tender, quindi, giro attorno alla poppa e mi dirigo verso il buio della spiaggia. Si vedono solo le palme, ritagliate in nero contro il cielo nero, e le luci dei cellulare delle sette persone che mi stanno aspettando. La linea dove la risacca frange è appena davanti alla riva, bianca e lucente alla luce delle stelle.
Ma io starò attento, come son stato già tre volte oggi. Arriverò più vicino possibile alla spiaggia, li farò entrare in acqua mantenendomi appena fuori dal piccolo frangente e aiutandomi all'occorrenza col motore in retro.
Mi avvicino e faccio cenno di entrare in acqua, ma nessuno si muove. Forse al buio non mi hanno visto? Rimango lì, al limite come da progetto, fino a che con una lentezza infinita uno a uno non cominciano a considerare l'ipotesi di decidere di darmi soddisfazione e avvicinarsi pian piano, svogliati, al bagnasciuga. Di entrare in acqua non se la sentono proprio, dopo la cena - come li capisco, anche io mi sono alzato adesso da tavola e sarei volentieri rimasto con le gambe sotto il tavolo a finire il mio vino - e si bagnano giusto i piedi. Lascio che il gommone si avvicini ancora, mi sento sicuro della mia abilità di scansare la risacca inserendo abilmente la retro nel momento adatto. La prua arriva quasi in spiaggia, è il momento di imbarcare gli ospiti o di ingranare la retro e tornare al largo. "Salite, salite!" li chiamo, nel buio, ma loro non colgono l'attimo, e si ammassano a bordo quando la tregua è già finita. Il tender si appesantisce, l'ultimo non ancora salito tiene ben ferma la prua di modo che io non possa allontanarmi neanche dando tutto gas, e del resto, il gambo del motore si è or ora piantato nella sabbia. In un attimo la prima onda arriva e si schianta sullo specchio di poppa, passandoci sopra e riempendo il gommone. La seconda ci trova ancora più bassi nell'acqua, e alla terza finalmente tutti cominciano a scappare, gettandosi scompostamente in acqua e raggiungendo barcollanti la riva, mentre il tender si traversa alla spiaggia rischiando di scuffiare. Io, come da tradizione, sono l'ultimo ad abbandonare il relitto. Tira su, svuota l'acqua, tira giù, metti in moto, ancora onde a bordo, mani aggrappate ai tubolari a sorreggere corpi disperati, riproviamo daccapo...
Mezz'ora dopo, gocciolante, finisco di trasbordare gli ospiti dalla spiaggia al catamarano. Ho impiegato tre viaggi, caricando due persone alla volta. Per prime Lara e Kristine, con Sabrina che ci aveva inseguito per essere salvata fino a che un'onda più alta delle altre non l'aveva stesa lunga in acqua. Poi Fabienne, rapida ora come fosse inseguita dagli squali, e infine la famigliola, con Luca, il padre, appeso alla prua come un naufrago, o forse un tonno agonizzante.
"Lo so: me la farai pesare per i prossimi tre anni." Mi fa Ale, ironico, il suo senso di colpa finto come le doti veliche di questo catamarano diesel.
"Facciamo quattro." Gli rispondo con un ghigno salato, agganciando il tender alle gruette. "E comunque domani tocca a te."

Commenti

Prenota il nuovo libro!

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…