Passa ai contenuti principali

Ponza - Grecia


Ponza, baia di Lucia Rosa, un lunedì di fine settembre.
Duna ondeggia placida assecondando il refolo di grecale che ogni tanto scivola giù dalle pareti a picco. Io, imbrogliate da un pezzo le vele, siedo in pozzetto ad ascoltare i fringuelli duettare dal boschetto di pini là sulla cresta.
La baia, a parte me, è deserta.
Siedo in pozzetto, vino bianco greco, ghiacciato, nel bicchiere, patatine comprate a Castellammare in grembo, indeciso se perdermi nel fruscio delle onde che carezzano la spiaggia, nelle sfumature colorate del tramonto, nelle ombre che avanzano lievi a coprire le rocce, il mare, me e la mia Duna, o seguire l'impulso - la necessità quasi - di scrivere.

Ponza, l'isola che accompagna i miei viaggi per mare. Qui mi sono riposato a giugno, dopo una traversata volata sulle ali di un maestrale rabbioso, qui mi riposo ora, atterrato a Chiaia di Luna dopo una notte terzarolato col grecale il poppa. Viaggiare a vela è anche avere la pazienza di aspettare il vento giusto, e la forza di mollare gli ormeggi quando arriva il momento.
Su quest'isola il cerchio meravigliosamente si apre e si chiude ogni anno, regalandomi insospettabilmente i momenti migliori. O forse sono gli estremi temporali di un viaggio per mare ad essere insospettabilmente meravigliosi, di quella dolce ed amara meraviglia che nasce dalla consapevolezza di essere in un luogo conosciuto ed accogliente diretti verso l'ignoto, partendo, e di sostare, ospiti, nell'ultimo angolo di paradiso prima della cosiddetta "vita civile", caratterizzata sostanzialmente da fretta contronatura, traffico e scarpe chiuse, al ritorno.

Ponza un lunedì di fine settembre. Venti lievi mi hanno accompagnato lungo la costa. Sole caldo, tanto da invogliarmi a un tuffo nelle acque azzurre e a nuotare sospeso nel blu a sei metri dal candido fondale sabbioso. E io che mi ero soffermato, a Port Leone, ad assaporare le sensazioni di quello che pensavo fosse l'ultimo, splendido, indimenticabile bagno della stagione: fortunatamente mi sbagliavo. Poche barche, 5, forse 6. L'ultima salpata verso il sole morente neanche mezz'ora fa.
Pochi coatti, per di più atipici, come la moto d'acqua calata a mare dalla goletta qui nella baia, con cui l'ultimo rampollo della nobile famiglia romana ha stupito per due ore i parenti riuniti sulla tuga. "Perché non vai in spiaggia?" li sentivo suggerire, ma lui no, ore di sgommate intorno al due alberi: "Ci sono già stato, ora guardate questo".
Ma anche loro sono andati, sul presto, portandosi dietro il loro rampollo annoiato, ed è rimasto il silenzio trafitto dai grilli, e il fruscio delle onde sulla spiaggia, e il tramonto con le sue sfumature che non mi stancherò mai di ammirare. E il mare, tanto mare, che di là di Palmarola si stende infinito verso ovest, oltre la Sardegna, oltre Gibilterra.
E i miei sogni, cullati dalle onde gentili, spinti dalla brezza in un dolce lasco, oltre l'orizzonte.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q