Passa ai contenuti principali

Follow by Email

l'Aladdin


Era l'11 di luglio, quando sfuggendo al mare grosso in poppa la Duna e il suo equipaggio si infilavano col fiocco ancora a riva nel porto praticamente deserto di Kiato. Dopo la rocambolesca ammainata, il vento di nordovest sparava la bugna dritta in faccia della prodiera, faticosamente lo skipper avvicinava a motore il molo di sopraflutto, dove aveva adocchiato un'altra barca e, soprattutto, una figura amichevole pronta ad aiutare l'ormeggio.

Abbiamo scambiato poche parole, sono quasi convinto che il suo nome fosse Moreno, ma è passato un po' di tempo e poi sono una frana coi nomi. Ma so per sicuro, perché me lo dice Manu che in queste cose invece non scherza, che la barca di cui era equipaggio insieme a due amici era l'Aladdin.

"Da dove venite?", "Dove siete diretti?" scambi di informazioni tra noi e l'unica altra barca in porto. Loro vengono dal Dodecaneso, e quando sveliamo che Leros è la nostra meta ipotizzata, sognata, scopriamo che avrebbero voluto risalire proprio fino lì, ma non hanno fatto in tempo - ce lo raccontano con un po' di malinconia forse. Quando poi ammettiamo che no, l'Egeo non l'abbiamo mai fatto e che no, il Meltemi non sappiamo cos'è, solo per un attimo cogliamo nel loro sguardo il "mandocazzo annate" di rito: un istante dopo sono già lì ad incoraggiarci, a raccontarci di quanto tutto sia bello, colorato, magico.

E dopo il nostro appuntamento in capitaneria, in cui il funzionario finge - di questo sono personalmente convinto - di aver finito i moduli pur di non farci pagare la sosta, li vediamo da lontano, i tre dell'Aladdin, passeggiare lenti accanto alla Duna. Scopriamo presto che ci stanno aspettando: quando ci avviciniamo ci vengono incontro e compare magicamente tra noi una bottiglia di vino bianco, bagnata di brina. È per noi, perché era destinata a Leros e noi andiamo lì.  E siamo "giovani e belli" e pieni di speranze.
E noi cacciamo indietro le lacrime di commozione quel tanto che basta per ringraziare, per farfugliare la promessa di portarla a destinazione e di berla alla loro salute, ma quelle lacrime ancora sono qui pronte ad offuscarmi la vista ora che a distanza di quasi un mese ne scrivo.

E qui vengo al punto, scusate se ci ho messo fin troppo: 

Aladdin, Aladdin, Aladdin da Duna: missione compiuta! La bottiglia è stata gelosamente custodita a corretta temperatura e trasportata alla destinazione concordata. Qui è stata cerimoniosamente stappata e, dopo il doveroso omaggio agli Dei del mare, bevuta alla vostra salute. Yassas!

Leros, 30 luglio 2014



Commenti

  1. persino Carlo sembra bello!!!!

    RispondiElimina
  2. Bello sigh....Giovane gulp!!!

    RispondiElimina
  3. Ancora non capisco cosa c'entri il tuo sguardo diabolico ;) con il testo dolce del blog, comunque tutto molto bello :). I miei complimenti alla Signora. Bellissima foto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q