Passa ai contenuti principali

Follow by Email

La baia delle Ignude

Siamo qui. Ancorati nella baia delle Ignude. Strani uccelli passano le prime ore della notte a raccontarsi la giornata. Se la gridano all'unisono dall'alto delle scogliere, con un verso simile a quello di una moglie che, nel lamentarsi della vita, dell'universo e di tutto quanto con il marito, improvvisamente vomita. 
Il catamaranista inglese illumina le alte pareti di roccia con un faro alogeno (mai un charterista che si senta ospite in un luogo che faceva già parte della storia quando lui era ancora sugli alberi) ma parte sconfitto in partenza: gli dèi di questo ridosso sono antichi e pazienti, e invincibili. Un attimo di silenzio imbarazzato, e i lamenti riprendono. Ecco come i Greci si sono inventati le arpie - suggerisce Manuela. 

Siamo qui, dicevo. Seduto in pozzetto, sono rivolto a sud. Davanti a me, alto e imponente nel cielo notturno, lo Scorpione si stende agile al di sopra della costa sicula.
Le luci dei paesi, migliaia, milioni, sfumano ai lati verso i confini dell'orizzonte, oltre il tramonto, e fanno da cornice alle stelle di questo cielo estivo. Eracle ci guarda, a picco sulla nostra luce di fonda - e nella mia immaginazione ci protegge: abbiamo sacrificato, ora attendiamo fiduciosi il responso. 
Per dirla tutta, è una di quelle situazioni nelle quali mi commuovo. Sarà la stanchezza della traversata - siamo partiti ieri mattina da Ischia - sarà l'emozione di aver visto dal mare le fumate nere di Stromboli,
sarà questa brezza dolce, calda, che ci carezza e ci culla, sarà il vino bianco ghiacciato di Minorca, tenuto in serbo dallo scorso anno. Ma poco fa, ascoltando Franco Fagioli cantare 'Vo solcando un mar crudele', qui nella baia delle Ignude, di fronte all'antica Sicilia, al cospetto di Eracle e sotto la protezione di Efesto che di questa isola fece la sua fucina, le lacrime protette dall'oscurità hanno cominciato a scorrere giù dalle mie guance, libere e copiose. 



E qui devo ringraziarti, vicino dal lucido motoscafo che hai piazzato il tuo oggetto galleggiante sul mio grippiale. Se non fosse stato per il tuo generatore acceso a pochi metri dalle mie orecchie - chissà quale fortunoso errore delle correnti d'aria sta impedendo ai tuoi due fuoribordo di intruppare nella mia poppa - sarei forse scoppiato in singhiozzi, nell'estasi del momento e del luogo. Grazie a te, invece, ho evitato l'imbarazzo: quel raro perfetto connubio tra la mia anima, il cielo e il mare non si è compiuto, e me la sono cavata asciugando furtivo le lacrime, con un ultimo sguardo ad Antares la rossa. 
Devo perdonarti, quindi, se, pur avendo assistito al mio ancoraggio - hai dovuto aspettare che finissi per intrufolarti tra me e la costa - hai indicato a tua moglie: ehi, qui c'è una palla rossa, deve esser caduta al bambino del catamarano. Quand'era il mio grippiale.

Commenti

  1. Quale felicissima combinazione di poesia e humor! Vale sempre la pena seguire il vostro blog :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q