Passa ai contenuti principali

Follow by Email

La relatività dell'essere cicala


Siamo arrivati in cantiere da quasi una settimana. Abbiamo scostato i teli di copertura, liberato la dinette alla meno peggio, lasciato le nostre valigie semiaperte sulle sedute del pozzetto, sgomberato la cabina di poppa giusto per avere un posto dove poterci sdraiare.
Qui davanti a noi, dall'altra parte del viale polveroso che separa le file di barche verso mare dalle file di barche verso monte, c'è una coppia di anziani pensionati tedeschi che ricordo di aver incontrato lo scorso anno a Naxos. Lui si vantava di essere l'unico in Mediterraneo - oltre me, aveva appena scoperto - a calare ancora in porto andando di prua per poi girarsi in banchina. Io gli avevo risparmiato la brutta notizia che la nostra manovra viene chiamata in Toscana alla viareggina (cit. il T, che me lo ricorda ogni volta con lo stesso finto, divertito disprezzo), e ci sarà pure una ragione.
Loro sono continuamente, ora dopo ora, all'opera.


Noi ci svegliamo tardi e lentamente scendiamo la scala a pioli che ci porta ai bagni. Loro sono già lì a lucidare gli acciai con uno straccio di lana e un piccolo spazzolino da denti.
Noi saliamo in motorino per andare a fare un giro, a prendere un caffé, a fare un tuffo in mare. Li lasciamo al lavoro e li ritroviamo ancora intenti a sgobbare. Pulire, scartavetrare, imbarcare cose e sbarcarne altre.
Noi pranziamo, all'ombra della copertura che Riccardo ha sistemato sul pozzetto. Loro sono qui sotto, in pieno sole, a respirare la polvere di un ridicolo e costoso aggeggio a vibrazione con il quale pretendono di - e riescono a - carteggiare l'intera opera viva panciuta del loro quindici metri a chiglia lunga.
Noi qui a bere vino ghiacciato e loro lì a sudare. E l'elenco potrebbe allungarsi all'infinito.
E mi metto, divertito, nei loro panni.


I panni di una coppia di scorbutici e cocciuti pensionati tedeschi, certamente stremati dal lavoro ingrato che anche quest'anno non hanno voluto subappaltare al cantiere, con forse i classici pregiudizi (peraltro giustificatissimi) sui mediterranei in genere e sugli Italiani in particolare, cui oltretutto mancano due informazioni fondamentali:
1) La barca non è la nostra. Siamo solo ospiti di un caro amico il quale poi, al suo arrivo, farà sì a sua volta carena.
2) Siamo qui solo per caso, di passaggio, in attesa di poter proseguire per la Turchia e per la nostra barca, dove a nostra volta avremo da lavorare.
E mi immagino come amici e parenti probabilmente li accusino con malcelata invidia di comportarsi da cicale, e loro siano orgogliosi, dopo una operosa vita teutonica, di aver scelto questa via, di dare questo esempio. E poi, improvvisamente, di fronte a due 'giovani' come noi, ecco che vengono retrocessi di nuovo al ruolo di formiche. Perché anche l'essere cicala è relativo.
E me li immagino, tra loro a denti stretti, le ascelle grondanti e le fronti sudate impastate dalla polvere rosa dell'antivegetativa appena grattata, lamentarsi con voce gutturale:
"Italiani, Italiani: noi a lavorare mentre loro solo mangiare, bere e scopare!"

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta. Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancula

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q