Passa ai contenuti principali

Caraibi - 2 di 3

Seconda parte: la prima è a questo link.

È pieno di palme, qui. E di fiori enormi e colorati come i parei Made in Indonesia venduti dalle donne locali sulla spiaggia. E sulla spiaggia cadono i cocchi: così, da soli. Passeggiamo lungo il bagnasciuga e ogni tanto ne raccogliamo uno. Abbiamo imparato che c'è un punto preciso dove, con un semplice "tic" battuto con un martello, o un sasso, o il manico di un coltello da cucina, la noce si apre quasi per magia.
Per questo, la noce di cocco quasi non la vendono, al mercato. Vendono però banane di ogni colore e dimensione, frutti della passione, papaye, avocadi. Banchi enormi di frutta esotica enorme. O piccole barche stracariche di frutta che ci raggiungono quando siamo in rada. Verdura ce n'è poca, e a prezzi esosi. Non che la frutta costi poco, anzi. Qualsiasi cosa costa, qui, più che in Europa. Comprese le banane che pure da qui partono dopo essere cresciute nell'interno dell'isola.
Martinica è Francia. Almeno, loro si sentono francesi. Almeno, molti dei locali hanno la puzza sotto il naso che spesso noi Italiani riconosciamo, a torto o a ragione, nei nostri "cugini d'oltralpe". Inoltre sono caraibici, e come tali molti hanno l'indolenza che spesso noi Europei riconosciamo, a torto o a ragione, negli abitanti dei tropici assolati dove, in effetti, le possibili ore di attività sono limitate dal caldo e dall'umido. Il risultato è che per fare qualsiasi cosa, per concludere qualsiasi affare, non solo impieghiamo ore quando basterebbero minuti, ma perdiamo tempo e sudore ed energia senza avere in cambio il minimo gesto di solidarietà, o almeno di intesa.
A parte per Jean Marc, il responsabile della compagnia charter, e per la segretaria della stessa, gli altri sembrano tollerarci solo in quanto portatori di valuta. E nonostante questo nessuna deroga viene accordata in nostro favore se per caso il negozio sta per chiudere, o il taxi sta per partire, o l'orario di visita non è quello pubblicizzato nei depliants. Non abbiamo certo bisogno di voi, sembrano dirci mentre intascano i nostri soldi.

Il che non è ovviamente vero al 100%. Abbiamo incontrato persone gentilissime, alcune perfino disinteressate, che ci hanno parlato della loro vita, ci hanno chiesto della nostra e a volte anche aiutato. Solo che siamo viziati dalla Grecia, dove quando arrivi in un porto sconosciuto vieni accolto per ospitalità e non per calcolo, e dove se chiedi un'informazione l'intero paese si mobilita e non si dà pace fino a che non ha risolto il tuo problema. Qui no: se finisci i soldi puoi morire all'angolo della strada e lascerebbero il tuo cadavere ai cani randagi.
Usciti dal "Cul de Sac" di Le Marin, che ospita ai moli, alla boa o all'ancora centinaia o forse migliaia di barche di ogni tipo e dimensione, facciamo conoscenza con il mare caraibico. Funziona così: a ridosso delle isole il vento è poco, a volte nullo, tranne che negli sbocchi delle valli dove scende giù tutto insieme quello che non è riuscito a sfogare altrimenti.

Ovviamente non c'è onda, dietro le isole. Tra un'isola e la successiva c'è l'Oceano. Nel senso che sei direttamente di fronte all'Africa: non c'è niente nel mezzo. Quindi il vento accelera, l'onda monta e si sovrappone al costante e profondo respiro costruito dagli alisei in 2600 miglia di fetch. La corrente improvvisamente arriva e ti trascina a 2 nodi verso ovest, il che si traduce nel dover correggere la prua di 10-20 gradi sopravento a seconda della tua velocità: anche un gradevole lasco si trasforma in un traverso, o in una bolina larga. Attorno ai capi, poi, come di consueto le condizioni peggiorano: l'onda si fa più ripida, la corrente fa ribollire l'acqua, il vento ti insegue fin dietro il ridosso per assestare l'ultima zampata. Infine entri nella calma irreale dell'isola successiva, ti togli la cerata e, di nuovo in costume, ti godi il calore del sole dei tropici.
Almeno fin quando non piove. Perché ogni giorno piove, almeno due o tre volte. Senza troppo rumore, senza tuoni, senza lampi. Arriva una nuvola e ti si scarica addosso: per dieci minuti cade talmente tanta acqua che non vedi la prua, poi finisce tutto, torna il sole e in un attimo sei di nuovo asciutto e accaldato. Di giorno ci si ripara sotto la tettoia che copre il pozzetto, di notte si chiudono di corsa oblò e osterigi. In navigazione ci si infila la cerata e si cerca di trovare una posizione in cui siano contenuti i rivoli d'acqua che colano dal collo giù fino alle mutande.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…