Passa ai contenuti principali

Il Circo - prima parte


Ore 6:30. Il sole deve ancora far capolino da sopra il promontorio che protegge l'avamporto di Pitagorion e io - riconquistata a fine stagione la cabina matrimoniale di prua, me ne sto a quattro di bastoni, una maglietta sugli occhi per ripararmi dalla luce che tenta di svegliarmi dall'osteriggio, sperimentando nuovi modi per spargere il mio metro e ottanta lineare su tre metri quadri di cuscini. Ronfo beato.
Questa è anche l'ora in cui il camioncino del comune passa a ritirare le bottiglie vuote dai bar che gremiscono la banchina, e così non mi stupisco più di tanto nel sentire, nel dormiveglia, rumori di motori e di cocci infranti, e urla in Greco. Sono quelle in Turco a svegliarmi.
Dapprima, lente, si infilano nei miei sogni, che da pieni di morbide carni e pelli setose si fanno pelosi e sanguigni, poi bussano alla mia coscienza e mi costringono a prendere atto della spiacevole realtà: i miei vicini di dritta stanno salpando.
Devo premettere che ieri è stata la prima giornata senza vento degli ultimi due mesi. E i posti alla mia dritta erano due. E la mia catena è dritta, o almeno lo era ieri e anche stamattina prima che il sole facesse capolino etc etc. E questi Turchi e il loro Beneteau blu sbiadito erano riusciti, entrando nel pomeriggio assolato, a piazzare la loro catena sulla mia.
Niente di eccezionale, qui capita di continuo e l'unico modo per rimanere fuori dai giochi è dare ancora in rada - seppure, anche lì, ne ho viste di belle - o fare come Max, che da una settimana non molla il suo prezioso ormeggio accanto a quelli liberi della capitaneria: "Sopravvento non si può mettere nessuno, e per mettersi alla mia dritta vengono davanti a me, io gli dico 'OK' e quando hanno calato l'ancora sul fondo lo scarroccio li ha già spostati sulla catena di qualcun altro". Io sono due posti sottovento, appena un pelo più esposto, e stamattina, pare, faccio parte del circo.
La scorsa settimana ero ancora più giù, nella bolgia infernale dove, con la banchina che curva, tutte le ancore si concentrano in un unico punto. Entrando con vento forte - e da queste parti forte è forte davvero - ero riuscito a prenderne solo una. "Tomorrow I'm leaving, You'll give me plenty of chain" mi aveva detto tranquillamente l'Inglese, e così avevo fatto, e lui aveva tirato su la mia ancora e l'aveva deposta, generosamente, 10 metri più al largo, sopravento.
Sopra quella del mio vicino di sinistra il quale, Turco commerciante in tessuti e per questo affezionato a Milano, era stato un pelo più rozzo e, spedatamela di nuovo, me l'aveva buttata dove era capitato: dieci metri indietro, sottovento, sopra quella del caicco di 25 metri verde. Infine erano arrivati i più simpatici, sempre dalle steppe dell'Anatolia, e avevano tombato con la loro catena ogni situazione pregressa. Per andar via il giorno successivo avevo dovuto dar fondo ad ogni mia abilità di manovra, tirare su a mano una ventina di metri di catena, e spendere gran parte della fortuna che tenevo da parte per l'età della pensione. Ma tanto nessuno me la darà mai, la pensione, tanto vale sfruttare il momento.
Tornando a stamattina, considero ormai normale che qualcuno, arrivando, piazzi la sua catena sopra la mia. Salpando, se le leggi della Fisica hanno un senso, la catena superiore viene via pulita e l'invasore può sfancularsi agevolmente verso il sole nascente.
Con occhio languido, accecato dalla luce e dalle ultime immagini dei miei sogni, dall'osteriggio socchiuso osservo quindi i Turchi in manovra nelle acque immote del porto. Vanno lenti, seguendo diligentemente la rotta per cui sono entrati. Mi sento sereno, e la mia catena, immobile, mi dà ragione. Ho persino tempo di godere dei colori che l'aurora sparge generosa sulle pietre lisce della diga foranea e sui marmi bianchi del faro.
E poi "SBEM!" i pecorari mancati agganciano la mia linea di ancoraggio e invece di fermarsi a riflettere cominciano a tirarmi via dalla banchina.
In un attimo mi materializzo in coperta urlando insulti per attirare la loro attenzione. Loro si girano, stupiti, come se fossi io a dovermi scusare per essermi intromesso nella loro normale e innocua attività mattutina: spedare ancore a gratis. Gli faccio cenno di aspettare, tolgo la ritenuta, mando giù tutta la catena rimastami nel gavone, corro a poppa, accendo il motore, innesto la marcia per tenermi lontano dal molo, torno a prua e, dato che davvero non mi va di rifare l'ancoraggio, ho da aspettare la velaia che si prenderà cura della mia povera randa e preferirei farlo in tutta tranquillità, butto giù il tender, prendo i remi e ci salgo dentro per andare a controllare cosa abbiano intenzione di fare.
Arrivo a metà strada quando mi fermano: 
"No problem captain!" mi dicono, che mi suona come il "Tranquillo" che a Roma, si sa, ha fatto una brutta fine. 
"Poi dovete spiegarmi come cazzo avete fatto!" gli urlo dietro in Inglese, ma loro mantengono il segreto, e se ne vanno. Il sole fa or ora capoccella.
Io torno indietro, recupero a bordo la catena e constato che ne mancano cinque metri. Ha fatto di nuovo testa, però, e lo spiego al mio vicino di sinistra e alla di lui moglie. È anche lui Turco ma, ne ho evidenza, marinaio, cosa di cui son contento perché se no qui finisco per diventare razzista. Lui concorda, è fisicamente impossibile che chi arriva dopo con venti metri di spazio senza vento crei problemi a chi sta lì da prima. 
"Ma quaranta metri di catena bastano, il fondo è fango buon tenitore" conclude, e distoglie lo sguardo, come fosse imbarazzato.
E così mi rendo conto di essere ancora in mutande.

Commenti

  1. Scusami, forse sono ancora un po' addormentato... ma dov'erano finiti i 5m di catena? Non te l'avranno mica tagliata e rigiuntata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ti tirano su la catena l'ancora a volte si sposta, e in quel caso, a volte, se ti dice bene, fa di nuovo testa: dove te l'hanno buttata, però, e/o dove vuole lei. E se ti dice davvero bene alla fine dei giochi ti mancano solo 5m di catena ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…