Passa ai contenuti principali

Verso il Dodecaneso

"Dobbiamo andare in Dodecaneso, il nove agosto arriva Fiore. E poi il 10 partono F e S: non vogliamo salutarli prima che vadano?" ho esordito io una mattina di qualche giorno fa, a Hermioni. 
"Va bene, partiamo" mi ha risposto Manu, senza porre - inspiegabilmente - neanche una condizione. 
E allora siamo subito partiti. Da Hermioni, ovvio, non è così immediato raggiungere Leros. C'è da fare prima il golfo di Hydra e non possiamo certo evitare una sosta a Poros, per salutare Vincenzo e per un trattamento shiatsu a Kristina, l'Ungherese che rimane fino al 30 luglio e vuole che le risolva i problemi al collo. 25 miglia con 20 nodi di vento, come promesso di bolina larga mure a sinistra. Tre ore per le prime 18, una per le ultime 5, e due per essermi imputato a doppiare a vela Capo Skillaion, che già lo sapevo che sarebbe stata un'impresa futilmente stupida. Arrivati a Poros adocchiamo un posto libero. C'è, attaccato al molo, un piccolo cartello tondo, rosso, con una striscia bianca in mezzo. "Senso vietato"? Certo che no: vorrà dire divieto di ormeggio, decido, e quindi mi ci infilo. "La guera è guera", direbbe un mio amico. Un po' di lamentele, contrattazioni, "Se vuoi me ne vado subito", e alla fine possiamo restare fino a domani. Chiamo Vincenzo e scendiamo a terra, il primo tavolino è il nostro: 
"Dio Fix, parakalò", che sembra una bestemmia e invece è una frase magica, dopo sei ore di sole e di vento. 
"Dobbiamo andare in Dodecaneso" ci siamo ripetuti la mattina successiva. E allora sono sceso a cercare un benzinadiko, e lui ha trovato me. "Shiatsu?" mi fa, quando gli spiego dov'è la barca, a dimostrare che in due mesi passati su e giù da queste parti il mio striscione a qualcosa è servito, anche se non proprio a ciò per cui è stato concepito. Poi la spesa, e infine la visita al cantiere di Takis, hai visto mai che riesca a trovarlo e a mettermici d'accordo per settembre. 
La strada per il Dodecaneso è lunga e passa per Egina, dove c'è da salutare Sebastien. Partiamo nel pomeriggio, tra le raffiche, e finiamo per arrivare a motore nella rada davanti al porto, al crepuscolo, appena in tempo per indovinare un posto in prima fila a ridosso della flottiglia attraccata al molo esterno. Cantano fino alle 4, sgasando tra una barca e l'altra rigorosamente a motore. Dice: "Son giovani". No, son coatti: è peggio e non c'è cura. Alle 5 entra la risacca. Alle 7 cominciano ad arrivare le onde dei primi traghetti. 
Alle 10 salpiamo, diretti sempre in Dodecaneso ma con una leggera deviazione verso sud: Sebastien è a Perdika, gli andremo incontro per un abbraccio e poi finiremo la giornata a Sounion. E così proviamo a fare. Ci ancoriamo in rada a Moni, e lo aspettiamo. Nel frattempo smonto lo spray hood e cucio a macchina due toppe là dove è evidente che si nebulizzerà alla prossima ventata seria. E aspettiamo Sebastien. Lo aspettiamo nella rada sbagliata: lui è ancorato da ore appena dietro il promontorio, lo scavalla a piedi, ci chiama, ci raggiunge a nuoto e insieme torniamo dalla sua bella dove, immancabilmente, ci offre una Fix. Sono le quattro quando finiamo i commiati. Ha insistito per avere due copie del mio libro, e per avere la promessa di poterci ospitare a casa sua, in Bretagna. Ci siamo lasciati a malincuore, dopo aver incrociato e condiviso rotte e serate per oltre un mese. Siamo partiti a vela, in silenzio, col fiocco nuovo teso nelle raffiche al lasco. Abbiamo tenuto fede all'immagine romantica dell'eroe che scompare all'orizzonte, malinconico, stringendo di bolina e issando anche la randa. Abbiamo girato l'angolo, scomparendo alla vista. E anche il vento è scomparso. 
"Dobbiamo andare in Dodecaneso" ho fatto io stamattina. Eravamo ad Agia Marina, più in là ieri non siamo arrivati, ma ormai abbiamo salutato tutti e possiamo davvero puntare verso l'inizio e la fine di ogni Egeo: Sounion. Così abbiamo fatto e Poseidone ci ha accolto sotto la protezione del suo tempio. Siamo partiti al lasco, gagliardi, spinti dal maistro, poi - calato il vento - abbiamo faticato a uscire dalle rotte dei mercantili diretti al Pireo. Quindi è arrivato di nuovo, quello vero, da Nord Est. Di lontano, bianco, mentre noi ancora arrancavamo con un inutile brezza da sud. Ha stentato un po' a stabilizzarsi, e l'ha fatto d'improvviso con uno schiaffo umido di acqua nebulizzata, tanto da farci prima prendere due mani alla randa, poi una al fiocco. E ancora abbiamo viaggiato coricati sullo spigolo della Duna, veloci, fino a questo ridosso antico come l'uomo. 
 "Duna si comporta bene, se sai come portarla" ha affermato a metà strada Manu, soddisfatta, sputando acqua salata. 
"È Lei che sa come si naviga, io mi limito a evitare errori" ho risposto, convinto, riprendendo la rotta dopo aver terzarolato il fiocco alla cappa. Perché sono un tipo modesto, e me ne vanto. 
"Dovremmo andare in Dodecaneso", io o forse lei ricorderemo ancora, domattina. La rotta è chiara, Leros è a Est e non c'è che puntare la prua nella direzione giusta, vento permettendo. 
Però, certo, ci sarebbe da fare un salto a salutare Lasse e Marianne a Serifos, l'ultima occasione di incontrarli in Egeo... E Benedetto passerà a giorni lo stretto di Doro; e Domenico e Claudia sono proprio ora a Naxos... 
Onestamente non so quando arriveremo, né chi avremo incontrato nel frattempo - per volontà o per caso - o quale rotta avremo seguito. 
Quello di cui sono sicuro è che stasera le stelle splendono limpide sopra le colonne di Poseidone, che domani voleremo al lasco verso Kithnos, inseguiti dalle onde e accompagnati dai delfini, e che tra qualche giorno il fiordo di Levitha ci darà sospirato rifugio e comodo riposo. 
Giorno dopo giorno il viaggio prosegue, la vita va avanti, e tutto questo è buono.

Il libro di While Slowly Going Nowhere è in vendita: 30 curatissimi racconti e un imperdibile glossario. Le informazioni su come averlo sono qui

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Estate 2016: Conavigazione in Egeo

Ormai a poche settimane dalla mia partenza, il programma per questa estate è a grandi linee definito. La navigazione avrà inizio il 18 maggio da Egina. Con base in questa isola, passerò maggio e giugno esplorando la costa e le isole del Peloponneso da Epidauro a Ermione. Tra la fine di giugno e i primi di luglio mi raggiungerà Manuela e insieme migreremo lentamente verso sud, avvicinandoci alle Cicladi, scegliendo rotte e ancoraggi a seconda del meteo. Nella terza decade di luglio attraverseremo fino a Creta dove rimarremo, spostandoci via via verso ovest tra musei e scavi archeologici, fino ai primi di agosto. I tempi della navigazione successiva, verso il Dodecaneso, dipenderanno molto dalle condizioni meteo. In ogni caso l'obiettivo è riuscire a essere a Leros per Ferragosto. Durante le settimane successive navigheremo tra Leros e le isole vicine: Lipsi, Patmos, Arki, Agathonisi, forse Samos. Questi i programmi fatti a oggi. In settembre più o meno inoltrato, rimasto di nuovo solo a …