Passa ai contenuti principali

l'Aladdin


Era l'11 di luglio, quando sfuggendo al mare grosso in poppa la Duna e il suo equipaggio si infilavano col fiocco ancora a riva nel porto praticamente deserto di Kiato. Dopo la rocambolesca ammainata, il vento di nordovest sparava la bugna dritta in faccia della prodiera, faticosamente lo skipper avvicinava a motore il molo di sopraflutto, dove aveva adocchiato un'altra barca e, soprattutto, una figura amichevole pronta ad aiutare l'ormeggio.

Abbiamo scambiato poche parole, sono quasi convinto che il suo nome fosse Moreno, ma è passato un po' di tempo e poi sono una frana coi nomi. Ma so per sicuro, perché me lo dice Manu che in queste cose invece non scherza, che la barca di cui era equipaggio insieme a due amici era l'Aladdin.

"Da dove venite?", "Dove siete diretti?" scambi di informazioni tra noi e l'unica altra barca in porto. Loro vengono dal Dodecaneso, e quando sveliamo che Leros è la nostra meta ipotizzata, sognata, scopriamo che avrebbero voluto risalire proprio fino lì, ma non hanno fatto in tempo - ce lo raccontano con un po' di malinconia forse. Quando poi ammettiamo che no, l'Egeo non l'abbiamo mai fatto e che no, il Meltemi non sappiamo cos'è, solo per un attimo cogliamo nel loro sguardo il "mandocazzo annate" di rito: un istante dopo sono già lì ad incoraggiarci, a raccontarci di quanto tutto sia bello, colorato, magico.

E dopo il nostro appuntamento in capitaneria, in cui il funzionario finge - di questo sono personalmente convinto - di aver finito i moduli pur di non farci pagare la sosta, li vediamo da lontano, i tre dell'Aladdin, passeggiare lenti accanto alla Duna. Scopriamo presto che ci stanno aspettando: quando ci avviciniamo ci vengono incontro e compare magicamente tra noi una bottiglia di vino bianco, bagnata di brina. È per noi, perché era destinata a Leros e noi andiamo lì.  E siamo "giovani e belli" e pieni di speranze.
E noi cacciamo indietro le lacrime di commozione quel tanto che basta per ringraziare, per farfugliare la promessa di portarla a destinazione e di berla alla loro salute, ma quelle lacrime ancora sono qui pronte ad offuscarmi la vista ora che a distanza di quasi un mese ne scrivo.

E qui vengo al punto, scusate se ci ho messo fin troppo: 

Aladdin, Aladdin, Aladdin da Duna: missione compiuta! La bottiglia è stata gelosamente custodita a corretta temperatura e trasportata alla destinazione concordata. Qui è stata cerimoniosamente stappata e, dopo il doveroso omaggio agli Dei del mare, bevuta alla vostra salute. Yassas!

Leros, 30 luglio 2014



Commenti

  1. persino Carlo sembra bello!!!!

    RispondiElimina
  2. Ancora non capisco cosa c'entri il tuo sguardo diabolico ;) con il testo dolce del blog, comunque tutto molto bello :). I miei complimenti alla Signora. Bellissima foto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Estate 2016: Conavigazione in Egeo

Ormai a poche settimane dalla mia partenza, il programma per questa estate è a grandi linee definito. La navigazione avrà inizio il 18 maggio da Egina. Con base in questa isola, passerò maggio e giugno esplorando la costa e le isole del Peloponneso da Epidauro a Ermione. Tra la fine di giugno e i primi di luglio mi raggiungerà Manuela e insieme migreremo lentamente verso sud, avvicinandoci alle Cicladi, scegliendo rotte e ancoraggi a seconda del meteo. Nella terza decade di luglio attraverseremo fino a Creta dove rimarremo, spostandoci via via verso ovest tra musei e scavi archeologici, fino ai primi di agosto. I tempi della navigazione successiva, verso il Dodecaneso, dipenderanno molto dalle condizioni meteo. In ogni caso l'obiettivo è riuscire a essere a Leros per Ferragosto. Durante le settimane successive navigheremo tra Leros e le isole vicine: Lipsi, Patmos, Arki, Agathonisi, forse Samos. Questi i programmi fatti a oggi. In settembre più o meno inoltrato, rimasto di nuovo solo a …