Passa ai contenuti principali

Follow by Email

ne ho combinata un'altra

Il mondo è pieno di persone come Stanlio e Ollio. Basta guardarsi attorno: c'è sempre uno stupido al quale non accade mai niente, e un furbo che in realtà è il più stupido di tutti. Solo che non lo sa.
Oliver Hardy

"Chi tra voi vuole vedere un po' d'acqua che entra in barca?" dico in pozzetto, rivolto ai miei ospiti. Spiego che oggi voglio mettere l'elichetta del log, per far loro apprezzare la differenza di velocità alle varie andature, e l'unica ragazza del gruppo si alza e mi segue curiosa sottocoperta.
Lei si accomoda sull'angolo del divanetto, io mi accuccio sulla sentina del bagno. Pregusto già l'effetto scenografico dell'acqua che filtra all'interno dal passascafo apparentemente aperto, ma in realtà parzialmente occluso dall'apposita valvola. Mi sento un po' come l'attore che fa Amleto col suo teschio, tanto per rendere l'idea.
Mi accuccio, dicevo, e comincio ad armeggiare in sentina. Svito e sfilo il perno che serve da fermo al tappo, svito la ghiera, afferro l'anello e tiro con forza. "Ecco che adesso le parte l'urletto" penso soddisfatto.
Un attimo dopo mi ritrovo ad osservare, pietrificato dallo stupore, una colonna d'acqua larga due pollici ed alta quanto basta ad investirmi in pieno petto, che irrompe a pressione attraverso il passascafo completamente libero. Il foro è dello stesso celeste intenso del cielo, e la luce che entra risale per un poco lungo il getto d'acqua.
La ragazza non emette nessun urlo. Solo, dopo un paio di secondi, commenta "Certo ne entra parecchia, di acqua. Ma è così ogni volta?"
Il suo tono rilassato, fiducioso, ingenuo, mi riscuote. Chiudo la bocca, abbasso lo sguardo e mi ritrovo tra le mani l'intero accrocco tappo-valvola: la ghiera non andava svitata. L'ho mai svitata prima? No. E allora perché mai oggi l'ho fatto?
Non ho tempo per darmi dell'idiota, per ora. Infilo di nuovo la valvola al suo posto e riavvito la ghiera. Poi, con noncuranza, tiro di nuovo l'anello, estraggo il tappo e lo sostituisco con il log, accendo la pompa di sentina del bagno e comincio a buttar fuori, aiutandomi con una spugna, i venti centimetri abbondanti di acqua che in pochi secondi hanno allagato bagno e corridoio.
Lo racconto a un mio caro amico il giorno dopo: "Chissà quanta forza per vincere la pressione e richiudere tutto" - mi fa - e mi accorgo di avere un buco di memoria. Francamente non ricordo nulla da quando mi sono ritrovato con la valvola in mano a quando ho reintrodotto il fermo nei fori del trasduttore del log. Ho solo vaghe immagini piene di acqua e frammenti di umide sequenze video, a velocità doppia prima, come in una comica anni '20, al rallentatore dopo, come in un documentario della BBC su un qualche falco predatore di oltremare.
Ora che ci penso, ho ancora l'elichetta montata, di là in bagno. Ma è l'una di notte, e non mi pare il caso di tentare la sorte costringedomi a sostituirla proprio ora...


Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta. Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancula

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q