Passa ai contenuti principali

La terza mano

Arrivo in barca ancora col panino in mano. Mi rilasso, mi guardo intorno, metto un po' di musica.
Attacco la corrente di banchina per ricaricare un po' le batterie. Chiamo il meccanico, ma oggi non è al porto.
Io però ho il pomeriggio libero, e parecchia voglia di distrarmi dagli svariati casini di lavoro. Così dopo alcune attività innocue comincio come uno squalo a girare intorno al problema della terza mano. Mi spiego meglio: la nuova randa ha tre mani di terzaroli, una in più della vecchia, io fino ad oggi ne ho armate due.
C'è una puleggia libera in varea e una nella trozza, così faccio il vago e comincio ad infilare, partendo dall'albero, una vecchia drizza da 8: per ora ci metto questa, poi si vedrà.
Il tentativo fallisce: entrano sì alcuni metri di cima, ma non si vede nulla dall'altra parte.
In successione provo: a smuovere le borose delle prime due mani, a inclinare il boma coricandolo in pozzetto. Nessun risultato. Estraggo la drizza e provo con un cavo elettrico, confidando nella maggiore rigidità. Niente. Il problema principale è che anche se la cima arrivasse fino alla varea non avrei modo di vederla, né tanto meno di prenderla. Per inciso, ci provo non un fil di ferro ritorto, ottenendo solo una sonora sequenza di imprecazioni appositamente dedicate.

Comincio a guardare con sospetto la varea e i suoi rivetti. Ci penso un po', prendo tempo... E poi l'attacco di sorpresa armato di trapano a batterie!

Mentre trapano il rivetto inferiore sono abbastanza idiota da mettermi sottovento, e una folata mi infila un truciolo di alluminio nell'occhio:  ho almeno la prontezza di tenermi le palpebre ferme con la mano sinistra mentre corro al lavandino della cucina, stappo una bottiglia e me la verso a pressione nell'occhio spalancato. Salvo, per oggi.




La varea cede, con un piccolo aiutino dato col manico del martello.
Riprovo ad infilare la cima. Niente: non arriva niente! Ormai però è diventata una questione di principio: mi armo di chiave a cricchetto, stacco il boma dall'albero, mi impiccio un po' tra lazy jack, vang, scotta di randa. Riesco a dare una craniata al boma, è già la seconda. Alla fine lo infilo in verticale giù nel quadrato e, al secondo tentativo, la borosa della terza mano comincia ad ammonticchiarsi cheta cheta sul pagliolato della cucina. Vittoria!

Prima di rimontare controllo il cavo del tesabase, metà in metallo metà in tessile, e per sicurezza taglio via venti centimetri di cima e rifaccio la gassa, assicurando il capo libero con una legatura in filo cerato. Poi rivetto la varea, libero il pozzetto dai due tremila attrezzi che ho dovuto utilizzare, do una pulita e, finalmente, adduglio con tenerezza tutte e tre le mie borose.



Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…