Passa ai contenuti principali

Follow by Email

IL TRUCCO



“Ora ti spiego un trucco, che ho imparato da un amico carrozziere...”
Assumo un'aria il più possibile interessata, so già dove andremo a parare

“...prima di mettere il sika devi fare il bordo con il nastro di carta..”
Ma va?
“...poi col dito lisci il sika...”
Non vedo l'ora di conoscere la fine
“...e infine togli il nastro e hai tutto pulito!”
Magia! Come ho fatto a non pensarci prima?
“Vedrai, alla fine risparmi tempo!” conclude, con aria saputa e pacca sulla spalla.
Io non vedo l'ora di ritrovarmi solo: l'appuntamento al buio col tipo cui ho dato una mano per telefono per l'ipotetico acquisto di una barca dello stesso modello non doveva trasformarsi in una perizia sulla mia, oltretutto non preparata ad una simile ispezione e colta in modalità officina on. Per cui tengo un profilo basso, non lo contraddico ma neanche gli do ragione con veemenza: offro la minima resistenza per assecondare il suo lento scivolamento verso poppa, attraverso la passerella, sul molo. “Be like water” ripeto tra me e me.
Dal punto di vista matematico la sua ultima affermazione è palesemente una cazzata: 
ammettiamo che il tempo necessario per stendere il sikaflex lungo i bordi di un oblò lungo circa 40 centimetri sia x, che per passare un dito lungo il cordolo appena deposto si impieghi y (anche se personalmente evito di usare il dito nudo, trovo imbarazzante averlo nero per settimane), e che per aver preventivamente preparato una maschera con nastro di carta io abbia impiegato z. Ora, essendo z una quantità positiva, per quanto grande, piccola o anche microscopica che sia, è palese che comunque (x+y)<(x+y+z). CVD1.
Dal punto di vista della mia barca, poi, solo io posso sapere cosa significa avere l'acqua che cola dentro dagli oblò, sulla cuscineria, sui legni, goccia dopo goccia, dopo quattro diversi tentativi di istallazione, tutti con un occhio prioritario all'estetica, averne le palle piene e dover risolvere tutto durante l'autunno più piovoso a memoria d'uomo dall'ultimo optimum climatico, quello subito dopo l'ultima glaciazione, 12000 anni fa. Dover smontare, pulire e risigillare definitivamente dodici oblò, mica uno, con le seguenti limitazioni: a) non mentre piove b) non quando è troppo freddo c) non al buio d) nemmeno durante l'orario di lavoro e) prima che piova di nuovo f) senza mai lasciare il lavoro a metà. C'è uno sbaffo di sika sul gelcoat? Sì. Entra ancora acqua? No? E allora 'sticazzi, va alla grande così.

1Come Volevasi Dimostrare

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta. Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancula

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q