Passa ai contenuti principali

Come disse...

Negli ultimi due giorni mi sono occupato della pompa di sentina. Finora non avevo ancora messo mano a quanto ereditato dal precedente proprietario. Non ne vado fiero, ma qualche volta la lotta contro l'Entropia mi tiene più occupato di quanto sarebbe lecito.
Un paio di foto, complice l'assenza del motore, mostrano la situazione. Tre tubi per tre pompe. 
Quello trasparente, di grande diametro, armato, è della pompa a mano.
Quello verde, da giardinaggio, che nella mente dell'originale istallatore doveva essere l'uovo di Colombo potendo arrivare in ogni punto della barca, è completamente cotto dall'olio, dal gasolio e dal calore, e non si svolge più. In compenso, lasciato lì dov'è, funziona, permettendo ad una pompa ad ingranaggi di svuotare la sentina.
Quello giallo, retinato, va chiaramente alla pompa elettrica a immersione della foto stessa. La pompa si accende, ma non riesce a succhiare via il liquido: potrebbe essere otturato il tubo? Seguendolo, dopo neanche due metri si trova un "riduttore". Perché? Boh. Il tubo, più piccolo ora, si infila lateralmente sotto il fonoassorbente, per continuare devo uscire dal vano motore ed entrare nell'ex armadio della cabina di poppa. L'ammasso di tubi arriva qui dopo essere passato a fianco del serbatoio.

Il tubo verde arriva alla pompa strozzato (ma funzionante!) Il tubo giallo retinato, quello a diametro ridotto, fa un paio di evoluzioni prima di immettersi in un raccordo a tre vie. Allo stesso raccordo - che porta al passascafo, ovviamente - arriva anche l'uscita della pompa a ingranaggi. A proposito di pompa a ingranaggi: non so se si vede nella foto la scritta che recita Motor can spark, explosion & death can occur. Do not use where flammable vapours are present (notare la e commerciale tra "esplosione" e "morte", una chicca)... ebbene: quell'angolo di arancione sotto la mia mano è il serbatoio del gasolio, e quel tubo nero che va su è lo sfiato dello stesso. Pochi centimetri fuori dal campo visivo c'è anche il tubo d'imbarco. Va bene che il gasolio non è particolarmente infiammabile, non è volatile, non esplode... ma piazzare proprio lì un motore elettrico non mi pare comunque un'idea brillante, soprattutto con altre due pompe funzionanti e quasi 11 metri di barca dove istallare la terza.
 
L'operazione di razionalizzazione ha inizio.
Devo premettere che mi è capitato una volta di togliere il tubo della pompa elettrica - che parte in automatico quando è in acqua - per controllare se fosse otturato. In effetti era otturato: la pompa funzionava benissimo, e me lo dimostrò all'istante inzuppandomi a pressione dei liquami della sentina. Memore della precedente idiozia come prima operazione impedisco alle pompe di nuocere. Poi provvedo a sfilare tutti i tubi, a recuperare le fascette di acciaio - qui non si butta niente - a togliere la pompa ad ingranaggi (la rimonterò da qualche altra parte, magari dove non può inzupparsi di carburante e dar fuoco a tutto) e a rimuovere tutto il superfluo.
Con una sola pompa collegata il raccordo a tre non ha più senso, mentre il riduttore non lo aveva nemmeno prima: un unico tubo armato con 18mm di diametro interno collega ora la pompa di sentina al passascafo, permettendosi anche un elegante collo d'oca.
 

Anche la sentina risulta più ordinata e più agibile: i tubi armati non rischiano di schiacciarsi, e non ci sono più inutili raccordi da giardinaggio pronti a cedere mentre - a motore montato - provo a intrufolarmi tra l'invertitore, i frenelli e la marmitta a controllare il filtro dell'olio.
Eddaje!



Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…