Passa ai contenuti principali

La vergogna


Qui a Lipsi è pieno di barche, soprattutto italiani, soprattutto - ora che si approssima il ferragosto - charter.

Charter, di per sé non significa nulla. Chiunque può noleggiare una barca.

Tanto che noi siamo fortunati, e ci troviamo accanto a Marco e al suo equipaggio, e circondati dalla flottiglia che lui ha organizzato e guida. 

Marco è uno esperto, tanto esperto. Ma non se ne vanta. È una caratteristica che esce fuori evidente, prepotente, nel momento stesso in cui mette piede in banchina e comincia ad aiutare tutti, con la pazienza, la gentilezza e la modestia che solo chi è davvero sicuro di sé può permettersi.

Marco, ahimè, è un'eccezione.

In sole 12 ore, limitandomi a queste ultime per non dover scriverne un romanzo, ho visto cose che hanno fatto impallidire il mio pur traumatico ricordo degli skipper russi ubriachi di Poros.

Ieri pomeriggio la quinta barca di Marco, quella con il comandante "non proprio bravo", come lo aveva definito eufemisticamente Riccardo, ha faticato due ore per mettere ancora. Arrivava in banchina traversata, e per lo più senza aver fatto far testa.

Poi, finalmente, tutti erano potuti scendere ben vestiti con tutti i bambini al seguito per sciamare tra le viuzze congestionate di Lipsi.

Peccato che a mezzanotte la prua sia cominciata a scadere contro il vicino tedesco, provocando le di lui gutturali bestemmie umide di saliva schiumosa di birra. A bordo, "casualmente", si è trovato Marco, che è uscito, di notte, limitando i danni, ed è riuscito nonostante il vento al traverso e l'uomo all'ancora completamente - e lo dico sul serio - incapace, a riportare la barca al sicuro.

L'ancora, l'avevano calata a 10 metri dalla prua.

Sempre ieri, nel pomeriggio, un altro charter italiano si è ormeggiato dall'altro lato del porto. Erano solo loro, e potevano scegliere dove meglio calare l'ancora. Beh, stamattina nell'andare via sono riusciti a spedare il francese a venti metri da me, sopravvento, da quest'altra parte del porto. Non solo: tirata su la sua ancora, sono riusciti a liberarla solo dietro il suggerimento del solito Marco ("Usate una cima, non ce la farete mai a mano": perché a mano stavano cercando di sciogliere il nodo tra le due catene di acciaio) e poi, tutti contenti, invece di riportargliela dov'era gliel'hanno buttata giù lì, sul posto. Ovvero 20 metri sottovento: sulla mia, di catena. Poi se ne sono andati via tutti soddisfatti, convinti che risolvere il loro piccolo meschino personale problema li avesse magicamente innalzati al ruolo di grandi uomini di mare. Le nostre facce deluse non li hanno scalfiti. 

E infine Loro, i veri protagonisti di questa storia. Sempre italiani, arrivano e scelgono il lato sbagliato del porto. A banchina praticamente libera. Signori di mezza età, sicuramente per bene, cui la carta di credito e l'invenzione dell'istituto assicurativo hanno dato un facile e pernicioso accesso a una barca troppo grande per la loro patente nautica. Patente cui del resto hanno avuto facile e pernicioso accesso con la stessa modalità. 

Non hanno la minima idea di cosa fare, poverini. Non sanno non tanto come calare l'ancora, non tanto dove o quando calarla, ma "perché" farlo. 

Continuano a mettere poca catena (10 metri su sei metri di fondale con un 50 piedi largo come la Nimitz e 25 nodi di vento al traverso), e rigorosamente sottovento. Arrivano in banchina in diagonale, si attaccano per miracolo alle bitte d'angolo, tirando matasse di cime al malcapitato di turno, e osservano il loro musone abbattersi inesorabilmente sul catamarano ormeggiato all'inglese in testa al pontile. 

Io sono imbarazzato per loro, per me, per il mondo intero. E anche un po' incazzato con chi gli ha consegnato la barca, mettendo in pericolo tutti noi, e con loro, ignoranti e arroganti tanto da noleggiare un simile coso in agosto in Egeo senza avere la minima idea di cosa significhi manovrarlo. 

Ma Marco no. Lui ha pazienza con tutti. Ritarda la sua partenza, e quella della sua famiglia e dei suoi amici, sale a bordo con loro e organizza su due piedi un corso di ormeggio. Rovista sottocoperta e scopre il magnetotermico del salpaancora, di cui loro ignoravano l'esistenza, e già che c'è gli rimette in funzione la passerella idraulica di poppa. Poi, non contento, prende il timone e gli porta la barca in banchina, costringendo di tigna il tipo all'ancora a calarla a dovere e quello alle cime a lanciarle al suo segnale. A metterle preventivamente in chiaro no, quello nemmeno lui può farglielo entrare in testa.

Infine scende, di fretta, dopo un 'ora buona, mi ringrazia per avergli dato assistenza con le cime, saluta e va verso la sua barca per partire. 

E il tipo che aveva appena aiutato lo chiama indietro perché vuole pagarlo per l' aiuto. 

Marco rifiuta, ovviamente, ma il tipo insiste, inseguendolo per il molo con la sua saccoccietta della cassa comune comprata a Kos, a costo di offenderlo.

Marco rifiuta ancora, mentendo "La prossima volta mi aiuterete voi", che neanche in tre vite potrà mai capitare, per mare, che quelli siano in grado di aiutarlo. O forse no, le vie degli Dei sono infinite ed è meglio lasciare sempre una finestra aperta.

Comunque Marco è oramai di spalle, già con la testa concentrata nelle sue prossime manovre. Ma io lo vedo il tipo, la mano grassoccia nel borsellino in stoffa da bancarella per turisti, che tira fuori la banconota con cui vorrebbe pagare l'ora della pazienza, esperienza, precisione, devozione professionale con cui Marco gli ha appena salvato il culo e il portafoglio. 

La banconota è da dieci euro.

Ora, io dico: ma davvero non vi vergognate? 

Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q