Passa ai contenuti principali

La sveglia

Mi godo molle il dormiveglia della prima mattina di riposo, qui a Poros. I rumori del paese che piano piano torna alla vita mi conciliano gli ultimi sogni a base di ritorni, di nuove partenze. Di tette. 
Nella mia cuccetta, sotto lenzuola e piumino, ronfo beato vagamente progettando di piegare il fiocco, di lavare il genoa, di smontare e sistemare il candeliere che fa acqua da quando per aiutare una barca in difficoltà ho lasciato mi si schiantasse sulla battagliola, tempo fa. Un dolce, lento risveglio. 
Quando sento una catena salpata e un'elica di prua che si avvicina, semplicemente mi alzo a metà, sbircio dall'oblò gli alberi delle due barche accanto a me, entrambe francesi, che mi separano da una nutrita flottiglia di bionda gente dell'est e, controllato che nessuno dei miei vicini stia uscendo proprio a quest'ora, me ne torno orizzontale. 
Ed ecco improvvisamente delle voci in Ostrogoto, cui rispondono degli insulti in Francese, motore, motore e tanta, troppa elica di prua che Iddio la strappi a forza dalle ditina delicate dei charteristi. Botto. 
Mi materializzo in pozzetto con le mie mutande a righe e c'è un Oceanis 45 pieno di Russi e Russe, una al timone, traversato contro la mia prua e contro quelle delle due barche alla mia destra. Da notare che l'unico posto libero, quello da cui loro sono evidentemente usciti, è cinque ormeggi più in là. Ed è la giornata più priva di vento dell'ultima era geologica. 
Quando arrivo a prua i barbari hanno già marchiato con il loro spigolo entrambi i Francesi e sono occupati a cercare il punto debole della Duna. Lei però ha la prua tradizionale, e la poppa dei guastatori gli passa un pelo sotto. Finiscono sulla mia catena e faccio appena in tempo a gridare ripetutamente alla bionda "to the other side, to the other side!" per cercare di salvare il mio ormeggio e, in seconda battuta, volendo, il loro timone, che si intruppano e smotorano tentando di portarmi via con loro, che magari a cena son pure simpatici ma adesso proprio no, lasciatemi solo. 
Faccio per sciogliere la ritenuta e mollare calumo, quando il timoniere finalmente decodifica le mie parole, gira la ruota dall'altra parte, si libera e si allontana. 
"Thank you" mi urla il tipo a poppa, quello che poverino si ammalalerà gravemente nei prossimi anni per la prolungata e ravvicinata esposizione agli insulti e alle maledizioni, che se le parolacce avessero un peso stamattina avrebbero spostato le montagne. 
E se ne vanno a velocità autostradale. 
I vicini francesi stanno facendo la conta dei danni, qualche graffio, forse il pulpito ammaccato. "Ma come hanno fatto, come ci son riusciti?" chiedo loro, indicando la distanza tra il posto libero in banchina e noialtri. 
Uno dei maschi alza le spalle, incredulo quanto me.  La donna finisce la sua ispezione e sintetizza: "Marcia indietro, marcia avanti, elica, marcia indietro, marcia avanti, elica, bum."
Annuisco, mi pare una buona ricostruzione dei fatti, quantomeno l'unica possibile. Che Iddio spezzi loro i ditini, commento nella  mia lingua, auguro il buon giorno a tutti e scendo a fare colazione.



Il libro di While Slowly Going Nowhere è in vendita: 30 curatissimi racconti e un imperdibile glossario. Le informazioni su come averlo sono qui

Commenti

  1. Ahahah...cose di tutti i giorni ...in Egeo ...
    Alessandro

    RispondiElimina
  2. Un bel risveglio........meglio la noia di un solito risveglio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q