Passa ai contenuti principali

Tra il giorno e la notte



Viaggio verso nord. Partito prima di pranzo da Chiaia di Luna spinto al lasco dallo stesso levante rafficato che mi ha cacciato ieri dal Frontone, sfilo al tramonto 12 miglia al largo delle luci di Anzio.
Il vento è calato da un pezzo. Poi è rimontato, ha dato scarso, è scemato. E io ho sciolto le mani di terzaroli alla randa, poi al fiocco, che poi ho ammainato e issato e ammainato di nuovo. Ora è imbrogliato alle draglie di dritta, in attesa della prossima buona occasione per mettersi in mostra.
Questa è l'ultima tappa del viaggio, sto tornando a casa.
Randa e motore verso nord, col sole che cala alla mia sinistra e le nubi che crescono alla mia destra. Le previsioni danno una notte tranquilla. Maestralino leggero fino alle 2, poi rotazione oraria fino a un levante decente qualche ora prima dell'alba. Potrebbe essere quella, l'occasione buona per il fiocco.
Ma ora, al tramonto, preferisco rispettare le Nubi e le Acque, e così mi aggancio la cintura di sicurezza, esco dal pozzetto e vado all'albero. Prenderò la prima mano, una mano di scaramanzia, alla randa.
La vela già fileggia, l'amantiglio già sorregge il boma, e così non mi resta che cazzare i lazy jack, mollare la drizza in acciaio a far scendere i cursori e agganciare la mura della prima mano. Per finire teso di nuovo l'inferitura, e la borosa. Con questo vento e questo mare è fin troppo facile manovrare le vele.
Per dare volta alla borosa me la prendo comoda, mi siedo sulla zattera di salvataggio, appena a poppavia dell'albero, e lento avvolgo il cavo sulla galloccia. Finito, ripongo la maniglia e rimango lì, a godermi il mare scorrere, e a sussurrare parole affettuose alla mia Duna.
Rimango lì, e alla mia sinistra il sole al tramonto infuoca l'orizzonte con le ultime luci del giorno, mentre alla mia destra la costa laziale sfuma, complici le nuvole compatte, nella notte più nera.
Ed ecco che l'attimo si dilata, ecco che le sfumature hanno un fremito e una cesura proprio qui, allo zenith, ecco che la mia rotta si disegna improvvisa  a spartiacque tra il giorno e la notte.
Mi guardo intorno, mi guardo dentro. È tutto fin troppo nitido, ogni distinzione accentuata dal contrasto che divide il cielo in due metà opposte e complementari. E io mi riscopro diviso. Tra la gioia di tornare, e la malinconia di aver finito il mio viaggio. Tra la sicurezza del porto sicuro che mi accoglierà domani, e l'incertezza del futuro. Tra la voglia di un'esistenza terrestre - un letto una doccia un tetto solido - e la necessità di  vivere nomade con lo stretto necessario ammucchiato nei gavoni. Tra la paura del buio e la curiosità di scoprire cosa mi riserva la notte.
Ammaliato dalla metafora pittorica dei miei pensieri che l'orizzonte ha messo in opera, resto ancora un poco accoccolato sulla zattera, qui appena dietro l'albero. I piedi nudi godono del tepore del giorno appena finito, fossilizzato nel teak. La vista vaga alla ricerca di nuovi colori. Con le mani carezzo la barca. Poi improvvisamente mi alzo e in pochi passi sono di nuovo al timone, ma prima...
"Non finisce qui" - le sussurro - e poi altro, che preferisco rimanga tra noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q