Passa ai contenuti principali

La sveglia

Mi godo molle il dormiveglia della prima mattina di riposo, qui a Poros. I rumori del paese che piano piano torna alla vita mi conciliano gli ultimi sogni a base di ritorni, di nuove partenze. Di tette. 
Nella mia cuccetta, sotto lenzuola e piumino, ronfo beato vagamente progettando di piegare il fiocco, di lavare il genoa, di smontare e sistemare il candeliere che fa acqua da quando per aiutare una barca in difficoltà ho lasciato mi si schiantasse sulla battagliola, tempo fa. Un dolce, lento risveglio. 
Quando sento una catena salpata e un'elica di prua che si avvicina, semplicemente mi alzo a metà, sbircio dall'oblò gli alberi delle due barche accanto a me, entrambe francesi, che mi separano da una nutrita flottiglia di bionda gente dell'est e, controllato che nessuno dei miei vicini stia uscendo proprio a quest'ora, me ne torno orizzontale. 
Ed ecco improvvisamente delle voci in Ostrogoto, cui rispondono degli insulti in Francese, motore, motore e tanta, troppa elica di prua che Iddio la strappi a forza dalle ditina delicate dei charteristi. Botto. 
Mi materializzo in pozzetto con le mie mutande a righe e c'è un Oceanis 45 pieno di Russi e Russe, una al timone, traversato contro la mia prua e contro quelle delle due barche alla mia destra. Da notare che l'unico posto libero, quello da cui loro sono evidentemente usciti, è cinque ormeggi più in là. Ed è la giornata più priva di vento dell'ultima era geologica. 
Quando arrivo a prua i barbari hanno già marchiato con il loro spigolo entrambi i Francesi e sono occupati a cercare il punto debole della Duna. Lei però ha la prua tradizionale, e la poppa dei guastatori gli passa un pelo sotto. Finiscono sulla mia catena e faccio appena in tempo a gridare ripetutamente alla bionda "to the other side, to the other side!" per cercare di salvare il mio ormeggio e, in seconda battuta, volendo, il loro timone, che si intruppano e smotorano tentando di portarmi via con loro, che magari a cena son pure simpatici ma adesso proprio no, lasciatemi solo. 
Faccio per sciogliere la ritenuta e mollare calumo, quando il timoniere finalmente decodifica le mie parole, gira la ruota dall'altra parte, si libera e si allontana. 
"Thank you" mi urla il tipo a poppa, quello che poverino si ammalalerà gravemente nei prossimi anni per la prolungata e ravvicinata esposizione agli insulti e alle maledizioni, che se le parolacce avessero un peso stamattina avrebbero spostato le montagne. 
E se ne vanno a velocità autostradale. 
I vicini francesi stanno facendo la conta dei danni, qualche graffio, forse il pulpito ammaccato. "Ma come hanno fatto, come ci son riusciti?" chiedo loro, indicando la distanza tra il posto libero in banchina e noialtri. 
Uno dei maschi alza le spalle, incredulo quanto me.  La donna finisce la sua ispezione e sintetizza: "Marcia indietro, marcia avanti, elica, marcia indietro, marcia avanti, elica, bum."
Annuisco, mi pare una buona ricostruzione dei fatti, quantomeno l'unica possibile. Che Iddio spezzi loro i ditini, commento nella  mia lingua, auguro il buon giorno a tutti e scendo a fare colazione.



Il libro di While Slowly Going Nowhere è in vendita: 30 curatissimi racconti e un imperdibile glossario. Le informazioni su come averlo sono qui

Commenti

  1. Ahahah...cose di tutti i giorni ...in Egeo ...
    Alessandro

    RispondiElimina
  2. Un bel risveglio........meglio la noia di un solito risveglio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Estate 2016: Conavigazione in Egeo

Ormai a poche settimane dalla mia partenza, il programma per questa estate è a grandi linee definito. La navigazione avrà inizio il 18 maggio da Egina. Con base in questa isola, passerò maggio e giugno esplorando la costa e le isole del Peloponneso da Epidauro a Ermione. Tra la fine di giugno e i primi di luglio mi raggiungerà Manuela e insieme migreremo lentamente verso sud, avvicinandoci alle Cicladi, scegliendo rotte e ancoraggi a seconda del meteo. Nella terza decade di luglio attraverseremo fino a Creta dove rimarremo, spostandoci via via verso ovest tra musei e scavi archeologici, fino ai primi di agosto. I tempi della navigazione successiva, verso il Dodecaneso, dipenderanno molto dalle condizioni meteo. In ogni caso l'obiettivo è riuscire a essere a Leros per Ferragosto. Durante le settimane successive navigheremo tra Leros e le isole vicine: Lipsi, Patmos, Arki, Agathonisi, forse Samos. Questi i programmi fatti a oggi. In settembre più o meno inoltrato, rimasto di nuovo solo a …