Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2012

Consolamise cor sonetto...

A bello! Pussa via dal mio bottazzo.
A neno! Dal mio fianco pīa distanza.
A capo! Lì c'hai spazio in abbondanza. 
A maschio! Accosta a dritta o mo esco pazzo. 

Cor timone io ce scrivo e ce svolazzo
La barca mia manovra che è 'na danza
C'è chi prova e riprova ormeggi a oltranza
Ma quanno arrivo io 'n ce metto un cazzo

Che marinaio so', che avventuriero!
Quanno ce penzo quasi pīo spavento:
'che in terra è raro trova' n'omo vero

Che sappia governa' le donne e 'r vento 
Ma poi apro l'occhi e tutt'intorno è nero
...quant'era bello er sogno fraudolento!

Du' ricordi in croce

Le cinque, è giorno: sveja che 'n c'è tempo
di fuori è freddo, e infuria 'r temporale
'na tazza de caffè scarda er morale
e manna via la paura del maltempo

E tutti i sogni fatti nottetempo
metto da parte, come n'animale
che su pe' 'r buco de la tana sale
aspettannose quarche contrattempo

Quanno è tirata su l'ancora a bordo
e arzate verso 'r cielo tutte 'e vele
pīo 'l largo, bordeggiando lento lento

'e nuvole so' nere, il tuono è sordo,
il lampo sbraccia attorno le sue chele
ma qui so' io, da solo, e 'r mare, e 'r vento