Passa ai contenuti principali

Conavigazione


Il mio amico Sebastian, animale marino bretone, anni fa arrivò in Egeo con la sua famiglia. Era il suo anno sabbatico.
L'anno dopo aveva ricominciato a lavorare, ma a giugno era di nuovo lì. Aveva preteso tre mesi di permesso non retribuito (così faranno lavorare un giovane, mi aveva detto, fiducioso nella bontà del mondo) per venire a fare la stagione nel mare dal colore del vino. La famiglia non era stata altrettanto fortunata, ed era rimasta in Bretagna per la maggior parte dell'estate. Lui, un po' per non rimanere solo, un po' per ammortizzare la mancanza dello stipendio, un po' per coerenza con il suo modo di pensare, aveva importato dal suo paese la pratica della conavigazione.
Ai tempi me la spiegò, con entusiasmo, e io, con una iniziale timidezza, la feci mia.

L'idea è quella di mettere in condivisione la mia barca, il mio tempo, la mia esperienza con delle persone disposte a fare altrettanto con me. Il tutto, dato che mantenere la barca non è facile, in cambio di un modesto contributo al bilancio annuale. Una volta a bordo ognuno è libero di scegliere tra le varie mansioni necessarie ciò in cui meglio si esprime. Chi preferisce cucinare, chi aiutare con le vele. Chi vuole imparare il carteggio e chi è semplicemente curioso di come possa un oggetto di sette tonnellate galleggiare elegantemente. La vita, però, è di gruppo. Nei limiti della sicurezza la rotta e le soste vengono decise insieme, così come il menù.
Non esiste nella conavigazione il rapporto cliente-inserviente. Come non esiste la necessità di riempire la barca ad ogni costo, o di incastrare una settimana dopo l'altra per ottenere il massimo guadagno. Si tratta, direi, di una navigazione tra vecchi amici, o futuri tali.

Chi ha letto almeno uno dei miei libri conosce la barca, conosce me, qual è il mio modo di andare per mare, e cosa aspettarsi venendo a bordo. Tra l'altro, ricordo la possibilità, esigenze di navigazione e condizioni meteo marine permettendo, di ricevere shiatsu da un operatore diplomato (sempre io, in un altro dei miei fantasiosi travestimenti) direttamente a bordo.

Per gli altri, a costo di sembrare noioso, propongo qui sotto i punti salienti - estrapolati da un mio post a riguardo - della filosofia della conavigazione:

A chi è rivolta la proposta:
Dovendo essere un'esperienza piacevole per tutti, rivolgo questa proposta a persone che amano la navigazione a vela come esercizio zen di adattabilità, accettazione degli eventi e capacità di godere di quel che viene, delle piccole cose, del contatto con gli elementi della natura. In sostanza a mammiferi dotati di abbastanza cervello da comprendere che se sei in mezzo al mare è Lui che comanda, che se soffiano 40 nodi di vento non è il caso di salpare l'àncora, che se la navigazione dura 6 ore invece delle 4 previste non è comunque possibile ripensarci e scendere. A chi vuole fare esperienza di navigazione su una barca di trent'anni, con un solo bagno, vele di prua ancora ingarrocciate e winch tradizionali.

A chi NON è rivolta la proposta:
Sconsiglio la conavigazione come miei ospiti a chi soffre sicuramente il mal di mare, a chi non ha la pazienza di andare a vela, a chi al contrario vuole vela a tutti i costi anche quando IO so per certo che non è il caso, a chi detesta gli ancoraggi isolati e a chi solo ancoraggi isolati pretende. Ai fumatori che non abbiano ben chiaro il concetto di “sottovento”, a chi l'autoironia non sa neanche dove sia di casa, a chi non può fare a meno della doccia dopo ogni tuffo e dello shampoo tutte le sere, a chi, seguendo diete particolari, non sa trattenersi dall'imporle agli altri, agli evangelisti di ogni tipo. In generale, a chi ritiene di non potersi adattare alla vita in comune su una barca di trent'anni, priva di molte tra le comodità della vita moderna, con vele ingarrocciate e winch non self tailing.


Per ulteriori informazioni contattatemi su whileslowly@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…