Passa ai contenuti principali

Follow by Email

Giorno #1 - 200Km - Inizia il ritorno


Ce l'abbiamo fatta. Sono quindici giorni che rompiamo le palle a tutti sostenendo che "Domani ce ne andiamo". E giù saluti, promesse per il prossimo anno - che come si dice a Roma: "Beato chi c'ha un occhio" - e soprattutto cene di commiato. Gli amici del pontile, quelli del diving, e del ristorante, e del marina. Duna piena come non mai di persone, cibarie, chiacchiere e raki.
Sì, perché finalmente - e oserei dire fortunatamente - abbiamo scoperto il raki. Quello vero, intendo, quello che la maggior parte dei turchi si fa da sola a casa, viste le tasse suli alcolici che sfiorano il 75%. E lo fanno bene, lo fanno buono e, i nostri amici non saranno forse contenti di quel che sto per dire della loro bevanda nazionale, somiglia molto all'ouzo greco.
Il migliore lo distilla a Istanbul il padre di Bora, ma anche quello di Erhan, fatto lasciando in infusione zucchero e aromi nell'alcol procuratogli dal suo amico chimico, non è male. Così come quello di Taifoon, che l'ingrediente principale lo contrabbanda dalla Bulgaria.
Se la sera chiacchieri fino a tardi dei massimi sistemi, o fai le ore piccole ad analizzare le tante affinità e le poche ma micidiali differenze tra il linguaggio gestuale italiano e quello turco, o non ritieni conclusa la serata fino a che non sia evaporata l'ultima goccia di vino o birra o raki nell'ultimo bicchiere, la mattina la voglia di partire svanisce come rugiada al sole. Soprattutto perché qui il sole ancora picchia forte, e siamo ben consapevoli che il nostro viaggio di ritorno ci porterà a nord, dritti verso l'inverno.
Quindi, in ritardo su ogni possibile ritardo considerato ammissibile anche da noi ritardatari cronici, solo stamattina siamo riusciti a chiudere la barca, a caricare la macchina, a salutare gli ultimi amici, o forse a salutare di nuovo gli stessi, ormai abbiamo perso il conto, uscire dal marina e allontanarci da Kas.
Abbiamo seguito la costa verso ovest, poi abbiamo tagliato verso i valichi montani che schiudono la via degli altipiani interni, e siamo arrivati a Pammukkale, prima tappa di questo nòstos.
Il tempo è volato. A parte i paesaggi, che definirei banalmente "mozzafiato", abbiamo argomenti a sufficienza per passare l'inverno davanti al camino. Anche se spero di fare altro, davanti al camino, questo inverno.
Abbiamo il libro, il diario del viaggio di andata, ad aprile, in pubblicazione, e la prevendita su produzionidalbasso.it da organizzare.
Abbiamo due catamarani a Cuba, già prenotati per febbraio, da riempire.
Abbiamo un appuntamento, in Italia, che forse cambierà i nostri progetti futuri, del quale per scaramanzia non dico altro.
Ma in realtà l'argomento principale, come fossimo due vecchie comari, sono stati i vicini di banchina. Lui svedese, lei brasiliana, stanno insieme da poco. Hanno una barca in metallo bellissima, da giro del mondo, appena comprata. Lei completamente a digiuno di mare e di vela, e lui, perso in mille inutili dettagli, che si scopre improvvisamente puntiglioso al limite della paranoia.
Ogni volta che la incontriamo da sola, lei si lamenta di lui. Non le fa toccare nulla in barca, le vieta di usare i bagni anche di notte e anche per la semplice pipì (siamo in venti metri di acqua, con risorgive carsiche che la purificano dal fondo), le sta col fiato sul collo quando lava i piatti perché non apra troppo il rubinetto e la riprende quando lascia una luce accesa. Su un sedici metri con 1000 litri di serbatoio, pannelli solari e generatore eolico. E comunque attaccato alla colonnina del marina!
MaLa ci va coi piedi i piombo, lui l'ha delusa un po' la scorsa settimana quando, messo in mezzo in una tavolata durante la festa della repubblica, invece di stare allo scherzo si è impuntato ("Io non bevo quando sono al comando!"), si è offeso e se ne è andato. E noi che gli avevamo semplicemente proposto di uscire in dieci la mattina seguente, carichi di vino, per andare a fare festa nella baia qui dietro,
Io invece tutto sommato lo capisco. Ha un essere affascinante tra le mani, di cui possiede il corpo ma non l'anima. Non la conosce, non ha confidenza con lei, non sa se il suo amore è ricambiato. Ci vorrà del tempo per farlo sentire a suo agio, per presentarla agli amici senza paura che lei perda la testa per qualcun altro. E nel frattempo è geloso, e possessivo. 
Parlo della la barca, non della brasiliana.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q