Passa ai contenuti principali

Giorno #18 - Km 5150 - Arriva l'estate

Poche ore di viaggio e arriviamo al mare. Passiamo attraverso Izmir, l'antica Smirne di cui i Turchi, mi rendo conto ora che conosco un po' di greco, non hanno cambiato il nome ma semplicemente inglobato l'onnipresente articolo, apprezzandone appieno il traffico. Ma dopo Istanbul niente ci fa più paura.
Ancora un'ora e arriva anche l'estate. Kuşadasi: barche a vela, donne in canottiera, coppie a braccetto. Caldo. Saliamo fino all'albergo nel cuore del centro storico, imboccando salite spropositate e stradine controsenso. Prendiamo possesso della camera, ci spogliamo definitivamente della lana invernale e usciamo di nuovo in strada in abiti di cotone. Siamo diretti a Efeso.
All'entrata del sito paghiamo un gelato quanto un pranzo, schiviamo i tassisti che vorrebbero portarci all'accesso posteriore, quello su in cima, con il pretesto di permetterci così di camminare una sola volta attraverso tutto la città, in discesa, ed entriamo.
All'interno ettari ed ettari di rovine stracolme di folla. Strade pavimentate calcando le quali torme di Cinesi simulano il mondo dopo la loro prossima invasione: telefonini, caciara e foto di gruppo proprio lì dove c'è scritto "vietato entrare". Ma non è questo che mi è rimasto impresso. Le mille lingue parlate nel foro, anzi, non sono che la versione moderna del chiasso e del traffico che lo animavano duemila anni fa, quando questa enorme distesa di marmi preziosi - prima che il porto si insabbiasse, tagliandola fuori anche dalla decadenza dell'impero - era la capitale dell'Asia.
Riusciamo a camminare un poco distanti dalle scolaresche, dai gruppi organizzati di pensionati orientali, dagli analoghi gruppi locali, zigzagando per le viuzze poco o per nulla monumentali. In cerca di scorci, di visioni forse. Piccoli pezzi di mosaico ancora incastonati miracolosamente nell'intonato, fregi particolari. Mozziconi di colonne in Nero d'Aquitania, Cipollino, Pavonazzetto, Granito rosa, Verde antico e altri che non riconosco. Neanche un mese fa ho chiesto a un negozio online tedesco di spedirmi qui in Turchia una cucina a gas. Mi hanno risposto che non possono, i casini alla dogana sono troppi e troppo imprevedibili. Ecco: quello che mi rimane impresso è che 2000 anni fa, invece, qualcuno trovasse normale commerciare da qui con i Pirenei, e con l'Egitto.
Saliamo fino al famoso accesso posteriore e, se è vero che il sito è grande e farselo tutto a piedi faticoso, lo è anche che, sulla via del ritorno - avendo tutti seguito il consiglio dei tassisti - non troviamo nessuno. Efeso è tutta per noi. Scendiamo a passi lenti e riflessivi lungo la via principale, passiamo accanto alle fontane, ai porticati impreziositi dai mosaici, agli ostelli per marinai, ai bagni pubblici appena di fronte, fermandoci ancora ad ammirare la facciata della biblioteca. Passeggiamo ancora, costeggiando l'agorà, ci lasciamo il teatro sulla destra e imbocchiamo la strada del porto. Il colonnato, ai lati, si perde in lontananza, diretto verso il sole al tramonto. Restiamo qui, in silenzio, persi a immaginare i tempi che ora non sono più, poi con un sospiro voltiamo a destra e raggiungiamo l'uscita e la fedele C3.
A cena scegliamo, su consiglio di Silvio, il ristorante davanti al marina. È chiaramente un locale cui noi, in Italia, non potremmo neanche avvicinarci. Qui, con il cambio 6:1, possiamo permettercelo, ma i camerieri, dotati di istinto internazionale, sentono immediatamente che siamo degli intrusi. Non sono scortesi, anzi, sono gentilissimi. E riescono al contempo a mostrare tutta l'arroganza possibile. Dei veri professionisti, in questo. Mangiamo bene, paghiamo il giusto e appena possiamo veniamo via, decisi a frequentare più taverne famigliari e meno ristoranti fighetti. Il cibo è buono anche lì, e la gentilezza mostrata, quando c'è, almeno è sincera.
La nostra pensione, per esempio, è a conduzione famigliare. Quando, a notte fatta, torniamo lì stanchi dalle emozioni del pomeriggio, ci accorgiamo di non avere acqua da bere per la notte. La chiediamo al proprietario, dietro al banco della reception.
"Ok, ve la faccio portare i camera tra due minuti" ci risponde. E poi si infila la mano nella tasca dei pantaloni e ne tira fuori un po' di monete, chiama suo figlio e lo spedisce in piazza a comprarci una bottiglia.


MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna, Francesco e Brina; Caio e Daniela; Francesco. Milena. Yuhai Shi. Vasy. Stefan. Lumi&Bela Lugosi. La signora del ristorante di Nesebar. La coppia del ristorante di Sofia vessata dalla mafia. Mubeccel&Mehet Eren, per non aver insistito con il loro vino. I gentilissimi proprietari della Pergama Pansion. Il pastore turco di turchi armenti. Silvio.



I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva
Giorno#7 Adamo&Eva
Giorno#8 Adamo&Eva
Giorno#9 Adamo&Eva
Giorno#10 Adamo&Eva
Giorno#11 Adamo&Eva
Giorno#12 Adamo&Eva
Giorno#13 Adamo&Eva
Giorno#14 Adamo&Eva
Giorno#15 Adamo&Eva
Giorno#16 Adamo&Eva

Giorno#17 Adamo&Eva

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…