Passa ai contenuti principali

Giorno #3 - Km 930

Su per la valle.


"Guarda lì sulla destra" indico a MaLa con un dito.
"Cosa?"
"Lo stabilimento: siamo ad Arnad, e lì producono il lardo."
Continuo a guidare, in salita, ma tempo due rotonde e la mia compagna di viaggio ha realizzato.
"E tu vorresti farmi passare di qua senza fermarti a farmi assaggiare il lardo di Arnad?"
In effetti siamo partiti stamattina da Genova, dopo esserci svegliati a casa di Fabio, il figlio di Antonella e Renzo, che a sorpresa (forse sua quanto nostra) ci ha ospitato. Reduci dalla sera/rimpatriata con anche Anna e Maurizio, amici conosciuti ai Caraibi, la comodità del letto ci aveva tenuti in ostaggio più di quanto avessimo in programma. Siamo allora passati dalla CEAM, di fretta, a prendere la nostra roba: il genoa di Fra, il tessuto per il nostro coprifiocco, i sacchi a pelo e la tenda. Abbiamo abbracciato Antonella e poi via verso l'autostrada e su, su, su attraverso Liguria e Piemonte, spingendo la fedele C3 per salite quasi pari a quelle fatte a piedi ieri per le vie del centro storico, solo frequentate da camionisti e non da turisti, operai, vucumprà, impiegati e prostitute. E alla fine del Piemonte, dove il mio cuore da geologo ha riconosciuto con un sobbalzo l'enorme massa della morena preistorica relitto dell'enorme ghiacciaio che ha scavato la Val d'Aosta durante l'ultima glaciazione, sulla quale sorge Ivrea, siamo usciti dall'autostrada proseguendo per la statale, con l'idea di "Trovare un posto tranquillo dove fermarci per uno spuntino e un bicchier di vino" davanti al computer: dobbiamo nutrire sia il corpo che l'anima o, più prosaicamente, dobbiamo sistemare il primo post di questa nuova avventura editoriale, che deve uscire - secondo il programma che ci siamo imposti - oggi alle 18.
E quindi eccoci qui, al bar sulla statale Arnad-Aosta, davanti a un tagliere pieno di formaggi, salumi e lardo. C'è anche un bicchiere di vino, davanti a me, ed è su quello che mi concentro dopo aver spazzolato tutto e scritto e scelto le foto e postato. Mi rilasso e mi guardo intorno.
Siamo qui da quasi due ore, e al banco si sono avvicendate decine di persone. Ora, però, ce n'è solo una. Si tratta di un vecchio, coi capelli bianchi lunghi sui lati del capo e una pancia di una certa importanza, di quelle che danno l'idea che sia più facile saltarci sopra che girarci attorno. Quando è entrato ha parlato senza emettere suoni. Dal movimento delle labbra la giovane cameriera bionda, vera attrazione del luogo, capisce che vuole un bicchiere di vino. Un dolcetto, mi pare da qui. Lui prende il bicchiere, si appoggia al bancone col gomito e lo sorseggia, con calma ed evidente soddisfazione. Ha una faccia simpatica e, dato che condividiamo lo stesso stato d'animo, d'istinto, appena il nostro sguardo si incrocia, alzo il bicchiere nella sua direzione, in un brindisi muto, e bevo.
Avevo dimenticato evidentemente di essere straniero in una valle alpina. Lui mi guarda stupito, come se non credesse ai suoi occhi, cercando di decifrare come quando e perché io, mai visto e conosciuto, possa aver pensato di brindare con lui. Imbarazzato, distolgo lo sguardo e fingo di essere assorto in componimenti poetici di futura fama mondiale. Per rimarcare la mia disinvoltura fischietto un po', ma c'è troppo silenzio nel locale e mi si nota ancora di più. Cerco di scomparire un poco.
Passano i minuti. Finiamo il vino, mettiamo via i computer e ci accingiamo a pagare. Il vecchio posa il suo bicchiere vuoto sul bancone, ci aggiunge una banconota ed esce dal bar. Nell'uscire si gira dalla mia parte e mormora, più con le labbra che con il suono "Buonasera!". Sono io a rimanere stupito, e a balbettare tardivamente un ringraziamento e un saluto quando oramai lui è fuori, nella sua valle alpina.
Più tardi eccoci lungo la statale, diretti a uno degli ultimi paesi prima del Monte Bianco. Lì ci aspettano Giovanna, Stefano e Saretta. Li conosco da una vita. Giovanna mi chiama quando da poco abbiamo passato Aosta.
"Sto uscendo dal mio corso di yoga: chiudo la sala e vi aspetto al parcheggio dopo Morgex, quello sulla destra appena uscite dal tornante. Ho una macchina bianca."
"Ok, non ti preoccupare ti vedo di sicuro" rispondo io. E continuo a guidare.
Sono le 18 meno cinque. Cinque minuti all'uscita del primo post de "I diari di Adamo ed Eva", titolo pretenzioso di cui un po' mi vergogno. Fossi bravo la metà di Mark Twain vivrei in un brodo di giuggiole. Mi diverte però che il suo pseudonimo venga dallo slang usato dagli scandagliatori del Mississippi, i quali sostanzialmente facevano il mio stesso lavoro. Forse dovrei firmarmi Multi Beam, per diventare famoso. (Buona idea: non lo escludo per il futuro.)
Alle 18 meno cinque, dicevo, MaLa entra in fibrillazione.
"Mancano cinque minuti! Chi sa se piacerà a qualcuno."
Passano i secondi, e le curve.
"Due minuti! Speriamo qualcuno ci legga!"
Ancora curve, rettilinei, curve.
"Eccoci! Aspetta, guardo subito!" e accende il telefono. "Ho già un like!" mi fa sapere, saltellando sul sedile del passeggero.
Il like la fomenta e io, che sto guidando e quindi non ho la possibilità di controllare l'andamento parallelo del mio post, chiedo a lei di farlo.
Ci vuole poco a scatenare la competizione, sono pur sempre un Peris, e quando a me arrivano i primi commenti comincio a sostenere che questi valgano più dei like. Non c'è un reale motivo per tutto questo, in realtà questa faccenda non ha nessuna importanza, è nata per divertimento e per divertimento prosegue. Ma proprio del divertimento, a Roma, fa parte lo sfottò e così, quando il mio distacco si fa appena un po' più grande stacco le mani dal volante e canto, a squarciagola:
"UN CAPITANO! C'
È SOLO UN CAPITANO!" e il capitano sarei io, visto che lei è cambusiera.
MaLa va in puzza e mi risponde, semplicemente: "La macchina bianca parcheggiata due curve fa, sulla destra. Era Giovanna."
Ed era davvero lei.

PS: MaLa non ha perso il telefono, e lo ha mantenuto carico per tutto il giorno. Ma dovreste aver già sentito la notizia in apertura su tutti i TG.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…