Passa ai contenuti principali

Giorno #14 - Km 4030 - La scoperta dell'acqua calda

Finiamo la giornata nell'ultimo paese Bulgaro prima della Turchia. Il confine qui è un fiumiciattolo dalle pareti artificialmente scoscese, responsabile un tempo della lunga spiaggia bianca che si allunga verso sud, oltre la bandiera rossa con la mezzaluna che indica senza mezze misure dove l'Europa politica smette di coincidere con l'Europa geografica. Dall'una all'altra non si passa, a Rezovo: bisogna tornare indietro e allontanarsi dal mare per quasi cento chilometri prima di trovare una dogana percorribile in auto.
Per arrivare qui abbiamo comunque dovuto mostrare i documenti alla polizia di frontiera locale, in un posto di blocco improbabilmente spuntato dal nulla sulla stradina rurale che serpeggia nel mezzo di una foresta. I poliziotti non parlano una parola di inglese, ma sorridono. C'è anche il sole, e abbiamo passato la Pasqua su un prato, io MaLa e una cagnetta randagia adottata per un'ora, con pane, salame, formaggio e vino. Il secondo giorno volge al termine, e ancora questa Bulgaria ci piace.
Stamattina eravamo seduti a Nesebar, davanti a una torta di fragole e a un caffè. La cittadina è un sito Unesco, abitata fin dai tempi dei Traci, divenuta poi colonia greca e in seguito romana. Litigata tra Bizantini e Bulgari, con l'intermezzo dei Crociati, fino a quando i Turchi arrivarono a cristallizzare la situazione per quattro secoli. Questo paesino è rimasto abitato da pescatori greci per più di duemila anni. Hanno cambiato lingua, religione, bandiera, ma nonostante questo si sono uniti alla guerra di liberazione del loro paese di origine nel 1821, non ricavandone per giunta nulla. La Storia di un luogo mi aiuta a ordinare le emozioni, su questo rifletto davanti al mio caffè e alla nostra torta. Non è più un caso che ieri sera, a cena, ci siamo sentiti improvvisamente a casa. Né che il volto della ristoratrice ci fosse familiare. E forse il nostro a lei.
Mi viene in mente che ai Caraibi abbiamo portato i clienti a vedere, tra l'altro, Wallalibu Bay. È una baia come qualsiasi altra, forse addirittura peggiore, e a prima vista sarebbe evitabile. Ma anni fa girarono lì alcune scene de "I Pirati dei Caraibi" e, nonostante del set non sia rimasto quasi nulla, questo fa di lei una baia speciale. Fonte di emozioni. Per qualcuno, almeno. Stessa cosa a Mustique, l'isola dei VIP. Alcuni di noi sono andati in estasi al solo vedere i prezzi del menù dell'unico bar aperto ai comuni mortali ma, per quanto mi riguarda, sono pochi i vivi che mi emozionano, e il possedere una incredibile quantità di denaro non è per me motivo sufficiente di ammirazione: anzi, in tal caso tendo ad essere più critico sulla pubblica utilità di quel che si è fatto per averla. In effetti, a conti fatti, i Caraibi non mi hanno detto nulla. Una sequenza piatta di bellissime cartoline inondate dal calore del sole. Non avevo miti associati a quei luoghi. Non stavo incrociando la rotta di un eroe omerico, e non avevo speranza di scorgere sul fondo l'ansa incrostata di un'anfora caduta di mano a un mercante fenicio. E guardavo ogni bellissima spiaggia senza provare emozioni.
Un mio caro amico è venuto da queste parti con la sua barca a vela pochi anni fa. Si documentò minuziosamente. Non solo sulla rotta da seguire, sui porti e i ridossi, ma anche e soprattutto sulla storia, sulla politica, sulla società, sulla letteratura di questi paesi. Preparò con cura le sue emozioni e ammetto di aver pensato, all'epoca, che rischiava di partire in cerca di conferme e non di scoperte. Io tendenzialmente mi comporto in modo opposto: arrivo in un posto volutamente sconosciuto e, visitandolo, mi incuriosisco e sento il bisogno di sapere di più. Per questo, in seguito, cerco notizie storiche e culturali. Tanto che il libro che Luciano scrisse dopo la sua esperienza è rimasto a pagina venti sul mio comodino di Roma, pronto ad essere letto al mio ritorno, dopo aver visitato in prima persona i luoghi di cui parla. Sono due estremi opposti, e certo io non riuscirei mai a preparare così tanto un viaggio senza spegnere nella preparazione buona parte dell'energia che mi occorre per partire. Ma oggi, qui nella minuscola e assolata piazza di Nesebar, mi sembra di scoprire l'acqua calda: si viaggia con la mente prima ancora che con il corpo, e una mente ignorante può farmi attraversare il mondo intero senza riuscire a vedere nulla.
Per il prossimo viaggio dovrò cercare un compromesso, immagino. O forse ripeterò appositamente lo stesso errore per stupirmi più del lecito di fronte alla più banale delle scoperte. Sono testardo, pigro, e in fondo mi accontento di poco.
Nello specifico, una buona connessione internet e una VPN.

MaLa, invece, l'ha vista così.

Ringraziamo affettuosamente Riccardo, Manuela e Archimede; Antonella, Renzo e Fabio; Giovanna, Stefano e Saretta; Vittorio e Anna; Alessandro e Angela; Rachele e Buggy. Stefano, Anna, Francesco e Brina; Caio e Daniela; Francesco. Milena. Yuhai Shi. Vasy. Stefan. Lumi&Bela Lugosi. La signora del ristorante di Nesebar. La coppia del ristorante di Sofia vessata dalla mafia.

I diari di Adamo ed Eva
Giorno#1 Adamo&Eva
Giorno#2 Adamo&Eva
Giorno#3 Adamo&Eva
Giorno#4 Adamo&Eva
Giorno#5 Adamo&Eva
Giorno#6 Adamo&Eva
Giorno#7 Adamo&Eva
Giorno#8 Adamo&Eva 
Giorno#9 Adamo&Eva
Giorno#10 Adamo&Eva 
Giorno#11 Adamo&Eva  
Giorno#12 Adamo&Eva   
Giorno#13 Adamo&Eva   



Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…