Passa ai contenuti principali

L'estate in conavigazione

Marzo 2016, manca ormai poco alla sospirata primavera. Cosa sta per succedere?
Ho una serie di progetti in corso, e la necessità di elencarli in un solo post. Un po' per me, un po' perché ognuno di questi progetti prevede il coinvolgimento di terzi, e per coivolgerli devo prima far loro sapere che esiste qualcosa. I "terzi" sono tra voi, e aspettano solo di sapere. Ecco.

C'è il libro (ne ho parlato fin troppo e non sto qui a descriverlo nuovamente), di cui ho ormai le copie in mano. Spedirò a giorni quelle già vendute durante il crowdfunding, chi ancora non l'avesse comprato può contattarmi per una spedizione, o aspettare una decina di giorni e trovarlo su Amazon, IBS e gli altri principali canali online.

Ci saranno le presentazioni del libro, ottima occasione per accattarsene una copia se ancora non lo avete fatto. Almeno un paio prima dell'estate: una a Roma e l'altra a Pisa. Per quest'ultima ho già una data, il 16 aprile. Ne abbiamo una in programma anche a Milano, presso l'Hotel Studios dell'amico Guido, ma saremo probabilmente costretti a riparlarne a ottobre. Perché?
Perché l'estate sta arrivando, Duna mi aspetta a Egina il 15 maggio. E questo è un altro dei progetti di cui vorrei scrivere.

Quest'anno, infatti, il periodo di navigazione sarà ancora più lungo del solito, e avendo già toccato gran parte delle isole greche vorrei arricchire la mia esperienza coinvolgendo altre persone con la formula della conavigazione. Ve la spiego in maniera breve: a giugno incrocerò presumibilmente per l'Argolicos, a due passi da Atene, da solo. A luglio scenderemo (Manu dovrebbe raggiungermi a un certo punto) verso le Cicladi, forse Creta, forse Dodecaneso. Ad agosto si vedrà, mentre a settembre probabilmente riporterò lentamente Duna in Italia: vorrei il prossimo inverno affrontare finalmente il restauro dei legni interni, se lo merita poverina, e ho bisogno mi stia vicina per poterlo fare. In tutto questo invito chi volesse partecipare alla mia navigazione a contattarmi. Chiedo un rimborso spese minimo, quasi ridicolo, che andrà a confluire nel budget "manutenzione e restauro", ma soprattutto voglio avere a bordo solo persone che condividono il mio stesso modo di vivere il mare, la vela, il viaggio e non solo. Nel caso aveste dubbi in proposito provate a farvene un'idea leggendo il blog, o chiamatemi per incontrarci una sera di fronte a una birra.

Nel frattempo ho ormai raggiunto il livello guru/semidio nello Shiatsu e nel Sotai Ho e dato che porterò con me in Egeo l'entusiasmo, la determinazione, la modestia e il futon, chi navigherà con me potrà approfittarne per approcciare il proprio corpo e le di lui paturnie in maniera piacevole ed efficace. Se poi a volersi aggregare fossero proprio colleghi et similia, sappiate che anche quest'anno ho in programma di offrire i miei servigi di terapista onboard ai diportisti delle barche vicine - in porto o in rada - e riterrei interessante poterlo fare insieme.

Last but not least, ho un peroravàgo progetto agostano di una minicrociera all'insegna della bioenergetica in collaborazione con un'amica che di questa disciplina si occupa, tenete presente anche questo.

Contattatemi pure a whileslowly@gmail.com e, per ora,  
Buon vento! 

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…